Salute bambini

Il bambino non si sa soffiare il naso: un gioco per imparare

soffiarenasobambino
08 Ottobre 2014 | Aggiornato il 05 Ottobre 2018
Ecco un giochino divertente per dire addio al nasino spiacevolmente intasato dal muco. Come insegnare al bambino a soffiarsi il naso
Facebook Twitter Google Plus More

Ci sono bambini, anche grandicelli, che proprio non ne vogliono sapere di soffiarsi il naso. Di solito non si tratta di un banale (anche se faticoso) capriccio né di una generica testardaggine, ma proprio dell’incapacità di gestire il movimento. Ecco un giochino divertente per insegnaglielo e poi dire addio per sempre al nasino spiacevolmente intasato dal muco.

Si impara... soffiando dal naso!

Munirsi di una pallina da ping pong (di plastica rigida e leggerissima) e di una scatoletta di cartone. Porre la pallina al centro del bordo del tavolo e posizionare dall’altro lato del tavolo la scatola di cartone, come se fosse la porta di un campo di calcio.

 

Il gioco consiste nel soffiare con il naso (e solo con il naso e non con la bocca, pena la squalifica) contro la pallina indirizzandola verso la porta di cartone per fare goal.

La mamma e il papà devono iniziare (a scopo di dimostrazione).

 

La sfida

Si può poi fare una gara coinvolgendo ovviamente il bambino: vince chi in tre minuti fa più goal. Dopodiché quando serve che si soffi il naso basta ricordargli di fare come durante il giochetto della pallina.