Attualità

Perché quella mamma è tutta vestita di nero?

Di Angela Bisceglia
mamma-burqa-bambino.180x120
21 settembre 2010
Una mamma col burqa va a prendere il bambino all'asilo: è successo nella provincia di Latina e alcune mamme si sono lamentate perché i loro figli si sarebbero spaventati. Che cosa avrebbero dovuto dire ai loro bambini? Lo abbiamo chiesto alla psicologa

Qualche giorno fa in un asilo di Sonnino, paesino in provincia di Latina, entra una madre a prendere suo figlio, con il volto coperto dal burqa.

 

E tra le mamme degli altri bambini scoppia la polemica: quel velo che copre il volto spaventa i loro piccoli, senza considerare che "sotto il lungo vestito potrebbe nascondersi chiunque, anche un malintenzionato che avrebbe libero accesso nella scuola".

 

Un caso analogo era accaduto un paio di anni fa ad Arluno

 

Tornando a Latina, la soluzione al problema è presto arrivata: la donna magrebina ha accettato di scoprire il volto quando arriverà a scuola per accompagnare e riprendere il proprio figlio. Il caso insomma si è chiuso, ma perché i bambini si sarebbero spaventati? E qual è l’atteggiamento corretto da parte di noi genitori?

 

“Sicuramente per i nostri bambini si tratta di un fatto inusuale, al quale non sono abituati e, come qualunque cosa nuova, potrebbe incutere in loro timore” fa notare la psicologa Anna Maria Roncoroni.

 

“Non vedere il volto di una persona può far credere di avere di fronte a sé un ‘mostro’, un ‘cattivo’. Per superare questi sentimenti è fondamentale la nostra mediazione: se il genitore stesso mostra un atteggiamento di diffidenza o di agitazione davanti al bambino, alimenterà la reazione negativa del figlio.

 

Viceversa è importante spiegare con semplicità e serenità che si tratta di un fatto culturale, legato a una religione diversa dalla nostra: le persone che indossano il burqa non sono sbagliate o pericolose, è solo che la loro religione richiede di tenere coperto il volto. Una risposta breve ma chiara, che il più delle volte basta per dissipare ogni timore”.

 

Per la paura del buio leggi Bambini, è l'ora della nanna!

 

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. Bambini, è l'ora della nanna!