Tecnologia e bambini

Irules: 10 regole di una mamma sull'uso dello smartphone

Di Emanuela Mei
dh8keb
16 Luglio 2015
Dal libro “Irules – Come educare figli iperconnessi” arrivano preziosi consigli per insegnare ai propri figli a usare la tecnologia in modo corretto e a stare lontano dai pericoli. Come fare? Segnatevi questi 10 punti.
Facebook Twitter More

Smartphone sì o smartphone no? E' il quesito che si pongono moltissimi genitori, spesso pressati dalle richieste dei figli ma anche spaventati e preoccupati dall'uso che ne potrebbero fare. La maggior confidenza che i ragazzi hanno rispetto ai genitori con smartphone e tablet, infatti, può provocare incomprensioni e scontri e per questo educarli ad un uso corretto della tecnologia è sempre più importante. Purtroppo, però, riuscirci non è semplice. 


A tracciare delle linee guida per i genitori ci ha pensato Janell Burley Hofmann, autrice del libro “iRules - Come educare figli iperconnessi” (editto da Giunti). Madre di cinque figli, Janell si è ritrovata a scrivere un vero e proprio decalogo per il figlio tredicenne quando si è decisa, dopo tre anni di attesa, a regalargli il tanto desiderato iPhone. Le regole, pubblicate sull'Huffington Post, sono diventate virali e rappresentano un ottimo spunto per spiegare ai propri figli come usare correttamente la tecnologia e stare lontano dai pericoli. 


In 10 punti ecco le regole e i limiti che vi suggeriamo di far rispettare ai vostri figli se decidete di consegnargli uno smartphone: valgono la loro sicurezza e la vostra tranquillità.

 

  1. Se squilla, rispondi: è un telefono per cui non si ignora mai una chiamata se sul display compare «mamma» o «papà», per nessuna ragione al mondo. 
  2.  Non dimenticare le buone maniere: rispondi in modo gentile al telefono e limita l'impulso di controllare continuamente il cellulare quando si mangia, si studia e si sta parlando con qualcuno. I primi a dare il buon esempio, in questo caso, dovremmo essere proprio noi genitori. 
  3.  Quali password usi? Fate in modo che i vostri figli vi comunichino tutte le password dei vari portali a cui accedono. Questa è forse la regola più difficile da mantenere e la più facile da aggirare ma se imposterete da subito un clima di fiducia, sarà più semplice rispettarsi a vicenda. Non dovete dare l'impressione che li state spiando ma fare in modo che se c'è qualcosa che non vi convince o vi spaventa possiate parlarne apertamente. 
  4.  Il valore dei soldi. Acquistare uno smartphone costa: aiutateli a comprendere il valore dei soldi invitandoli a fare dei piccoli lavoretti e a risparmiare sulla paghetta, in modo da poter provvedere loro stessi in caso il cellulare dovesse rompersi o perdersi (prima o poi capiterà!) 
  5.  Niente cellulare a scuola. Sarebbe meglio che durante le ore di scuola il cellulare rimanesse a casa per evitare distrazioni. Uniche eccezioni, la gita, il doposcuola e altri episodi particolari di cui discuterete con loro.
  6.  Foto sì ma senza esagerare. Spiegategli che mentre si mettono in posa per scattarsi l'ennesimo selfie da postare su Facebook, il mondo intorno a loro va avanti e rischiano di perdersi qualcosa di davvero bello. Vivere le esperienza alzando lo sguardo dal display e osservare la realtà che li circonda vale molto di più. 
  7.  Mai inviare o ricevere foto che ritraggono parti intime proprie o di altri. Si chiama sexting ed è una delle pratiche più diffuse tra gli adolescenti e tra le più temute dai genitori. Con il dialogo e senza falsi pudori, fate capire ai vostri figli che il selfie va bene quando immortala il loro viso e il loro sorriso e che condividere un’immagine che può essere mostrata a chiunque, può essere rischioso e rovinargli la reputazione.
  8.  Non si usa il cellulare per parlare male degli altri. Né per mentire o per dire cose che non si direbbero ad alta voce. In sostanza, non fare e non dire agli altri quello che non vorresti fosse fatto o detto a te. In questo modo aiuterete i vostri figli a riconoscere i casi di cyber bullismo e a trovare il coraggio di parlarne se dovessero diventarne vittime. (POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Bullismo e cyber bullismo, le linee guida del Miur).
  9.  Niente cellulare la notte. E' una pratica diffusa e dannosa perché oltre a privarli di ore preziose di sonno, può causare disturbi della concentrazione. Per evitare che questo avvenga fatevi consegnare il cellulare dopo cena, concedendo qualche ora in più di libertà nel weekend. 
  10. Condividete le stesse passioni. Riuscire a trovare una passione comune con i propri figli aiuta a rinsaldare il rapporto ed è il modo migliore per godere dei benefici tecnologici, sfruttandoli per ridurre la distanza generazionale.