Licei

Iscrizioni scolastiche 2017/2018: la riscossa dei licei

Di Niccolò De Rosa
studente-scuola.600
8 febbraio 2017
Il 54,6% degli studenti di terza media l'anno prossimo frequenterà un liceo. Dominio del liceo Scientifico (anche grazie all'opzione Scienze Applicate), sale il Classico, sprofondano gli istituti professionali

Alle 20.00 del 6 febbraio si sono ufficialmente chiuse le iscrizioni scolastiche per il 2017/2018 e dai primi dati del Miur si conferma la tendenza dell'anno scorso che vede i licei in vetta tra le scelte degli studenti italiani (54,6% sul totale). Seguono gli istituti tecnici, 30,3% dei ragazzi, e i professionali con il 15,1% dei nuovi iscritti.

 

Il grafico a torta che mostra le scelte degli studenti italiani

 

I licei

 

Anche quest'anno è stato il Liceo Scientifico ad aggiudicarsi il primato delle preferenze, incrementando ancora i suoi numeri rispetto alle annate precedenti (25,1% contro il 24,5% del 2016/2017), con l'opzione Scienze Applicate ad esercitare un fascino sempre maggiore sulle nuove leve (7,8% tra i ragazzi che hanno scelto l'indirizzo scientifico) rispetto l'indirizzo tradizionale con il latino. Anche il percorso della sezione Sportiva registra un lieve aumento (1,6%).

 

Rimarchevole il ritorno di fiamma per le materie umanistiche: il 6,6% degli studenti ha infatti optato per il Classico, aumentando contro ogni aspettativa le percentuali precedenti (l'ultima volta ci si fermò al 6,1%).

 

LEGGI ANCHE: COSA FARE DOPO LA TERZA MEDIA? GUIDA ALL'ORIENTAMENTO

 

Linguistico (9,2%), Artistico (4,2%), Liceo delle Scienze Umane (7,9%) e Licei musicali e coreutici (0,9% e 0,1%) completano il quadro con numeri molto simili a quelli del passato.

 

 

Istituti Tecnici

 

Lievissima flessione per gli Istituti Tecnici (-0,1%) che vedono nel Settore Tecnologico il campo con maggior attrattiva (19%). L'112% ha scelto invece l'indirizzo Economico.

 

 

Istituti Professionali

 

Chi ha subito una dura diminuzione di iscrizione è invece il comparto professionale che passa dal 16,5% al 15,1%. Da notare il settore dei Servizi (che comprende l'alberghiero), il quale al al 9,6% (un anno fa era il 10,5 ).