Merenda bambini

Come deve essere la giusta merenda per i bambini

Di Sara De Giorgi
melabambino
03 Settembre 2019
Fare la merenda durante il pomeriggio e a metà mattinata è importante per i bambini. Occorre però scegliere cibi leggeri e non grassi, evitando di dare loro snack e merendine. Ecco una serie di consigli per scegliere la merenda ideale, che sia, al tempo stesso, sana e nutriente.
Facebook Twitter More

La merenda per i bambini costituisce un momento fondamentale della giornata, utile per restituire energie all'organismo, magari dopo l'attività fisica, e alla mente, prima e dopo lo studio.

 

Inoltre, fare la merenda consente di riprendere la carica nelle ore mattutine o pomeridiane e di giungere non eccessivamente affamati al pranzo o al pasto serale. 

 

Secondo quanto sostengono gli esperti dell'Ospedale Bambin Gesù, al fine di facilitare i processi digestivi e di evitare cali glicemici alti, ad esempio, tra la merenda e la cena dovrebbero passare almeno 3-4 ore. Dunque, è meglio non saltare mai la merenda ed è consigliabile prepararla prima di uscire e portarla con sé.

 

E' consigliato dai medici, poi, bere durante tutta la giornata. In particolare, con la merenda pomeridiana sono perfetti l'acqua minerale o naturale, i frullati, i centrifugati e gli infusi di frutta e verdura. Occorre invece evitare le bevande gassate contenenti zucchero, fruttosio e dolcificanti di sintesi, gli Energy drink e le bevande eccitanti.

 

LEGGI ANCHE: Alimentazione bambini, il cibo che rende intelligenti

 

La merenda ideale: come deve essere?

 

Sempre secondo i medici dell'Ospedale Bambin Gesù, la merenda giusta deve avere tre importanti qualità, che sono elencate di seguito.

  1. Deve essere moderata: occorre limitarsi a una sola porzione, non bisogna mai fare il bis!
  2. Deve essere proporzionata: per esempio, per evitare un carico di calorie, non bisogna bere insieme alla merenda scelta una bevanda gassata e zuccherata. Se non si è raggiunto un senso di sazietà è possibile abbinare alla merenda un frutto fresco di stagione.
  3. Deve essere variata: un'alimentazione sana è sempre basata sulla varietà. È bene abituare i bambini e i ragazzi a sapori diversi, alternando merende dolci e salate. 

LEGGI PURE: 10 colazioni veloci e sane da fare prima di andare a scuola

 

Merenda mattutina

 

Lo spuntino mattutino ha il compito di spezzadigiuno ed è utile perché rappresenta una piccola pausa che consente di recuperare le forze. Via libera dunque a:

  1. un frutto,
  2. uno yogurt magro,
  3. un panino (30/50 grammi) piccolo (pane e pomodoro, ecc.).

Non bisogna esagerare con le porzioni e con i cibi grassi. Sono, invece, da evitare:

  1. Yogurt e budini pieni di panna e zuccheri.
  2. Bevande gassate o succhi di frutta ricchi di zuccheri e di coloranti.
  3. Panini con affettati o formaggi.
  4. Patatine fritte (o fritti industriali).

TI PUO' INTERESSARE: Prima colazione, come convicere i bambini che non vogliono farla

 

Merenda pomeridiana

 

La merenda pomeridiana è importante e deve prevedere fonti energetiche di rapido utilizzo, buone al gusto e idonee dal punto di vista nutrizionale. Ecco, proposte dall'Ospedale Bambin Gesù, sette merende differenti per sette giorni.

  1. LUNEDI': frutta fresca e secca di stagione.
  2. MARTEDI': un bicchiere di yogurt o di latte con l'aggiunta di frutta fresca di stagione.
  3. MERCOLEDI': una tortina rustica con verdure.
  4. GIOVEDI': una fetta di pane (meglio se 30 grammi integrale e a lievitazione naturale) con olio e pomodoro.
  5. VENERDI': una fetta di dolce o alcuni biscotti leggeri di lavorazione casalinga o una merendina non farcita.
  6. SABATO: una fetta di pane (30 grammi, integrale) con una fetta di prosciutto crudo, bresaola o formaggio fresco.
  7. DOMENICA: un gelato, meglio se preparato in casa.

Attenzione alle etichette dei prodotti

 

 Spesso, per merenda, si propongono ai bambini snack e merendine. Spesso si tratta di alimenti molto dolci o salati o ricchi di grassi. Secondo la Società italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) è importante ricordarsi sempre di leggere attentamente le etichette di ciò che si propone al bambino, evitando i prodotti confezionati che contengono grassi idrogenati, coloranti, conservanti e con un elevato contenuto calorico.

 

E' importante tenere a mente che la merenda deve essere uno spuntino e non un pasto completo. Può bastare un frutto o uno yogurt o cracker o pane con pomodoro e olio extravergine d’oliva.

 

LEGGI ANCHE: Il menu ideale per il pranzo e per la cena

 

Gli ultimi dati in Italia sul consumo della merenda di metà mattina
I dati relativi al 2016 della sorveglianza OKkio alla Salute, hanno mostrato che il 38,8% dei bambini dell’Asp di Crotone presenta un eccesso ponderale. Una colazione adeguata viene assunta solo dal 53,5% dei bambini e ben il 75,1% consuma una merenda di metà mattina inadeguata. Per quanto riguarda l’attività fisica il 21,7% dei bambini risulta non attivo il giorno antecedente all’indagine. Infine, il 51,9% delle madri di bambini sovrappeso e l'8% delle madri di bambini obesi sottostimano il peso del proprio figlio. Sono questi alcuni dei dati contenuti nel report "OKkio alla Salute. Risultati dell’indagine 2016. Asp Crotone".

Fonti per questo articolo:  Ospedale Bambin Gesù, OKkio alla Salute, Società italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, www.salute.gov.it

 

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA: