Psicologia

Come crescere bambini felici e rispettosi delle regole

Di Sara De Giorgi
regole
21 Ottobre 2019
Come insegnare ai bambini che esistono norme da rispettare? L'argomento è trattato dalla psicoanalista e psicoterapeuta Nicoletta Pizzi nel libro Diamoci una regolata (EPC Editore), che aiuta, attraverso cinque storie di fantasia, ad affrontare problemi e difficoltà che ogni genitore prima o poi incontra nel dover insegnare ai figli l'importanza delle regole.
Facebook Twitter More

Spesso accade che un genitore si chieda, dopo aver rimproverato o corretto i suoi figli per qualche marachella, se è stato troppo severo o magari troppo comprensivo. Per mamme e papà i dubbi al riguardo sono quotidiani: dunque, come muoversi nel campo delle regole? Come insegnare ai bambini che esistono norme da rispettare?

 

Ne parla, in maniera approfondita, la scrittrice, psicoanalista e psicoterapeuta Nicoletta Pizzi nel libro Diamoci una regolata (EPC Editore), che, attraverso cinque storie di fantasia che coinvolgono ragazzini, genitori e insegnanti e che potrebbero capitare davvero, consente di scoprire come affrontare problemi e difficoltà che ogni genitore prima o poi incontra.

 

Abbiamo intervistato Nicoletta Pizzi, chiedendole di raccontarci qualcosa in più sul suo ultimo libro e sul delicato rapporto tra bambini o adolescenti e regole. La dottoressa Pizzi fa parte della "Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica dell’Infanzia, dell’Adolescenza e della Coppia" (S.I.Ps.I.A.), che ha promosso il libro.

 

 

"Diamoci una regolata"

 

L'idea del libro è nata da alcuni episodi di cronaca che hanno colpito l'autrice e che l'hanno portata a riflettere su come provare a trattare l’argomento non molto “popolare” delle regole, in modo da evidenziarne il senso e il significato profondo, e non solo quello di odiosa imposizione.

 

«In generale, ho poi constatato una difficoltà da parte di molti  genitori nel mantenere un atteggiamento di regolazione e di tutela dei limiti da dare ai figli e ciò mi ha fatto riflettere sull'importanza di trovare un linguaggio per parlare in maniera semplice delle regole ai più piccoli, mettendo in evidenza il senso e il significato profondo, non trattandole solo come precetti».

 

 

Come far digerire ai più piccoli la presenza di regole fondamentali per la vita quotidiana

 

«Come cerco di mostrare negli esempi contenuti nel libro, far digerire ai più piccoli le regole passa soprattutto attraverso le parole, che dovrebbero essere semplici ed efficaci. Inoltre, le regole andrebbero comunicate in modo chiaro: non bisogna aspettarsi che siano i figli a capire da soli come comportarsi».

 

È quindi importante spiegare ai più piccoli in modo lineare le regole, rendendole semplici ed efficaci. Secondo la scrittrice non ci si può aspettare un'adesione immediata da parte del bambino, ma occorre tempo perché lui possa comprendere al meglio l'importanza di alcuni limiti.

 

Come affrontare le difficoltà legate alla questione dell’imposizione di “regole”? Meglio essere severi oppure comprensivi?

 

Le regole possono essere considerate degli strumenti che consentono di orientarci tra le difficoltà della vita quotidiana.

 

«Il genitore deve sapersi rendere conto del momento in cui interviene: a volte è importante essere fermi, più che severi; a volte bisogna invece essere più indulgenti. È importante dosare e alternare fermezza e comprensione con sensibilità e attenzione alle situazioni e alle emozioni in gioco. Questo è uno dei modi che abbiamo a disposizione per usare le regole in modo costruttivo».

 

 

Consigli per crescere bambini felici e rispettosi delle regole

 

Di seguito i suggerimenti più importanti secondo l'autrice, cioè:

 

  1. Trovate le giuste parole
    Allenatevi a trovare le parole giuste per comunicare con i vostri figli, fin da piccoli: sono fondamentali. Non bisogna aspettarsi che i figli siano già saggi: i piccoli aspettano di diventarlo grazie agli adulti;
  2. Le regole richiedono tempo
    Date e datevi tempo per fare in modo che accettino le regole. Ci vuole tempo perché l'adesione dei bambini sia vera e radicata;
  3. Abbiate fiducia. Sempre
    Mantenete sempre in loro la fiducia;
  4. Usate un umorismo adatto ai bambini
    Usate anche l’umorismo, scherzate con loro nella maniera giusta, adatta ai più piccoli;
  5. Dagli errori si impara
    Infine, accettate di poter sbagliare e di imparare dagli errori».

TI PUO' INTERESSARE: Come gestire (e prevenire) i capricci

 

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA: