Educazione

8 aspettative NON REALISTICHE che i genitori hanno verso i figli

bambina
16 Settembre 2014 | Aggiornato il 07 Gennaio 2016
Pretendere che i figli siano sempre di buon umore, i primi a scuola, che non combinino mai pasticci... spesso i genitori hanno aspettative esagerate e si dimenticano che i figli non sono robot ma piccoli esseri umani da guidare nella vita.
Facebook Twitter Google Plus More

Avere un figlio può essere molto gratificante ma anche terribilmente doloroso, a seconda della situazione. I nostri figli fanno pasticci, mentono, non ascoltano e sanno come spingere i pulsanti sbagliati.


Ma nonostante quello che i nostri ragazzi combinano, le ipocrisie degli adulti non sono da meno. Cerchiamo e speriamo di crescere i figli in modo che abbiano una vita migliore della nostra, ma spesso richiediamo loro standard troppo elevati.

 

Ecco l'elenco delle 8 aspettative irrealistiche dei genitori, secondo il giornalista Kimanzi Constable. L'articolo è tratto dall'Huffington Post.


1 Che i figli siano sempre di buon umore


Non c'è nulla di più irritante di quando un genitore torna a  casa dopo una giornata di lavoro stressante e si trova davanti a un figlio di cattivo umore.
Ma anziché prendersela con il bambino e pretendere da lui il buon umore, forse è il caso di riflettere e pensare che magari anche lui ha avuto una giornata stressante, potrebbe aver litigato con un amico, o aver avuto un problema a scuola. Cercate di ricordare che anche voi da giovani eravate spesso arrabbiati e imbronciati e accettate lo stato d'animo di vostro figlio.

Leggi anche: Capricci bambini, il segreto è l'empatia


2 Che vadano bene a scuola


E' naturale voler i figli bravi a scuola. Ma tenete presente che il lavoro dei genitori è far loro da guida e non punirli se hanno delle difficoltà. Se vostro figlio non va bene a scuola magari è perché ha bisogno di tempi di apprendimento più lunghi.
Anche noi al lavoro non siamo sempre perfetti e la scuola è il lavoro dei nostri bambini.


3 Che non facciano pasticci


E' frustrante quando i nostri figli fanno cadere qualcosa e rompono un oggetto. Ma tutti possono fare degli errori, siamo essere umani, anche i vostri figli.


4 Che vi siano sempre grati


E' vero che ai figli si dà tanto, ma è normale. Essere un genitore significa mettere le esigenze dei figli prima delle vostre.
E soprattutto considerate davvero quello che gli state dando. Non basta la vostra sola presenza, magari sul divano davanti alla tv, ma i figli hanno bisogno della vostra attenzione e comprensione.  Cercate di dare tutto quello che potete, senza risparmiarvi.

 

5 Che non si intromettano nelle vostre discussioni 


I figli imparano a trattare gli altri da noi. Pensateci due volte prima che le vostre emozioni prendano il sopravvento e vi facciano dire cose davanti a loro che potrebbero influenzarli.

 

6 Che non cerchino di farla franca se combinano qualcosa


Certi comportamenti meritano una punizione, è vero. Ma non esagerate, anche se vostro figlio ha combinato qualcosa certamente non si tratta di un'esplosione nucleare. Cercate di ricordare quando anche voi eravate giovani e come vi sentivate quando commettavate qualcosa di sbagliato. Magari il danno che ha combinato vostro figlio potrà essere una lezione di vita, e parlarne insieme potrebbe essere un approccio migliore della punizione. 

Leggi anche: L'educazione dei bambini con l'intelligenza emotiva


7 Che vi perdonino sempre


Non si può trattare male i figli e aspettarsi di essere sempre perdonati. Loro hanno un'elevata tolleranza per i vostri problemi, ma c'è anche un limite. I genitori anche quando vivono brutte situazioni di stress, hanno problemi economici, devono affrontare una separazione... non devono comunque  prendersela con i figli. Anche nelle situazioni difficili si deve fare il possibile per dare loro un senso di normalità.

 

8 Che facciano quello che dite (e che voi non fate)


Alla fine della giornata, i nostri bambini imparano di più da ciò che facciamo, non ciò che diciamo. Le azioni parlano più forte delle parole e bisogna dare l'esempio. 
Dobbiamo lasciare che i nostri figli siano figli e non robot perfetti. Il nostro compito è essere lì per guidarli e non criticarli. 
Quando si è arrabbiati con i figli è meglio fare un passo indietro e non lasciare che le emozioni prendano il controllo. Tenete sempre presente  che questi anni sono di vitale importanza nel plasmare il tipo di persone che i vostri figli diventeranno. 

Leggi anche: i 5 grossi problemi dei genitori di oggi, secondo una super nanny inglese