Educazione

Mamme di figli maschi, 15 consigli per crescere uomini sicuri di sé e buoni mariti

mammafiglimaschi
27 Ottobre 2014 | Aggiornato il 01 Marzo 2018
Abituatelo a fare  lavori domestici, lasciatelo giocare con giochi da "femmina", incentivate le amicizie con le bambine, insegnategli a esprimere le sue emozioni e soprattutto educatelo all'indipendenza e all'autonomia. Solo così diventerà un uomo sicuro di sé e in grado di costruire legami solidi con le donne. Ecco i consigli della psicologa Anna Oliviero Ferraris.
Facebook Twitter Google Plus More

Crescere figli maschi oggi non è facile. Nel mondo del lavoro e di coppia, i  vecchi modelli sessisti sono tramontati e le donne sono più che mai preparate e competitive.  Ma un figlio maschio cresciuto in un ambiente famigliare che non tiene conto di questo cambiamento della società, può finire per sentirsi spiazzato, confuso e persino inadeguato.

 

Ecco perché le mamme devono preparare i piccoli a essere autonomi, indipendenti, a imparare dalle femmine e a non avere pregiudizi sessisti.  Abbiamo chiesto  alla psicologa Anna Oliviero Ferraris  qualche consiglio.  Leggi anche: Come crescere figli maschi da 0 a 16 anni

 

1 Coinvolgetelo in attività considerate femminili

Insegnategli ad apparecchiare e sparecchiare, preparate una torta insieme...  Abituatelo ad attività tradizionalmente femminili. "Vostro figlio sarà contento di fare qualcosa insieme alla sua mamma" dice la Ferraris. "Inoltre imparare a fare lavori domestici gli sarà utile quando sarà grande".

 

2 Trasmettetegli il valore di essere donna 

La falsa credenza che comportarsi "da femmina" sia segno di debolezza è ancora molto radicata. Insegnategli che non è così, che essere donna è bello, e che in tutti gli uomini c'è un lato femminile e che questa è una caratteristica positiva, che va ascoltata e coltivata.

 

3 A piccoli passi verso l'autonomia

"La simbiosi tra madre e figlio è molto importante quando il piccolo è neonato. Ma dopo l'anno di vita dobbiamo abituarlo all'autonomia" dice l'esperta. Ad esempio, meglio evitare di dormire insieme nel lettone: se lo lasciamo dormire con noi, prolunghiamo il cordone ombelicale e creiamo un problema di intimità irrisolta e una dipendenza corporea che si porterà dietro per sempre.  Leggi anche: 10 modi pratici per educare i bambini all'autonomia

 

4 Fatelo giocare con le bambine

L'inizio della scuola materna è l'occasione per incoraggiare l'amicizia anche con le femmine. I giochi con le bambine saranno diversi da quelli che fa abitualmente con gli altri maschi, imparerà cose nuove ed esplorerà mondi che gli erano sconosciuti.

 

5 Non comprategli solo giochi da maschio

Lasciate i bambini liberi di scegliere anche giochi considerati da femmina. "Travestimenti, bambole, pentolini... sono tutti giochi che incuriosiscono anche i maschi. Lasciateli quindi liberi di sperimentare i giochi che vogliono, anche quelli tipicamente da femmina, se lo desiderano. Non c'è ragione di temere per la loro sessualità" dice la Ferraris.

 

6 Evitate videogiochi e cartoni troppo violenti

I maschi di per sé sono più fisici e maneschi delle femmine, sta a voi (e al padre) far sì che tale fisicità non si trasformi in violenza. "Dovete cercare di limitare videogiochi e film o cartoni che esaltino la violenza maschile, tipo supereroi, soldati, robot... e quando glieli lasciate vedere commentate che non siete d'accordo con questo modello".

 

 

7 Fategli praticare uno sport di squadra

Per sfogare la sua fisicità fategli fare tanto sport, soprattutto di squadra: calcio, pallavolo, rugby... così oltre ad imparare il rispetto delle regole, imparerà a gestire il rapporto con i compagni di squadra. Leggi anche: Sport per bambini, come scegliere l'attività più adatta a vostro figlio

 

8 Lasciate che passi dei momenti da solo con il padre

"Il ruolo del papà è molto importante perché il piccolo verso gli 8-9 anni inizia a identificarsi con lui". Cercate di favorire dei bei momenti col suo papà: una gita, una pizza solo loro due. Avere un modello lo aiuterà a sentirsi più sicuro.

 

9 Quando è piccolo non preoccupatevi se sembra in ritardo rispetto alle coetanee

Non siate troppo iperprotettive col vostro bambino perché lo vedete più goffo o meno spigliato delle femmine. Sono normali tappe evolutive. Le femmine sviluppano prima il linguaggio e la coordinazione ma poi i maschietti le raggiungono e si mettono in pari. 

 

10 Insegnategli a esprimere i suoi sentimenti con le parole

Spesso si pensa che il maschio non abbia bisogno di esternare i suoi sentimenti. E' normale per lui tenersi tutto dentro. Non è così. Bisogna insegnare ai bambini a parlare, a spiegare a parole la loro rabbia o la loro gioia.

 

11 Educatelo all'indipendenza

"Un bambino troppo dipendente dalla madre, da adulto cercherà nella compagna la stessa relazione di dipendenza, che potrebbe rivelarsi difficile da gestire in caso di separazione". Abituatelo fin da bambino a piccole separazioni: mandatelo in campeggio con i boy scout, iscrivetelo a un campus estivo, fategli passare qualche giorno a casa di un amico...

 

12 Siate mamme "femministe"

Il buon esempio di un rapporto di coppia sano e paritario parte da voi. Dimostrategli di essere donne che si fanno rispettare dagli uomini e sicuramente imparerà a sua volta a rispettare le donne. Leggi anche: La violenza contro le donne spiegata ai ragazzi e alle ragazze

 

13 La vostra vita di coppia è con vostro marito 

Vostro figlio è l'amore più grande, non ci sono dubbi. Ma il vostro uomo non è lui ma il padre. Tenete degli spazi per la vita di coppia: uscite a cena, andate al cinema, fate vedere a vostro figlio quanto è importante  la relazione tra marito e moglie.

 

14 Aiutatelo a superare le prime delusioni amorose

I maschi spesso fanno fatica ad accettare di essere lasciati dall'amata. Parlategli, stategli vicino, raccontate le vostre delusioni d'amore, spiegategli che il dolore della perdita col tempo passa, ed è normale, è una cosa che capita a tutti. Evitate di parlare male della ragazza in questione. Il vostro compito è far sentire vostro figlio compreso e non di dare giudizi sulle persone. Leggi anche: Adolescenti tra sesso e amore, consigli ai genitori

 

15 E quando è il momento... lasciatelo andare

Quando ormai è grande cercate di comprendere il suo bisogno di indipendenza. E quando vi annuncerà che è pronto per andarsene di casa, dimostratevi all'altezza e non ditegli frasi che lo facciano sentire in colpa.  Amare un figlio significa anche saperlo lasciar andare quando è il momento. Leggi anche: Papà di figlie femmine, 15 cose che dovreste proprio sapere

 

Guarda il video: Il ruolo del papà per i figli maschi