Educazione

I 5 grossi problemi dei genitori di oggi, secondo una super tata inglese

capriccibambini
04 Settembre 2014 | Aggiornato il 14 Settembre 2017
Genitori che hanno paura dei figli, bambini a cui si teme di dire di "no", incapacità di insegnare la buona educazione e abuso di scorciatoie tecnologiche per intrattenere i piccoli. Ecco alcuni dei comportamenti sbagliati che la tata inglese Emma Jenner ha identificato nei genitori di oggi e i motivi per cui bisogna correggerli in fretta.
Facebook Twitter More

La super tata inglese Emma Jenner in un articolo sull'Huffington Post ha messo in luce i problemi più gravi che, secondo lei, affliggono i genitori moderni.

 

Emma Jenner è una tata inglese specializzata nei temi dello sviluppo e comportamento del bambino, con oltre 10 anni di esperienza in famiglie inglesi e americane, nonché autore del libro ‘Keep calm and parent on’ (Mantieni la calma e fai il tuo mestiere di genitore), pubblicato quest’anno da Atria, una guida su come integrare i migliori metodi e le pratiche educativi di stile anglosassone.

 

Ecco i problemi principali dei genitori di oggi e i consigli per correggerli. 

 

 

1) I genitori hanno paura dei capricci dei loro bambini

 

 

Per verificare questa paura la tata sottopone le mamme al test della tazza.  A colazione la mamma deve servire il latte  in una tazza diversa da quella preferita dal bambino. Probabilmente il piccolo urlerà che vuole la sua solita tazza. A questo punto la tata osserva la reazione della mamma che è quasi sempre la stessa: la mamma sbianca e corre a cambiare tazza. “Ma di cosa ha paura questa mamma? Di un capriccio?“, si chiede la tata. “Lasciate che il bambino faccia il suo capriccio, altrimenti  imparerà che tutto deve essere di suo gradimento e che nella vita non ci possono essere disagi. 

Leggi anche: 20 trucchi per gestire i capricci e Capricci come gestirli da 0 a 16 anni

 

 

2) I genitori sottovalutano la capacità dei bambini di imparare le buone maniere 

 


Quando i bambini si comportano male, sia in privato che in pubblico, i genitori tendono a pensare che sia normale: in fondo è un bambino. Ma non è così. “Vi assicuro che i bambini sono capaci di molto di più di quello che i genitori si aspettano. Non ritenete che un bambino possa sedersi educatamente a tavola? Non pensate che possa sparecchiare senza che voi lo chiediate? Che si comporti educatamente? Che rispetti gli anziani e gli altri? L'unica ragione per cui non fanno queste cose è perché i genitori non gliele hanno insegnate. Mostrategli come ci si comporta e abbiate pazienza. Il vostro bambino sarà all'altezza della situazione.”

Leggi anche: 10 modi pratici per educare i bambini all'autonomia

 

 

3) Non c'è più il villaggio a occuparsi dell'educazione dei bambini

 


Una volta, dal conducente dell'autobus, all'insegnante, dal negoziante, agli altri genitori, tutta la comunità  partecipava alla crescita del bambino. Tutti lavoravano per l'interesse comune: la buona educazione dei ragazzi. C'era un intero villaggio a sostenere la crescita dei piccoli. Oggi se qualcuno, che non è il padre del bambino, osa sgridarlo, la mamma e il papà si arrabbiano. Vogliono che il loro bambino sia perfetto e quindi spesso non accettano che insegnanti o altri riprendano i suoi difetti. Hanno bisogno di proiettare un'immagine di perfezione. Ma l'insicurezza di questi genitori è aumentata dal fatto che non c'è un sostegno. Quando un piccolo fa un capriccio, gli altri genitori guardano male la mamma, e invece dovrebbero sostenerla, perché vuol dire che sta cercando di non darla vinta a suo figlio. Gli altri genitori dovrebbero dirle: ”Ehi buon lavoro! So che dare dei limiti ai piccoli è difficile!”

 

 

4) Abuso delle scorciatoie tecnologiche per intrattenerli

 


Le tecnologie sono un grande aiuto. Per esempio, lasciare al bambino il tablet durante un lungo volo in aereo o in sala d'aspetto dal medico, può essere una buona soluzione. Ma pur di non vedere il bambino annoiato o scomposto, molti genitori glielo lasciano in mano anche al ristorante.  Ma così i bambini non imparano la pazienza né a intrattenersi da soli...  Allo stesso modo quando un bambino cade a terra deve  rialzarsi da solo e non chiedere aiuto a mamma e papà. Le scorciatoie che siano le nuove tecnologie o le braccia di mamma e papà, esistono e a volte sono utili, ma meglio ricorrervi solo quando è indispensabile; dà molta più soddisfazione insegnare ai bambini a fare da soli. 

 

 

5) i genitori mettono i bisogni dei figli prima dei loro

 


Certamente è giusto che un genitore adatti la vita alle esigenze di un bambino. Ma i genitori di oggi hanno completamente sottomesso le loro esigenze e la loro salute mentale per il bene dei loro pargoli. “Oggi vedo mamme che si alzano più e più volte dal letto per assecondare i capricci dei loro bambini. O papà che attraversano di corsa un parco giochi alla ricerca di una bibita per la figlia. Non c'è niente di sbagliato in questi gesti, però si può anche dire alla figlia che per bere può aspettare di arrivare a un bar o a una fontana.” I genitori devono avere il coraggio di dire No. 

Leggi anche: Bambini, come insegnare il rispetto delle regole

 

“Il problema è che se non iniziamo a correggere questi cinque errori ci troveremo davanti ad adulti egoisti, impazienti e maleducati. E non sarà per colpa loro ma nostra. Non gli abbiamo insegnato modelli diversi. Non ci siamo aspettati nulla da loro. Non gli abbiamo fatto sentire nessun disagio e quando da adulti si troveranno davanti ai primi problemi saranno impreparati. Quindi per favore, genitori di tutto il mondo chiedete di più, aspettatevi di più. Condividete le lotte. Date meno. Cerchiamo di crescere i nostri bimbi, insieme, e prepariamoli per quello di cui hanno davvero bisogno nel mondo reale.” conclude Emma Jenner.