Salute bambini

8 farmaci da non dare MAI ai bambini piccoli

medicineebambini
13 Luglio 2015 | Aggiornato il 09 Dicembre 2016
Dall'aspirina ai medicinali antinausea, dai farmaci sotto forma di gomma da masticare a quelli da banco contro tosse e raffreddore, ecco i prodotti da evitare sotto i due anni d'età, secondo il sito americano Babycenter.com.
Facebook Twitter Google Plus More

Neonati e lattanti non sono bambini in miniatura, né tantomeno adulti in miniatura. Per questo, quando si tratta di medicinali, bisogna stare particolarmente attenti, evitando in tutti i modi il "fai da te" (anche con prodotti da banco), per non correre rischi potenzialmente gravi. Il sito americano Babycenter.com ha stilato una lista dei medicinali che non andrebbero mai somministrati ai bambini con meno di uno o due anni di età.

 

1. Aspirina


Mai dare aspirina o farmaci a base di aspirina (il principio attivo è l'acido acetilsalicilico) ai bambini piccoli, e in generale sotto i 16 anni. In particolari circostanze, infatti, questo farmaco può predisporre alla sindrome di Reye, una malattia molto rara ma anche molto grave e potenzialmente fatale che colpisce fegato e cervello.

 

2. Dosi extra di paracetamolo o ibuprofene


In caso di febbre alta o dolori, il pediatra può suggerire la somministrazione di paracetamolo e ibuprofene, ma attenzione a rispettare i dosaggi previsti. Molti farmaci contengono questi principi attivi e bisogna stare attenti a non dare ai bambini dosi extra rispetto a quelle previste.

 

3. Medicinali da banco contro la tosse e il raffreddore


Tosse e raffreddore possono essere molto fastidiosi e la tentazione di utilizzare uno dei tanti farmaci che si possono acquistare in farmacia senza ricetta è forte. Eppure è meglio non farlo: secondo l'American Academy of Pediatrics questi prodotti offrono scarsi benefici e potrebbero avere seri effetti collaterali, dalla sonnolenza al rash cutaneo, dal dolore di stomaco alle convulsioni.


Meglio affidarsi a piccoli rimedi casalinghi, come i lavaggi nasali con soluzione fisiologica, che aiutano a dare sollievo.

4. Farmaci antinausea


Nausea e vomito sono sintomi piuttosto comuni nei bambini, specialmente in seguito a infezioni virali. Anche in questo caso, però, è da evitare il ricorso fai da te ai farmaci, che possono avere effetti collaterali. Solo in alcuni casi, i più gravi, il pediatra potrà prescrivere medicinali appositi.


È bene comunque ricordare che spesso nausea e vomito sono fenomeni temporanei, che si risolvono velocemente da soli, e che il rischio principale è la disidratazione. Per contrastarla, si possono somministrare al piccolo soluzioni reidratanti a base di sali minerali.

 

5. Farmaci per adulti a bambini (sopra 1 o 2 anni)


Somministrare ai piccolissimi dosi inferiori di farmaci indicati per adulti o per bambini più grandi può essere pericoloso e va evitato. Se il foglietto illustrativo di un farmaco non riporta una dose indicata per il peso e l'età del vostro bambino, semplicemente non bisogna darglielo.

 

6. Farmaci prescritti a qualcun altro o per altre indicazioni


Dai a tuo figlio solo ed esclusivamente i medicinali che il medico ha prescritto per lui e per la particolare condizione di cui soffre. Farmaci prescritti per altre condizioni, anche se simili, o ad altre persone (anche se si tratta di parenti stretti, come fratellini) possono essere inefficaci o pericolosi.

 

7. Medicinali scaduti


I farmaci scaduti (anche quelli da banco) potrebbero essere inefficaci o addirittura pericolosi. E anche se non sono scaduti, evita di utilizzare farmaci che presentano un aspetto (colore, odore ecc.) diverso rispetto a quello che avevano quando hai aperto la confezione.

 

Attenzione: non gettare i farmaci scaduti nella spazzatura comune. Ci sono appositi raccoglitori, in genere in farmacia.

 

8. Farmaci sotto forma di gomma da masticare


Nel caso dei bambini piccoli, le gomme da masticare possono comportare il rischio di soffocamento, dunque se si tratta di farmaci  è meglio preferire altre formulazioni.

 

NUMERI UTILI in caso di dubbi sul farmaco 


In caso di ingestione accidentale di un farmaco da parte di un bambino, contattare subito un Centro antiveleni per avere informazioni su come procedere. Ecco alcuni numeri utili:
- Centro antiveleni ospedale Papa giovanni XXIII di Bergamo - Numero verde 80088330;
- Centro nazionale di informazione tossicologica IRCCS Fondazione S. Maugeri di Pavia - 0382/24444;
- Centro antiveleni ospedale Niguarda Ca' granda di Milano - 02/66101029;
- Centro antiveleni del Policlinico Universitario Agostino Gemelli - 06/3054343;
 - Centro antiveleni ospedale Cardarelli di Napoli - 081/7472870 oppure 081/5453333;
- Altri centri.