Asilo nel bosco

Aperto in Italia il primo asilo nel bosco

 
scuola-bosco
11 Settembre 2014
Foglie, pigne e sassi al posto di quaderni, pennarelli e giochi; prati boschi e ruscelli al posto di aule e banchi.  Nella campagna di Ostia Antica ha aperto il primo asilo (nido e materna) nel bosco dove si insegna ai bambini attraverso l'esperienza e il contatto con la natura.
Facebook Twitter More

A quale bambino non piacerebbe trascorrere la giornata all'aria aperta, giocando tra gli alberi, rotolandosi per terra, sguazzando tra i ruscelli, piuttosto che entrare in un' aula scolastica?  

 

Ma da quest'anno ha aperto in Italia una nuova realtà che unisce educazione e esperienze all'aperto: l' asilo nel bosco. Qui  non ci sono aule, né banchi e soprattutto niente cemento, solo una vecchia cascina per ripararsi in caso di pioggia.

 

Si tratta di un progetto pilota sorto nella campagna di Ostia Antica, dalla collaborazione tra l'asilo Emilio e l'associazione Manes.

 

Ma se in Italia è una novità, non lo è per il resto d'Europa, dove le strutture analoghe, i forest  kindergarten, sono molto diffusi, ad esempio in Germania sono già più di mille. Il primo asilo di questo tipo fu aperto in Danimarca addirittura negli anni '50.

 

 

Un modello educativo che si ispira alla Montessori

 

Alla base c'è un concetto pedagogico di stampo montessoriano: l’apprendimento attraverso l’esperienza e la natura come maestra di vita.

Infatti, secondo i principi dell'educazione montessoriana, l'ambiente aperto e la natura hanno degli effetti benefici sorprendenti sia dal punto di vista della salute fisica che di quella psicologica. Mentre l'ambiente chiuso rende i bambini meno attivi mentalmente e fisicamente. 

Leggi anche: scuola Montessori, principi e obiettivi per il bambino

 

I vantaggi dell'asilo nel bosco

 

A dimostrare i benefici di questo tipo di asili ci sono anche le ricerche scientifiche condotte dal professor Peter Hafner dell’università di Heidelberg  e dalla professoressa Michela Schenettiche, dell’università di Bologna. Questi studi hanno messo in evidenza come i bambini che frequentano l’asilo nel bosco sono molto creativi e curiosi, prestano una maggiore attenzione e si concentrano di più, rispettano di più le regole e risolvono i conflitti in modo pacifico, inoltre sembra che si esprimano in maniera più precisa e argomentino meglio le proprie opinioni.

Leggi anche: il parco giochi The Land

 

"Il nostro asilo nel bosco è un progetto pedagogico rivolto ai bambini dai 2 ai 6 anni che si propone di rispondere ai loro bisogni attraverso una quotidianità scolastica che si svolge quasi per intero all’aria aperta. Nell’asilo nel bosco la classe, intesa come spazio chiuso e sempre uguale, scompare e lascia il posto all’ambiente esterno ricco di stimoli. Così i bambini ‘imparano facendo’ attraverso diverse esperienze che stimolano la curiosità, l’immaginazione, l’autonomia e la creatività”, dice il coordinatore del progetto Paolo Mai. 

Inoltre nell'asilo nel bosco i bambini imparano l'educazione ambientale e il rispetto per la natura.

Leggi anche: Eco-genitori si diventa

 

L'aspetto economico

 

A rendere l'asilo nel bosco un modello possibile per il futuro è anche l'aspetto economico.  Infatti costa molto meno rispetto a una struttura tradizionale. Addirittura in Germania hanno calcolato l'80% in meno. E per il pubblico potrebbe essere un gran risparmio.