Nostrofiglio

Educazione

Capricci: 25 frasi da dire a un bambino per calmarlo

frasi

19 Maggio 2016 | Aggiornato il 16 Aprile 2018
La frase giusta per calmare un bambino agitato non è di sicuro la prima che ci viene in mente. Ecco quindi la life coach americana  Renee Jain che ci spiega come sostituire le frasi più comuni (e sbagliate) con una comunicazione più efficace per educare i bambini a gestire al meglio le emozioni negative. 

Facebook Twitter Google Plus More

Capricci, pianti, scene di rabbia... I bambini ci mettono spesso a dura prova e le loro emozioni così forti ed esagerate ci travolgono e ci fanno dire frasi sbagliate che non li calmano ma li infiammano ancora di più. 

 

 Renee Jain, life coach ed esperta in comunicazione, ha messo a punto una lista di frasi efficaci da dire ai figli e da sostituire a quelle che si usano comunemente.

Leggi anche: Educazione: 9 frasi da non dire MAI al vostro bambino

 

Da leggere, stampare e attaccare al frigorifero di casa!

 

1. Invece di: smetti di buttare tutto per terra!

Provate: quando lanci i tuoi giocattoli per terra, è perché non ti piace giocare con loro. E' così?
Questa frase dovrebbe aiutare a comunicare i sentimenti in modo non conflittuale.

Non solo è un modo per mantenere la comunicazione aperta, ma mostra al bambino la situazione da un'altra prospettiva e dà la possibilità al piccolo di ripensare alle sue azioni. 

 

2. Invece di: i bambini grandi non si comportano così
Provate: i bambini grandi e anche gli adulti a volte provano grandi emozioni. E' normale, ma poi passano. 
Bisogna essere onesti, dire che i grandi non si fanno mai sopraffare da rabbia, frustrazione o ansia, è semplicemente falso. Inoltre cercare di reprimere le emozioni è peggio. Meglio spiegare che sono normali e che poi passano. 

 

3. Invece di: non ti azzardare a picchiare
Provate: va bene essere arrabbiati, ma non ti consento di alzare le mani. E' necessario che tutti siano al sicuro e nessuno si faccia male.
Questo messaggio significa che l'emozione della rabbia è ok, ma l'azione violenta no. 

 

4. Invece di: ti stai comportando male
Provate: è così difficile fare come dico? Vediamo insieme come fare per rendere più facile la situazione

Quando un bambino si rifiuta di obbedire è importante capire perché. Questa frase aiuta a rinforzare l'idea che siete dello stesso team, che lavorate insieme per gli stessi obiettivi. 

 

5. Invece di: adesso stai per ricevere un castigo!
Provate: diamoci una calmata tutti e due...
Capovolgere un castigo in un momento difficile da affrontare insieme, aiuta a connettere anziché isolare.

 

6. Invece di: lavati subito i denti
Provate: vuoi lavare prima i denti della bambola o i tuoi?
Per i bambini piccoli i capricci servono per esercitare il controllo sull'ambiente che li circonda. Offrire una scelta dà loro la possibilità di esercitare questo controllo in un ambito ristretto e deciso da voi.

 

7. Invece di: mangia, altrimenti andrai a dormire affamato!
Provate: cosa possiamo fare per rendere questo cibo più delizioso?

Questa frase serve a responsabilizzare il bambino: dovrà trovare lui una soluzione.

 

8. Invece di: La tua stanza fa schifo! Sei in punizione finché non sarà tutto in ordine

Provate: che ne dici di iniziare a mettere in ordine un angolino della tua stanza? Io ti darò una mano.
Invece di focalizzare su un compito molto gravoso come mettere in ordine tutta la stanza, spostate l'obiettivo sull'iniziare, per dare l'avvio a un compito indesiderato... Poi una volta iniziato il piccolo potrà trovare l'impulso di continuare.

 

9. Invece di: noi siamo pronti! Sbrigati!!!
Provate: che cosa bisogna fare per essere pronti a uscire?

Permettete ai bambini di avere il tempo di pensare a come devono fare per passare da un'attività all'altra, dal gioco all'uscita per andare a scuola... Abituateli a visualizzare le fasi del passaggio, così avranno la possibilità capire che stanno facendo una transizione verso una nuova attività e faranno meno capricci.

 

10 Invece di: basta piagnucolare!
Provate: Che ne dici di dire la stessa cosa con un tono di voce normale?

A volte i bambini si lamentano senza rendersene troppo conto. Chiedendo loro di riformulare in un tono normale, gli si sta insegnando a dire le cose in maniera appropriata.

 


11. Invece di: smetti di lamentarti!
Provate: ho capito. Che ne dici di trovare una soluzione?
Ancora una volta con questa frase date la responsabilità al bambino. La prossima volta che vostro figlio si lamenterà di scuola, cena, fratelli... chiedetegli di trovare una soluzione. Ricordatevi che non ci sono soluzioni sbagliate e anche le più bizzarre vanno bene, purché trovate da lui.


