Estate

In vacanza senza mamma e papà

bambina-mare
25 Giugno 2009
Non sopportate che vostro figlio passi l'estate in città, ma voi non potete lasciare il lavoro. Una soluzione è mandarlo con i nonni, la babysitter o gli zii. Ma è pronto a passare giorni e notti senza i genitori?
Facebook Twitter More

  • NON BRUCIATE LE TAPPE. "Valutate il grado di autonomia del bambino - raccomanda la pedagogista Giovanna Rivela del centro per famiglie Altrotempo di Milano -. Se per esempio va all'asilo o si ferma spesso a dormire dai nonni è già abituato a piccoli distacchi e può cavarsela a stare solo qualche giorno. Se invece è sempre attaccato alla mamma, forse non è ancora il momento. In questo caso potrebbe essere soffrire di malinconia, quindi meglio tenerlo in città con voi".

  • PERIODI BREVI. Fino ai cinque anni non lasciatelo più di cinque-sei giorni. "A questa età - spiega la pedagoga - i genitori sono tutto l'universo del bambino, quindi non devono mancare per troppo tempo. Il periodo può essere un po' più lungo se con lui/lei c'è un fratello/sorella maggiore: fa parte di questo universo".

  • PREPARATELO ALLA PARTENZA. Parlategli in anticipo della vacanza che lo aspetta e delle belle cose che farà. Coinvolgetelo nei preparativi della valigia, lasciandogli scegliere i suoi vestiti preferiti e immagtinando insieme a cosa serviranno: il costume per fare il bagno, il pigiama per la nanna, ecc.

  • IL MOMENTO DELLA SEPARAZIONE. Non angosciatelo con raccomandazioni e non lasciatevi andare ad addii strazianti, salutatelo con affetto e semplicità. Rassicuratelo che al ritorno troverà tutto uguale.

  • TELEFONATE SPESSO. "Il bambino può emozionarsi e piangere nel sentire la vostra voce senza potervi abbracciare - dice Rivela - ma è importante comunicare spesso, fargli sapere che pensate a lui e che va tutto bene". Chiedetegli della sua giornata e raccontategli la vostra.

Buona partenza al piccolo!

Partecipa al sondaggio: Lasci spesso il tuo bambino ai nonni?

Copyright: Focus Pico