Psicologia

Sai giudicare se tuo figlio è felice? Uno studio dice di no

felicitafigli
19 Agosto 2015
I genitori fanno troppo affidamento sui propri sentimenti personali nel valutare la felicità dei figli. Insomma non riescono a mettersi nei loro panni. Lo sostiene uno studio inglese, da cui emerge che mamma e papà sovrastimano la felicità dei bambini fino a 11 anni e sottostimano quella dei figli adolescenti
Facebook Twitter More

Capire se il proprio figlio è felice oppure no non è così semplice. Anzi, una nuova ricerca inglese mette in luce come i genitori spesso sbaglino nel fare questa valutazione.  Inoltre lo studio ha dimostrato che chi ha figli tra i dieci e gli 11 anni tende a sovrastimare la loro felicità, mentre quelli con figli di 15 e 16 anni sono più inclini a sottovalutarla.

 

Pubblicato sul  Journal of Experimental Child Psychology, lo studio attribuisce questa differenza di valutazione a un "pregiudizio egocentrico", cioè i genitori fanno troppo affidamento sui propri sentimenti personali nel valutare la felicità di tutta la famiglia. Leggi anche: 10 regole per crescere figli felici e sereni da 0 a 21 anni

 

La felicità dei bambini e degli adolescenti è stata sottoposta a diversi studi precedenti, ma si è sempre trascurato il fattore attendibilità delle valutazioni dei genitori. I ricercatori di quest'ultimo studio, condotto da Belén López-Pérez e Ellie Wilson, della  Plymouth University (Regno Unito), sostengono che questa ricerca può fornire informazioni preziose, non solo per far progredire la conoscenza del benessere dei ragazzi, ma anche per migliorare le relazioni genitore-figlio.

 

 

L'esperimento

Gli esperti hanno preso in esame un totale di 357 tra bambini e adolescenti di due differenti scuole in Spagna, insieme ai loro genitori, e la loro felicità è stata valutata attraverso un sistema di automisurazione. 

 

il risultato ha mostrato che i genitori sono inclini a valutare la felicità dei figli a seconda delle proprie sensazioni emotive, mentre in realtà le emozioni dei bambini erano diverse da quelle che credevano i genitori.

 

Bambini e adolescenti hanno mostrato livelli di felicità molto simili. Mentre per i genitori c'era differenza a seconda dell'età dei figli: secondo gli adulti, gli adolescenti sono in generale meno felici. Questo dimostra in realtà una diminuzione di felicità nei genitori di figli adolescenti. Leggi anche: Figli adolescenti, 5 dritte ai genitori

 

Conclusione

"Studiare se c'è una discrepanza sulla felicità reale dei figli e quella percepita dai genitori è importante per determinare se la relazione genitoriale è valida. Non saper leggere la felicità dei bambini in modo appropriato può aumentare le incomprensioni tra genitori e figli. Incomprensioni che possono avere conseguenze negative nel rapporto con i figli" conclude la ricercatrice Lopez Perez .