Campagna in Lombardia

Malattie infettive, 6 consigli per prevenire il contagio

viruscontagio
24 Giugno 2009 | Aggiornato il 09 Marzo 2016
Le più diffuse sono 19 e comprendono congiuntiviti, meningiti, varicella, scarlattina ... In molti casi il contagio può essere evitato adottando semplici precauzioni di igiene a casa e a scuola, anche quando non ci sono bambini o adulti malati in circolazione. Ecco i consigli tratti dall'opuscolo sulle malattie infettive pubblicato dalla regione Lombardia. 
Facebook Twitter Google Plus More

Come prevenire il contagio tra bimbi quando si parla di malattie infettive? Da un opuscolo della Regione Lombardia, i trucchi per cercare di non ammalarsi a vicenda.

 

1 - LAVARSI LE MANI, prima e dopo la manipolazione di alimenti, dopo l'utilizzo dei servizi igienici, prima e dopo il cambio del pannolino, prima e dopo la pulizia o la medicazione di un soggetto non autosufficiente. E ancora: dopo i giochi all'aperto, dopo le esercitazioni con pitture, creta e argilla, dopo la ginnastica ...

 

2 SPAZZOLINI, PETTINI E SALVIETTE devono essere strettamente personali. Negli asili nido e nelle scuole con bambini sotto i sei anni si consiglia di usare materiale monouso (asciugamani, fazzoletti di carta e tovaglioli, tovaglie), di stare attenti all'uso promiscuo di sciarpe, cappelli e lenzuola per il lettino, di provvedere al lavaggio almeno una volta alla settimana di bavaglini, lenzuoline, federe, di lavare tutti i giorni i giochi (in lavatrice o con ipoclorito di sodio e abbondante risciacquo), di lavare bene biberon e tettarelle e poi conservarli in un contenitore asciutto, di lavare le stoviglie dopo l'uso.

 

3 - ALIMENTI SOTTO CONTROLLO. Si consiglia, tra l'altro, di acquistare prodotti da fornitori affidabili e con l'etichetta, di non ricongelare alimenti scongelati, di 'sanificare' superfici e utensili che entrano a contatto con il cibo, oltre a mani e guanti, di lavare sotto l'acqua corrente la frutta e la verdura e tenerle a bagno per qualche minuto; carne, pesce e uova devono essere ben cotti; i prodotti a base di creme e uova, da conservare in frigo, devono essere consumati in giornata.

 

4 - APRIRE LE FINESTRE E UMIDIFICARE. Insomma, bisogna cambiare spesso l'aria nei locali, soprattutto quando il riscaldamento è acceso. L'umidità inferiore al 60-70% facilita le infezioni alle prime vie aeree. Raccomandato anche l'uso di umidificatori.

 

5 - IGIENE DEGLI AMBIENTI. E' consigliata la rimozione dello sporco dai pavimenti e dai bagni, tutti i giorni, con la scopa o uno straccio e una volta alla settimana con disinfettante (ipoclorito di sodio, lisoformio). Eventuali imbrattamenti (feci, materiale biologico, residui di cibo) vanno tolti subito. Per le pulizie è sconsigliata l'ammoniaca perché non ha potere disinfettante ed è tossica.

 

6 - GUERRA ALLE ZANZARE. In inverno: pulire recipienti e/o contenitori all'esterno per eliminare le uova svernanti dell'insetto, in cantina e solaio due interventi con insetticida a distanza di 20 giorni l'uno dall'altro. In primavera ed estate: mettere nei vasi e sottovasi portafiori fili di rame che sono tossici per le larve di zanzare, non abbandonare contenitori che possono raccogliere acqua piovana e colmare piccoli fori e cavità in cui l'acqua potrebbe ristagnare, coprire i contenitori che non si possono muovere con zanzariere o teli impermeabili, pulire e trattare i tombini di raccolta delle acque piovane con prodotti larvicidi (1 maggio-30 ottobre, ogni 10-20 gg).

 

E SE LA MALATTIA ARRIVA ... e il bambino infetto è a scuola, le maestre devono informare subito i genitori per il rientro a casa ed evitare i contatti con gli altri bambini. In genere dopo cinque giorni di assenza, il bambino non è più contagioso e può rientrare senza certificato medico. Però se si tratta di malattia esantematica, congiuntivite purulenta o diarrea il genitore è tenuto a contattare il medico e attenersi alle sue indicazioni. 

 

I consigli sono tratti dall'opuscolo sulle malattie infettive pubblicato dalla regione Lombardia. Sono disponibili on line anche le schede delle 19 malattie infettive più diffuse in Italia. Se vuoi stampare l'opuscolo o le schede, clicca qui.