cartoni animati

Peppa Pig: un cartone con una valenza educativa?

Di Sara Sirtori
peppa-pig-3
14 gennaio 2020
Peppa Pig: umorismo e semplicità, ma non solo. La serie animata, dedicata ai bambini in età prescolare, favorisce valori educativi. Ce lo spiega la psicologa e psicoterapeuta Francesca Romana Manni.

 

La valenza educativa di Peppa Pig

 

La psicologa Francesca Romana Manni, psicologa e psicoterapeuta, esperta nella psicodiagnostica dell'età evolutiva fa un'analisi su Peppa Pig e sottolinea la sua valenza educativa.

Peppa Pig,  maialina che fa tutto ciò che farebbe un normale bambino di quattro anni, riflette le esperienze di vita dei bambini in fase di crescita e dispensa piccoli consigli a cui i genitori possono attingere nella vita di tutti i giorni, sempre con un sorriso.

La Dott.ssa Manni spiega il valore di una risata, che può aiutare a crescere:

Lo humor, ingrediente ricorrente e chiave del successo della serie, non è un elemento così scontato. Perché in questo programma il divertimento è vissuto a molteplici livelli, creando un'armonia familiare tra le diverse generazioni. Le risate dentro il piccolo schermo sottolineano momenti di felicità, soddisfazione per le conquiste quotidiane e risoluzioni dei primi problemi; in pratica, come effettivamente avviene nella vita reale, il buonumore abbassa la tensione.

L'importanza della routine

La routine familiare rappresentata in Peppa Pig trasmette sicurezza e tranquillità ai piccoli spettatori, che imparano guardando i propri modelli. I bambini possono immedesimarsi nei personaggi per via della loro routine familiare: la nanna, l'igiene personale, l'andare a scuola. Per Peppa e per i nostri bambini questi gesti sono anche un modo per sviluppare funzioni cognitive come la memoria, l'attenzione e la comprensione del concetto del tempo.

Nella serie animata vengono rappresentati anche contrasti e ostacoli che possono verificarsi, come ad esempio le prime litigate con l'amichetto del cuore

Prosegue la Dottoressa Manni:

La serie tiene conto del reale sviluppo cognitivo dei piccoli spettatori e rappresenta anche per i genitori un aiuto nell'imparare tecniche di problem solving, da riprodurre nella propria casa per sostenere la crescita dei propri bambini. Ad esempio, Papà Pig si trova vicino alla figlia in un momento difficile e l'aiuta durante un litigio con un'amica, impiegando la tecnica di ascolto empatico, osservando il comportamento di sua figlia in difficoltà, senza sminuirla o giudicarla, ma rassicurandola.

Peppa Pig vince per la semplicità

La serie non presenta grandi effetti speciali dei cartoni 3D, eppure colpisce per la sua semplicità. Dalla musica, ai dialoghi fino al disegno bidimensionale, tutto accompagna le tappe evolutive dei piccoli spettatori. Il risultato è un cartone che trasmette leggerezza e stabilità. Afferma la Dottoressa Manni:

Imparare insieme, senza ansia e addirittura divertendosi è senza dubbio il modo migliore di imprimere nella propria memoria comportamenti e nozioni utili.

| Noesis

6 buoni propositi per il 2020 ispirati dalla serie animata Peppa Pig

 

  1. Dimentichiamo  l'orologio e gli impegni per un attimo e dedichiamo ai figli un tempo fatto di condivisione e relazione.

  2. Leggerezza: una condizione necessaria per affrontare le situazioni con ottimismo.

  3. Ascoltiamo i figli nei momenti di difficoltà senza giudicare: li aiuterà ad essere più sicuri di sé.

  4. I momenti ludici devono essere momenti di gioia e condivisione, fosse anche saltare nelle pozzanghere di fango.  Il gioco non deve essere sempre e solo un gioco istruttivo!

  5. Mostrare il proprio luogo di lavoro ai figli come fa Papà Pig li rassicura: i bambini riescono a collocarvi nello spazio/ tempo in cui non siete in casa.

  6. Tenete conto del livello evolutivo dei figli quando parlate con loro.