A scuola

Scuola media: in aula senza minigonne, slip in vista o pantaloncini

shortsascuola
08 Maggio 2018
In classe sono con un abbigliamento decoroso e consono al luogo. Quindi no a minigonne inguinali, pantaloncini che lasciano poco spazio alla fantasia. Non ci si può neppure presentare con pantaloni a vita bassissima con slip in vista. Questa è l'idea per due scuole medie dell’istituto comprensivo Centro Storico di Moncalieri (TO).
Facebook Twitter Google Plus More

Vi presentereste mai a un colloquio di lavoro con trucco pesante e shorts inguinali? Probabilmente no. Quindi perché dovrebbe essere permesso andare a scuola come quando ci si agghinda per ballare in discoteca?

 

Da questa idea parte la proposta per due scuole medie dell'Istituto comprensivo Centro Storico di Moncalieri (TO). I ragazzi potranno andare in classe solo "con un abbigliamento consono e rispettoso ad un luogo come la scuola". Lo riporta il quotidiano La Stampa con un articolo sull'argomento. Per carità, niente divise, grembiuli o uniformi, solo rispetto per il luogo nel quale si entra.

Quindi niente minigonne eccessive, short, pantaloni a vita bassissima che lasciano vedere gli slip (questo vale anche per i maschietti!) o trucco eccessivo.

 

La proposta è della preside Valeria Fantino al consiglio di istituto, dopo aver lanciato l'iniziativa con un sondaggio su Facebook. Un sondaggio che ha riscosso un discreto successo. 

"Nelle scuole medie i ragazzi cominciano a capire come funzionano certi meccanismi e noi tutti siamo responsabili della loro formazione ed educazione – spiega a La Stampa Fantino – tra queste cose c’è anche l’importanza di capire che ogni luogo ha una forma da rispettare. Se oggi vengono a scuola con i pantaloni strappati o le minigonne, domani non capiranno che ad un colloquio di lavoro o in un ufficio ci si deve presentare indossando un abbigliamento opportuno". Quindi a scuola ci si presenta vestiti in modo decoroso. Ma senza esagerare. "Questo non vuol dire che se fa caldo, i ragazzi debbano arrivare con una maglia lunga: basta una normalissima T-shirt". 

La preside vede molti genitori d'accordo con lei. Conclude specificando che una sua altra idea è invitare una stilista a scuola che spieghi ai ragazzi come vestirsi in modo alternativo anche in base al proprio corpo. Per essere trendy con gusto.