Bullismo

7 segnali che indicano che vostro figlio è vittima di bullismo

Di Sara De Giorgi
bullismo.600
20 settembre 2018
Avete il sospetto che vostro figlio o vostra figlia siano vittime di bullismo? Leggete quali sono i sette segnali, identificati dal magazine statunistense "Real Simple", che potrebbero indicarvi che il vostro piccolo è vittima dei bulli.

Sono molti i bambini che hanno subito o che subiscono bullismo. Secondo gli esperti il modo migliore per scoprire se il bambino viene maltrattato è fare attenzione ai segnali di pericolo e coltivare con lui una relazione forte in modo che parli sempre quando qualcosa non va.

 

Il magazine Real Simple ha intervistato alcuni esperti, tra cui Stan Davis, ricercatore che si occupa del tema del bullismo, il quale suggerisce di fare attenzione ai comportamenti del bimbo (o della bimba) e di capire cosa è successo, cosa pensa il piccolo e quanto l'accaduto lo infastidisce e influisce sulle sue attività. Se il problema è serio, occorre parlare subito con l'insegnante, con il preside o con lo psicologo.

 

LEGGI ANCHE: Educare i bambini al rispetto per fermare il bullismo

Non ci sono segni certi che rinviano al bullismo, poiché un comportamento può avere molte cause. Ma prestare attenzione ad alcuni segnali comuni può aiutare a individuare un problema: ecco quali sono secondo la rivista americana.

 

1) A vostro figlio non piace più quello a cui era abituato

1) A vostro figlio non piace più quello a cui era abituato

La mancanza di piacere è un segno chiave della depressione secondo Davis. Se vostro figlio ha perso interesse per il cibo, i divertimenti o gli hobby che amava, fate attenzione. Fategli sapere che avete notato che è giù e chiedetegli di parlarvene. «Un po' di tristezza è solo vita. Ma quando il bimbo inizia a sviluppare un senso di disperazione, un'assenza di gioia e di vitalità, occorre preoccuparsi. Bisogna indagare più profondamente. La causa potrebbe essere il bullismo, ma ci potrebbero essere molte altre cause. Bisogna dunque chiedergli come sta e parlarne», sostiene Davis.

2) Cambia il modo di utilizzare la tecnologia o i social

«Un cambiamento radicale nel modo in cui vostro figlio utilizza la tecnologia o i social media potrebbe essere un segnale di bullismo online», sostiene Justin Patchin, co-direttore del "Cyberbullying Research Center". Ad esempio, se un adolescente che di solito trascorre un'ora o due sui social dopo la scuola inizia a ignorare il suo telefono o ad usarlo molto più del solito, probabilmente sta succedendo qualcosa. Fate attenzione anche se sembra arrabbiato, frustrato o nervoso durante o dopo il tempo trascorso allo smartphone o al pc.

3) Ha frequenti mal di testa o mal di stomaco

Lo stress di essere vittime di bullismo può fare in modo che i bambini si sentano fisicamente malati. «Il mal di testa e il mal di stomaco sono disturbi comuni», dichiara Jan Urbanski, direttore del programma "Safe and Humane Schools" presso la Clemson University. «Controllate se succede sempre durante le lezioni di matematica o in un determinato periodo della quotidianità. Magari qualcosa sta accadendo in quell'ambiente particolare». I sintomi sono spesso reali, ma i bambini che vengono maltrattati dai loro pari a volte inventano anche le malattie, al fine di evitare situazioni in cui potrebbero essere vittime di bullismo.

 

 

TIPUO'INTERESSAREANCHE:Tuofiglioèunbullo?10cosechepuoifare

4)Rompemolteamicizie

Icambiamentiimportantilegatiallasferadelleamiciziepossonoavoltesegnalareunproblema.«Sicuramentecisonomolticambiamentinelleamiciziedurantel'adolescenza»,sostienePatchin.«Ènormale,macercatediparlareconivostrifiglipercapiresesitrattasolodiuntipicoconflittooèinvecequalcosadipiùserio».

 

 

6) Non si piace e non si stima

 

5) Non vuole più andare a scuola o a lezione di calcio

Se il bambino improvvisamente rinuncia alle attività extracurricolari o afferma di non volere più andare a scuola, potrebbe essere una vittima di bullismo. «In realtà sta solo evitando una situazione che potrebbe accadere», dice Urbanski.



Il bullismo può diminuire l'autostima. Purtroppo, una volta che un bambino viene preso di mira dai "bulli", inizia a interiorizzarlo e a pensare che forse c'è qualcosa che non va in lui.

7) Si mette nei guai per essere stato bullo

Potrebbe sembrare paradossale, ma alcune vittime finiscono per comportarsi male con altri bambini. «Come reazione alle angherie che hanno subito, possono scegliere di esercitare bullismo su qualcun altro», sostiene Urbanski. Se scoprite che vostro figlio ha fatto del bullismo a un compagno di classe o ad un amico, assicuratevi che si assuma la responsabilità, ma chiedetegli anche se è stato preso di mira in passato. Spesso questi problemi precedenti sono trascurati.

 

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA: