Psicologia ed educazione

10 consigli per motivare i figli a scegliere uno stile di vita sano

vita-sana-in-famiglia
29 Aprile 2014
I ricatti non funzionano, ancora meno le urla e le minacce. Meglio mostrare ai figli perché fare sport fa bene, spiegare perché è meglio mangiare frutta e verdura che cibo spazzatura, lodare i loro sforzi, dedicargli il proprio tempo. Il sito americano WebMd.com ha stilato il decalogo per stimolare la motivazione dei bambini
Facebook Twitter More

Quando si tratta di motivare i figli ad adottare uno stile di vita sano, spesso anche gli sforzi più ardui non danno risultati. Nemmeno se accompagnati da preghiere, ricatti, urla, minacce, tentativi di corruzione (“se fai questo ti do quello”). Ecco allora il decalogo stilato dal sito americano WebMd.com per avere successo. Non necessariamente solo per farlo crescere sano ma, in generale, anche per motivarlo in qualsiasi altra attività. (Leggi anche Bambini, come insegnare il rispetto delle regole)

1. Mostragli il modo

Se vuoi che tuo figlio mangi verdura, mangia anche tu verdura. Alzati e vai con lui a fare una passeggiata per fargli vedere che muoversi è bello. Sei tu il miglior modello di comportamento che tuo figlio possa avere, ma devi iniziare presto: i bambini cominciano a imitare il comportamento dei genitori fin da piccoli. Resisti allo stimolo di corromperlo per fargli fare ciò che desideri, perché questo modo di fare porta a cattive abitudini.

2. Ricompensalo con il tuo tempo

Invece di ricompensare tuo figlio permettendogli di usare i videogiochi o di guardare la tv (o qualsiasi altra attività sedentaria) se si comporta bene, usa il tuo tempo come ricompensa, e trascorrilo insieme a lui. Andate al minigolf, andate a fare un giro in bici, andate al parco. Questo metodo funziona perché i bambini implorano di avere l’attenzione dei genitori. Non sottovalutare mai l’importanza della tua attenzione nei confronti dei tuoi figli, anche se sono già grandicelli o adolescenti. (Potrebbe interessarti Bambini e tempo libero)

3. Non usare il cibo come ricompensa

Usare dolciumi o cibo spazzatura per ricompensare i tuoi figli insegna loro a considerare il cibo una medicina per lo spirito, un toccasana da utilizzare quando ci si sente tristi o abbattuti, e li spinge a una relazione insana con il nutrimento. E anche utilizzare la negazione del cibo come punizione (“sei stato cattivo, niente gelato”) ha lo stesso effetto: il cibo proibito diventa più attraente. (leggi Il bambino sano mangia così)

4. Loda lo sforzo, non solo il risultato

I bambini hanno bisogno di essere lodati: se vuoi motivare tuo figlio, concentrati più sugli sforzi che ha fatto che sui risultati che ha raggiunto. Se stai cercando di spingerlo a praticare uno sport, digli quanto sei orgogliosa del fatto che faccia gli allenamenti, senza concentrarti sul fatto che vinca o perda una partita.

5. Calma e sangue freddo

Quando cerchi di spingere tuo figlio a fare qualcosa, ma anche quando lo punisci, mantieni la calma: guardando te, tuo figlio impara a controllare (o a far esplodere) le proprie emozioni. Non urlare, non perdere la pazienza: sii concisa e chiara: digli che cosa vuoi che faccia, quando vuoi che lo faccia, spiegagli quali saranno le conseguenze se non lo farà e, infine, non negoziare e sii ferma nelle regole che hai dato. (Buone maniere, prime regole di comportamento)

6. Mostragli che l’esercizio fa sentire bene

Se stai cercando di spingere i tuoi figli a fare più movimento, aiutali ad accorgersi che con l’esercizio fisico si sentiranno meglio grazie alle endorfine rilasciate durante l’attività. E per farlo, fate esercizio insieme: andate in bicicletta, o fate una partita a tennis; e dopo parla di quali sono le tue sensazioni fisiche per permettergli di accorgersi delle sue. (Scegli lo sport giusto per tuo figlio prima dei 6 anni)

7. Compragli un pedometro

Un contapassi può essere utile per spingere tuo figlio a fare movimento. Magari con una gara in famiglia, annotando i risultati di ognuno su una tabella per vedere chi cammina di più. Per il vincitore non serve nemmeno un premio: basta la gratificazione di essere arrivato primo. (Guarda anche Lo sport fa bene ai bambini)

8. Fatti ispirare, guarda gli altri

Non importa in che cosa tu stia cercando di motivare tuo figlio: i bambini e i ragazzini guardano sempre ciò che fanno “gli altri”. Ma tu puoi usare questa tendenza a tuo vantaggio. Portalo a vedere una partita di calcio tra ragazzini, oppure la maratona che si corre vicino alla tua città, ma anche gli acrobati al circo o i ballerini a teatro. Vedere gli altri può motivarlo più di quanto pensi. E poi aiutalo a imitare ciò che ha visto. (Leggi anche Scuola di calcio, come sceglierla)

9. Fai una gara di cucina

Vuoi aiutarlo a imparare a mangiare nuove verdure? Scegline una al supermercato e cucinala in un modo che non hai mai provato prima. Oppure, se tuo figlio è più grande, dagli una lista di ingredienti salutari e chiedi a lui di inventarsi una ricetta per cena. (guarda il video su come preparare una merenda con la frutta)

10. Offri una scelta

Invece di ordinare qualcosa a tuo figlio, dagli la possibilità di scegliere. Chiedigli se vuole fare ciò che deve subito o tra qualche minuto, chiedigli se preferisce lavare i piatti o andare a gettare la spazzatura. I bambini si ribellano quando si accorgono di non avere controllo su ciò che accade, ma diventano più collaborativi quando possono scegliere. E il fatto di dare un’opzione a tuo figlio, gli insegna anche a scegliere accuratamente. (Potrebbe interessarti 10 regole per crescere figli sereni e felici)

Vuoi confrontarti con altre mamme? Entra nel forum

Educazione dei bambini, quanto ne sai? Fai il Quiz

Potrebbero interessarti altri articoli delle sezioni Bambino 1-3 anni, Bambino 3-6 anni e Bambino 7-13