Insetti

Punture di insetto e bambini: come riconoscerle e quali rimedi usare

Di Francesca Capriati Valentina Murelli
puntureinsetto
20 Maggio 2019
Una guida per imparare a riconoscere le diverse punture di insetto, dalla zecca all'ape fino alla zanzara, e per capire come intervenire nel modo più corretto
Facebook Twitter More

Punture di insetti

La bella stagione non è solo foriera di gite all'aria aperta, lunghe giornate soleggiate, ma anche di fastidiosi insetti che ci ronzano intorno, alcuni dei quali possono anche pungere il bambino. In questa guida proveremo ad illustrarvi tutte le punture di insetto più comuni e i rimedi per il dopo puntura.

 

Punture di zanzara

L'insetto più comune, e per qualcuno il più fastidioso, è uno dei nemici giurati delle mamme in estate. I rimedi per prevenire le punture di zanzara nei bambini sono a base di sostanze naturali, come la citronella, e possono essere utilizzati anche sui vestiti.

  • Come riconoscere la puntura di zanzara: è un piccolo pomfo dalla forma tondeggiante di colore rossastro.
  • I rimedi: per lenire il prurito si può applicare una pomata  a base di calendula o altri unguenti naturali specifici per bambini. In casi più seri il pediatra potrà prescrivere una pomata antistaminica e, in presenza di infezione, una crema antibiotica.

 

Punture di zecca

Non sempre riusciamo ad accorgerci del morso della zecca perché questo insetto può anche restare per giorni attaccata sul corpo. Per questa ragione, dopo una passeggiata nel bosco o nel verde è bene osservare con attenzione tutto il corpo.

  • Come riconoscere la puntura di zecca: in genere la puntura di zecca non provoca né dolore né prurito.
  • I rimedi: se ci accorgiamo della presenza di una zecca dobbiamo rimuoverla utilizzando una pinza per staccarla senza schiacciarla. Dopodiché bisogna disinfettare la zona. Il morso passa spesso inosservato, perché non causa né dolore né prurito: una zecca può rimanere per giorni attaccata a succhiare il sangue del suo malcapitato ospite. Se scopriamo la presenza di una zecca sul corpo, dobbiamo assicurarci di essere coperti con la vaccinazione antitetanica e tenere sotto osservazione la zona colpita: se c'è stata la trasmissione della malattia di Lyme, comparirà un eritema a forma di anello che si allarga sempre di più e in questo caso bisogna rivolgersi subito al medico.
Cos'è la Malattia di Lyme
La malattia di Lyme (borreliosi) è una malattia infettiva causata da un batterio che viene trasmesso attraverso il morso di zecche infette. Il primo sintomo è il cosiddetto eritema migrante, un'eruzione cutanea di colore rosso che si espande sempre di più. E' necessario intervenire tempestivamente per evitare che vengano coinvolti anche pelle, cuore, sistema nervoso, cervello, occhi ed articolazioni. La malattia di Lyme si cura efficacemente con gli antibiotici.

 

Puntura delle pulci

Le pulci sono parassiti comuni che colpiscono gli animali domestici, ma non solo, e che possono pungere anche l'uomo.

  • Come riconoscere la puntura di pulce: si presenta come un piccolo pomfo rossastro e generalmente se ne trovano diverse in punti vicini. Non sono pericolose però se ci si gratta troppo possono causare infezioni sulla pelle.
  • I rimedi: il modo migliore per intervenire è prevenire la presenza delle pulci in casa utilizzando appositi prodotti per cani e gatti.

Puntura di api, vespe e calabroni

La puntura di questi insetti di per sé non è pericolosa - anche se può essere molto dolorosa - ma può causare reazioni allergiche nei soggetti predisposti e in questi casi si deve intervenire subito.

  • Come riconoscere la puntura: innanzitutto provoca un dolore intenso, seguito da prurito, arrossamento e gonfiore. Se l'ape ha lasciato il pungiglione conficcato nella pelle questo appare come un puntino nero. Vespe e calabroni, invece, non lasciano il pungiglione ma lo trattengono.
  • I rimedi: se c'è ancora il pungiglione bisogna estrarlo con un ago sterile o una pinzetta. Per lenire il fastidio della puntura si può usare un impacco con ghiaccio e si può applicare una crema antistaminica, associata al paracetamolo in caso di dolore più forte. Andare subito al pronto soccorso in caso di difficoltà respiratorie, pallore, intensa sudorazione.

Puntura di tafano

Famoso come “mosca dei cavalli” il tafano colpisce ed infastidisce soprattutto nei mesi caldi.

  • Come riconoscere la puntura di tafano: provoca bruciore immediato, con un prurito intenso, e la comparsa di un piccolo pomfo rossastro, con gonfiore e arrossamento e in qualche caso anche anche la produzione di pus.
  • I rimedi: è importante provare ad alleviare il prurito perché grattandosi si può aprire la strada ad infezioni. Si possono, quindi, usare pomate antistaminiche e lenitive e impacchi con il ghiaccio.

Puntura di pappataci

Questi insetti sembrano zanzare biancastre ricoperte di peluria e pungono soprattutto di notte.

  • I rimedi: la puntura provoca fastidio e prurito e possono essere veicolo di virus che provocano una forma non grave di febbre accompagnata da mal di testa e dolori muscolari, in questo caso è bene rivolgersi al pediatra.

 

Puntura di scorpione

Difficile incontrare nel nostro Paese il classico scorpione super velenoso che vediamo nei film, tuttavia esistono anche se, come spiega l'entomologo Moreno Dutto,

hanno un veleno blando, non paragonabile come tossicità a quello di scorpioni africani o americani
  • Come riconoscere la puntura di scorpione: la puntura provoca dolore, gonfiore e arrossamento.
  • I rimedi: innanzitutto, per ridurre il rischio di puntura, evitiamo di camminare a piedi nudi in luoghi a rischio e non infiliamo le mani sotto le pietre o nelle buche. Dopo la puntura possiamo applicare un po' di ghiaccio avvolto in un panno, oppure assumere antidolorifici se prescritti dal medico. Se compaiono sintomi più gravi che possono far pensare ad una reazione allergica andare subito al pronto soccorso.

Puntura della cimice dei letti

Questi piccoli insetti possono colonizzare materassi, cuscini, tende, tappezzeria, ma anche muri e battiscopa.

  • Come riconoscere la puntura di cimice dei letti: in genere colpiscono di notte e al risveglio possiamo trovare una fila di piccoli pomfi rossi che causano un intenso prurito.
  • I rimedi: il medico probabilmente prescriverà cortisonici, antistaminici o disinfettanti per la pelle.

Punture di ragni

I ragni possono mordere e rilasciare sostanze digestive che causano un'infiammazione a livello locale.

  • Come riconoscere la puntura di ragno: solitamente il ragno causa delle piccole ulcere con dolore e gonfiore.
  • I rimedi: è importante tenere sotto osservazione l'evoluzione della puntura e contattare il medico laddove si presentino sintomi più seri.