Cartoni animati

Pippi Calzelunghe, la bimba più simpatica che c’è

pippi-calzelunghe-05
28 Agosto 2013
“Il nome fa un po’ ridere ma voi riderete per quello che farò”: la conoscono tutti per questo motivetto. È la sigla della serie tv 'Pippi Calzelunghe', che risale al 1969 ma è tanto amata anche dai bambini di oggi grazie alla simpatica protagonista dalle trecce rosse e le lentiggini sul viso
Facebook Twitter More

Se ci fosse un premio dedicato ai bambini più simpatici del mondo, lei lo avrebbe già vinto. Perché non c’è bimbo più stravagante e divertente capace di mettere d’accordo i gusti di genitori e figli, di nonni e di zii. Nessuno può resistere alle avventure di Pippi Calzelunghe, il personaggio nato dalla fantasia di Astrid Lindergren, e arrivato in televisione nel 1969 In Svezia (nel 1970-71 in Italia) diventando una serie e un cartone animato seguitissimi. Incredibilmente la serie è molto seguita anche dai bambini di oggi.

FAI IL QUIZ: SAI TUTTO SU PIPPI CALZELUNGHE?

Il perché ce lo svela la stessa bambina in un motivetto che ancora oggi canticchiamo tutti, grandi e piccini, appena sentiamo il suo nome: “Pippi, Pippi, Pippi che nome, fa' un po' ridere, ma voi riderete per quello che farò”. Eh sì, perché questa bambina dalle lunghe trecce rosse arricciate in aria e con la faccetta piena di lentiggini e buffe scarpe di cinque misure più grandi, non è proprio monella, ma birichina sì.

 

 

Siamo in una piccola città e Pippi, nove anni e senza genitori, va a vivere da sola in una villetta colorata verde e rosa. Al suo fianco un cavallo bianco a pois neri che lei chiama 'Zietto' e una scimmietta di nome signor Nilsson.

Ma le stranezze non sono ancora finite. Perché Pippi non è una bambina come tutti gli altri: ha dei poteri quasi magici, che le permettono di sollevare l’amico cavallo e mandare via in un attimo l’auto dei poliziotti che vorrebbero mandarla via dalla villetta, su suggerimento della cattiva zia Prysselius.

Poteva un personaggio così non attirare l’attenzione dei vicini di casa? Certo che no! Ed ecco che entrano in scena Tommy ed Annika, due bambini di dieci anni che saranno protagonisti, insieme a Pippi, di fantastiche avventure. L’ultima delle quali quella nei mari del Sud, per liberare il padre di Pippi dai pirati.

Se infatti la mamma è morta, il suo papà è invece un capitano di pirati che naviga nei mari dei Sud. Gira e rigira, il papà finisce su un’isola abitata da un tribù negra di cui lui diventa re.

E proprio quando Pippi pensa ai sui genitori emerge tutta la sua dolcezza, e l’infinita tenerezza di bimba di nove anni che non può fare a meno di mamma e papà.

Così è convinta che la sua mamma stia seduta in cielo a guardarla con il cannocchiale, e lei la saluta così: “Non stare in pensiero per me! Io me la cavo sempre!” E, ancora: “Un angelo per mamma e un re di una tribù negra per papà: non capita davvero a tutti i bambini di avere dei genitori tanto distinti! E appena il mio papà si sarà costruito una barca, mi verrà a prendere, e così diventerò la principessa di una tribù negra. Urrà! Allora sì che ci divertiremo!”.

E il divertimento è davvero assicurato con questa bimba da seguire tutti insieme appassionatamente sul divano!

La serie tv ora va in onda su DeAkids, diversi episodi si possono trovare su youtube

Se vuoi continuare la tua 'formazione' sulle serie tv più amate dai bambini, leggi anche:

 

 

Le mamme nel forum parlano di quali cartoni animati guardano i bambini