Salute

Bambini, piccoli disturbi in vacanza

bambino_medico
08 Luglio 2008
Gli esce sangue dal naso, soffre il mal d'auto o lo ha punto un insetto? Niente panico, leggi i consigli.
Facebook Twitter Google Plus More

SANGUE DAL NASO - Nella maggior parte dei casi sembra molto peggio di com’è. Per fermare l’emorragia del bimbo, fai piegare in avanti la testa del bimbo, invita il bimbo a soffiarsi il naso per eliminare eventuali coaguli di sangue che si sono formati e stringi le narici tra indice e pollice per 5-10 minuti. Il bambino deve andare dal medico se il sanguinamento è stato provocato da una caduta, se dura a lungo o se è molto forte.

MAL D'AUTO - I lattanti sono fortunati: non ne sono colpiti. Così si risparmiano eaccessi di sudorazione, nausea e disturbi gastrici. I bimbi di un anno possono però sentirsi male in auto già dopo poche curve, e anche gli adulti non sono da meno.

Come prevenire: non lasciare che il bambino colori o che legga, in macchina il bambino dovrebbe guardare avanti, non di lato. Potresti versare un po’ di gocce di olio di menta sul palmo della mano del bambino, per dargli l'apparenza di respirare aria fresca; anche una fetta di limone da succhiare fa bene. Ai bambini invece bisognerebbe dare chewing-gum e cerotti contro il mal d’auto solo dopo aver parlato con il medico. Anche le donne dovrebbero farne a meno in gravidanza e durante il periodo dell’allattamento.

PUNTURE D'INSETTO - Quelle di vespe e api sono dolorose, ma di solito sono innocue. Se il pungiglione si trova ancora nella pelle, deve essere subito estratto. Raffredda il luogo della puntura con uno straccio bagnato o con un impacco freddo. Contro dolori e gonfiori possono aiutare anche una cipolla tagliata, un gel per le punture di insetti, gli impacchi di aceto. In caso di reazioni allergiche o di una puntura in bocca, vai velocemente dal medico.

INSOLAZIONE - Si manifesta attraverso i seguenti sintomi: viso paonazzo, testa caldissima, giramenti di testa, nausea, brividi. Porta subito il bimbo al fresco, stendilo in modo che il busto sia leggermente sollevato, raffredda la testa con dei panni freddi umidi e dagli tanto da bere. In caso di vertigini o di perdita di coscienza, metti il bimbo di lato in una posizione stabile e fai venire velocemente un medico.

DIARREA - Può portare alla disidratazione del corpo del piccolo. La terapia quindi è: bere molto! Ai bimbi in età da allattamento che non vogliono bere dal biberon i genitori possono dare una soluzione salina al glucosio con una siringa di plastica sull’angolo della bocca. Ai bambini più grandi si possono dare in alternativa anche acqua minerale naturale, tisane al cumino, al finocchio o infusi di rosa canina.

MAL D'ORECCHIE - Può essere attenuato con un impacco di cipolle. Allo scopo, taglia a pezzetti una cipolla, scaldala attentamente in microonde o con una borsa dell’acqua calda, avvolgila in un panno spesso e fissa il pacchetto all’orecchio dolorante con una fascia, un berretto o uno scialle.

EMATOMI E CONTUSIONI - Si gonfieranno meno se ci metti sopra subito un panno umido, un cucchiaio freddo in metallo o un impacco freddo.

ESCORIAZIONI - Raramente sanguinano forte. Comunque le impurità possono arrivare nella ferita e portare a un'infezione. Per questo, lava la parte ferita sotto l’acqua corrente e rimuovi eventuali sassolini o schegge con un panno pulito o con una pinzetta. Lascia asciugare all’aria.

FEBBRE - Ai bimbi piccoli spesso arriva all'improvviso. Con i bimbi al di sotto dei sei mesi vai subito dal medico! Se parliamo di un bimbo più grandicello, dipende da come si sente in generale: se è vivace lo si può curare da soli. Ciò significa che gli si può dare da bere in abbondanza, lo si può vestire leggero se è caldo, vestirlo più pesante se ha freddo. Gli impacchi d’acqua fredda sui polpacci aiutano se la febbre sale sopra i 39 gradi.

FERITE SUPERFICIALI - Lasciate sanguinare un po’ prima di ricongiungere leggermente i margini della ferita e di coprire con un cerotto. Le ferite superficiali più grandi (a partire da un centimetro) devono essere curate da un medico. Vale anche nel caso in cui siano presenti segni di una commozione cerebrale quale effetto collaterale della ferita.

VESCICHE - Non farle scoppiare. Se si è aperta, metti un cerotto leggero sulla ferita per tenerla pulita.

Consiglio finale: porta il numero del tuo medico quando vai in vacanza: puoi sempre chiedere un consiglio a lui.

Articoli correlati:

Primo soccorso in vacanza

Bambini, il meglio del sole

Vuoi saperne di più? Consulta la sezione dedicata alla salute del bambino

Vuoi conoscere o scambiare informazioni con altre mamme? Entra nel forum dedicato a salute e malattie