Scuola media

Esami di terza media: quasi tutti promossi, ma i voti sono bassi

esamemedie
23 Gennaio 2015
Il 99,7% degli ammessi all'esame di terza media viene promosso. Il 27,3% esce con il sei, e un altro 27,3% con il sette. Più brave le ragazze dei maschi. Voti migliori in italiano che matematica... Ecco cosa emerge dal "Focus sugli esami di Stato nella scuola secondaria di I grado" pubblicato dal Ministero dell'istruzione.
Facebook Twitter Google Plus More

Quasi tutti promossi all'esame di terza media ma oltre il 50% con la media del sei o del sette.  E' questo il risultato del Focus "Esiti dell' esame di Stato e degli scrutini nella scuola secondaria di I grado» resi noti dal Miur per l'anno scolastico 2013/2014. 

 

Gli ammessi all'esame sono il 97,2% e quasi tutti, il 99,7%, vengono promossi, ma con voti piuttosto bassi: il 27,3% con il sei,  il  27,3% con il sette. A uscire con otto sono il 21%, con il nove solo il 15%, a prendere dieci il 5,4%, e il dieci e lode il 2,5% degli studenti. E' però da segnalare che rispetto agli anni precedenti si è registrato un aumento per gli alunni che hanno conseguito nove e dieci come voto finale, aumentati rispettivamente di 0,7 e 0,9 punti percentuali. 

 

Le ragazze meglio dei maschi


Da rilevare che le votazioni più basse sono per i ragazzi, il 61,8%, contro una percentuale del 46,9 delle ragazze. L'otto e il nove sono le votazioni conseguite dal 43% delle ragazze mentre solo il 32,3% dei maschi raggiungono tali risultati.

Leggi anche: Usa: ritornano le scuole con classi separate maschi e femmine, ma è polemica

 

Più forti nelle materie umanistiche

Andando a guardare le singole materie, i voti migliori si hanno nell'area umanistica piuttosto che nella prova di matematica: il voto medio di italiano è 7,6, contro 7,3 di matematica.
 Ma i voti più alti vengono attribuiti nel colloquio: la media è 7,7 (più vicine all’8 le ragazze, sul 7,5 i maschi).

Mentre il risultato del test invalsi rimane  basso con un voto medio di 6,8. Nel test sono risultati un poco più bravi degli altri gli studenti siciliani e molisani con un voto pari a sette, mentre i sardi i meno brillanti con 6,5. 

Leggi anche: Il test Invalsi, consigli ai genitori

 

In Umbria e Puglia i voti più alti


I risultati sono abbastanza omogenei sul territorio nazionale, c'è una leggera differenza in  Umbria e Puglia dove si ha la percentuale più bassa di sufficienze e quella più alta di voti eccellenti. I sei sono invece quasi il 3% più della media in Sicilia e Sardegna. Situazione opposta in Calabria, dove sono i dieci a superare  di 2,3 punti la media nazionale.

 

Gli alunni cinesi sono i migliori in matematica


Gli alunni stranieri presenti nelle scuole italiane (l’8,9% di quelli che concludono il primo ciclo) hanno voti più bassi nei colloqui orali e nella prova di italiano, dove la difficoltà linguistica costituisce il fattore di maggiore difficoltà. 


Nella prova di matematica i risultati dipendono molto dal paese di provenienza: per esempio gli studenti cinesi sono molto bravi e superano  la media con un voto di 7,5%, mentre gli alunni di Ecuador e Pakistan hanno conseguito un voto inferiore. Nello studio delle lingue straniere invece  i più bravi sono gli studenti di Filippine e India con 0,8 e o,5 punti in più rispetto alla media.


E dopo le medie cosa si sceglie?


Dai dati emerge che chi ha conseguito un voto alto va al liceo: l’80% di chi esce con nove, il 90% di chi prende 10 e quasi tutti i 10 e lode. Si iscrivono a tecnici e professionali, invece, soprattutto i ragazzi con votazioni tra il 6 e il 7.

Leggi anche: Come scegliere la scuola: i consigli sulla scuola dell'infanzia, primaria, secondaria