Autismo

Autismo, l'importanza del papà per il benessere di mamma e bambino

padrieautismo
16 Luglio 2015
I padri che si prendono cura dei figli autistici, non solo aiutano lo sviluppo del bambino, ma anche favoriscono il benessere psicologico delle madri, spesso soggette a stress e depressione. E' quanto emerso da una ricerca dell'università dell'Illinois (Usa)
Facebook Twitter Google Plus More

I padri di bambini autistici che leggono libri e che hanno un ruolo attivo nel prendersi cura dei figli, non solo promuovono lo sviluppo del bambino, ma anche sostengono la salute mentale della madre. Lo dimostra una nuova ricerca.


Le madri di bambini con autismo hanno riportato un minor numero di sintomi depressivi nelle famiglie dove il padre si è impegnato in attività di alfabetizzazione e di assistenza del piccolo, come calmarlo quando è sconvolto o portarlo dal dottore. Questo è quello che è emerso da uno studio condotto dall'università dell'Illinois. 


L'autore principale, Daniel J. Laxman, ha analizzato 3.550 bambini, di cui 50 bambini con disturbi dello spettro autistico e 650 bambini con altre disabilità.

Nella ricerca si è anche valutato il benessere delle madri e il coinvolgimento dei padri nella gestione dei figli (leggergli dei libri, giocare, fargli il bagno...). 


Un maggiore coinvolgimento dei padri nella cura dei  bambini con autismo è particolarmente importante, in quanto le madri di questi bambini sperimentano livelli di stress, depressione e ansia  più elevati delle altre madri.

 

Leggi anche: Autismo: i primi segnali nel pianto e movimenti

 

"Un padre che legge un libro al bambino, o accorre quando piange, dà alla madre una tregua, permettendole di dedicarsi ad altre attività e di prendersi cura di se stessa. In questo modo migliora il suo umore e riduce ansia e stress.
Inoltre, uno dei problemi principali dell'autismo è la difficoltà di comunicazione, ed è questo uno dei motivi principali dello stress e della depressione delle madri. Può essere davvero frustrante per un genitore e sconvolgente per un bambino, quando non si riesce a comunicare. 


I papà raccontando storie, leggendo libri e cantando canzoni insegnano parole nuove e migliorano la comunicazione dei figli. E quindi alleviano la madre da questa preoccupazione" dice Laxman. 

"Nelle famiglie  con bambini autistici i fattori di stress sono enormi e le madri hanno bisogno di tutto il sostegno possibile per essere in grado di continuare a funzionare in modo efficace. Quello che chiediamo agli uomini è di essere più coinvolti. Infatti una ricerca precedente ha messo in luce che nella maggior parte delle famiglie con bambini autistici i padri si occupano molto meno delle madri. E', invece, fondamentali che gli uomini capiscano le ragioni del perché è importante il loro supporto e l'impegno attivo come genitore è così critico sia per la madre , sia per il bambino” dice Brent A. McBride, co-autore dello studio.

 

Lo studio dell'università dell'Illinois ha preso in considerazione solo le  famiglie in cui entrambi i genitori biologici vivono insieme con il bambino, in modo da analizzare quanto il comportamento del padre possa influenzare i sintomi depressivi della madre. 

 

Tuttavia da precedenti ricerche si è visto che il conflitto tra madri e padri aumenta quando gli uomini vengono maggiormente coinvolti nella cura del bambino.  Quindi è importante che i genitori si mettano d'accordo sul tipo di disciplina da dare e come gestire le attività quotidiane del bambino, come vestirlo, cosa dargli da mangiare...

Leggi anche: 10 cose che un bambino con autismo vorrebbe che tu sapessi

 

“E' molto importante, se vogliamo che i padri facciano di più, che si confrontino con le madri se ci sono dei metodi educativi diversi. Il che non è per forza un male, anzi può essere un bene per i bambini ricevere diversi punti di vista. E' però importante che i genitori cerchino di essere il più possibile d'accordo, e quando non lo sono si devono sforzare di  trovare un compromesso, in modo da interagire con i figli in modo coerente" conclude Laxman.