12. Invece di: Quante volte devo ripetere la stessa cosa ?

Provate: vedo che non hai sentito quello che ho detto. Che ne dici se quando dico una cosa, tu  provi a ripetermela sottovoce?
Chiedere al bambino di ripetere, lo aiuta a imprimere il messaggio. Il fatto di farlo sottovoce aggiunge un elemento di divertimento alla richiesta. 


13. Invece di: non ti arrabbiare se non riesci!
Provate: stai facendo una cosa troppo difficile? Fai una pausa e riprovaci tra 17 minuti

Sembra un tempo detto a caso, invece, una ricerca ha dimostrato che l'ideale è lavorare 52 minuti e fare una pausa di 17. Fare una pausa diminuisce lo stress e aumenta la produttività. Questo vale per quando si fanno i compiti, si suona o si fa sport...


14. Invece di: fila in camera tua! 
Provate: ho intenzione di restare qui  fino a quando non sarai pronto per un abbraccio.

Punire vostro figlio isolandolo in camera sua, gli invia il messaggio che c'è qualcosa di sbagliato in lui. In questo modo, invece, lo rassicurate: voi siete lì per lui, pronti a riabbracciarlo appena si sarà calmato.

 

15. Invece di: mi stai mettendo in imbarazzo! 
Provate: andiamo in un posto dove non ci sente nessuno e risolviamo il problema.

Proponendo di risolvere insieme la questione ponete ancora una volta l'accento sul lavoro di squadra senza colpevolizzare i suoi sentimenti.

 

16. Invece di: sospirare e alzare gli occhi al cielo
Provate:  a guardarlo negli occhi, ricordare i suoi punti di forza e fategli un sorriso.

 


17. Invece di: basta urlare!
Provate: che ne dici se facciamo finta di spegnere le candeline del compleanno e facciamo un bel respiro insieme?
La respirazione profonda aiuta a ripristinare il corpo a uno stato di calma. Proporre di spegnere le candeline rende questa pratica divertente. Se vostro figlio è grandicello, potete dirgli di respirare come Darth Vader.

 

18. Invece di: sono troppo fuori di me per parlarti!
Provate: sto perdendo il controllo, ma ora cercherò di calmarmi e sistemare la situazione.
In questo modo insegnate ai bambini che le emozioni forti sono normali, vanno riconosciute e governate.


19. Invece di: te l'avevo detto!
Provate: io ti amo, e ho bisogna che tu capisca che questa cosa non bisogna farla... C'è qualcos'altro che hai bisogno di sapere?

Ciò mantiene le linee di comunicazione aperte e aiuta a esprimere l'emozione in modo sano.


20. Invece di: sto perdendo la pazienza!
Provate: se il verde è la calma, il giallo è la frustrazione e il rosso è la rabbia, io ora sono nella zona gialla verso la rossa. Tu di che colore sei? Che cosa possiamo fare per tornare al verde?
Visualizzare le emozioni con i colori è utile ai bambini per capire meglio quello che provano e li aiuta a trovare soluzioni. 


21. Invece di: è così e basta!
Provate: mi spiace che non ti vada bene, cosa possiamo fare la prossima volta?

In questo modo spostate l'attenzione dalla lotta di potere al trovare una soluzione per la prossima volta.

 

22. Invece di: basta dire no!
Provate: ho sentito il tuo no. Ho capito che tu non vuoi. Vediamo cosa si può fare ...

Riconoscendo il suo "no" decomprimete la situazione. 
E piuttosto che litigare per il sì o il no, pensate insieme a una soluzione per il futuro. 

 

23. Invece di: non ti arrabbiare
Provate: anch'io mi arrabbio ogni tanto. Che ne dici di fare un grido da vero guerriero, così la rabbia se ne va?
Un recente studio ha dimostrato che urlare  aiuta il cervello ad avvertire meno il dolore. Un grido da guerriero può aiutare a incanalare in modo giocoso la rabbia di vostro figlio e tenerla così sotto controllo. 

 


24. Invece di: esageri sempre!
Provate: stai avendo una reazione molto forte per una grande emozione. Se la tua emozione fosse un mostro che aspetto avrebbe?
Quando i bambini sono stanchi, affamati o sovrastimolati, possono avere comportamenti esagerati. Dare un volto a queste emozioni esteriorizza il problema e aiuta i bambini a gestire la loro rabbia interiore. Alla lunga questo esercizio aiuta a sviluppare un controllo sulle emozioni. 

 

25. Invece di: fermati!
Provate: io sono qui per te. Ti amo. Sei al sicuro. Poi sedetevi vicino a vostro figlio e permettete all'emozione di sfociare e passare.

Quando i bambini sono in preda a rabbia o  panico, spesso si sentono fisicamente in pericolo. Facendogli sapere che, invece, sono al sicuro e che li sostenete, li aiutate a uscire dal momento di disagio. Questa è una pratica che gli insegna la resilienza.

 

Leggi anche: Bambini nervosi e agitati, 5 situazioni che li stressano e le strategie per calmarli