Scuola

8 fattori che influenzano il successo scolastico

Di Federica Baroni
ipa_dpbe56.600
14 settembre 2017 | Aggiornato il 17 settembre 2018
A determinare un buon rendimento scolastico ci sono diverse cause. Prime fra tutte l'autostima del bambino e la sua capacità di perseveranza. Ma oltre a questi ci sono anche fattori più inaspettati come: il sonno, la relazione tra genitori e anche il suo nome.

Primi della classe si nasce o si diventa? Negli ultimi anni molte ricerche hanno preso in esame la questione per capire meglio quali sono i fattori che influenzano il rendimento scolastico.

 

Abbiamo esaminato un po' di questi studi e abbiamo visto che da una parte è fondamentale l'attitudine del bambino, autostima e perseveranza, che si forma attraverso l'educazione e le parole dei genitori; dall'altra ci sono fattori più esterni, ma altrettanto importanti.

 

 

1. Una buona autostima

 

Diverse ricerche hanno dimostrato che una buona considerazione di se stessi è importantissima nel rendimento scolastico. Chi si valuta positivamente si presenta come persona ottimista, fiduciosa nelle proprie possibilità, si pone quindi obiettivi ambiziosi e affronta con serenità le esperienze negative.
Al contrario le persone con bassa autostima tendono a essere pessimiste e a cadere in depressione, e le loro potenzialità vengono sottoutilizzate, anche a scuola.

 

 

 

L'autovalutazione risente fortemente del giudizio espresso dagli altri, tanto da essere denominata come "l'immagine di sé allo specchio": quindi è fondamentale che il genitore trasmetta al ragazzo un'idea positiva delle sue capacità e dimostri una profonda fiducia nelle sue potenzialità.

 

 

2. Il valore della perseveranza

 

Un altro fattore importante è la perseveranza. A dimostrarlo uno studio della psicologa americana Angela Duckworth: i bambini che hanno più successo nella vita sono quelli che hanno imparato l'abilità della resistenza e che sanno quindi rialzarsi dopo un insuccesso.
Per educarli a questa abilità è importante che i genitori educhino all'autonomia ed evitino di essere iperprotettivi. Il bambino deve abituarsi ad affrontare piccole sconfitte, solo in questo modo impara che i problemi si possono risolvere.

 

 

 

 

3. La scuola materna

 

Secondo una ricerca di adiscuola.it a parità di status economico–sociale, la frequenza di almeno un anno di scuola dell’infanzia determina un aumento delle competenze.

 

A questo studio si aggiunge quello fatto dall'ufficio tedesco per gli studi sul lavoro e di politica sociale (BASS) su più di mille bambini tra il 1990 e il 1995. Da questa ricerca si è visto che i bambini che sono andati all'asilo si sono iscritti di più al liceo di quelli educati esclusivamente a casa o da baby sitter.

 

 

4. Un buon sonno

 

Dormire fa bene anche al rendimento scolastico. Questo è molto importante soprattutto per gli adolescenti che in questo periodo della loro vita sono portati ad andare a letto più tardi, ma alla mattina devono svegliarsi presto per essere in classe alle 8.00.
Per avere un buon funzionamento un ragazzo dovrebbe dormire tra le 8,5 e le 9,5 ore di sonno a notte.

 

 

 

 

5. Leggere libri

 

Secondo una ricerca coordinata dal pediatra Barry Zuckerman, docente presso la Boston University, un bambino che cresce circondato da libri acquisisce maggiori capacità di apprendimento. Ed è più facile che crescendo sviluppi interesse per la lettura, che è un buon predittore di successo, non solo scolastico, ma anche professionale.

 

 

 

 

6. La realzione dei genitori

 

Uno studio dell’Università degli Studi dell’Illinois pubblicato nel 2005 ha scoperto che i bambini i cui genitori avevano un rapporto forte tendevano ad andare meglio a scuola rispetto ai bambini i cui genitori litigavano molto. Non importava, invece, che fossero divorziati o sposati.

 

 

7. Il loro nome

 

Ci sono molti studi che dimostrano come i nomi dei bambini possano influenzare il successo o meno nella vita.

 

Secondo uno studio della New York University (Usa) i bambini con nomi più facilmente pronunciabili sono quelli che vanno meglio a scuola.

 

La spiegazione, secondo uno degli psicologi che hanno partecipato alla ricerca, è semplice: "Quando abbiamo meno difficoltà a processare una informazione, la comprendiamo meglio, quindi ci piace di più".

 

 

 

 

8 Quanto è multietnica la scuola

 

I sociologi della Columbia University , riporta il sito businessinsider.com, hanno scoperto che le scuole più multietniche portano a risultati migliori per gli studenti rispetto alle scuole con un gruppo di alunni più omogeneo.

 

In uno studio del 2016, i ricercatori hanno trovato che “i vantaggi della diversità scolastica vanno in tutte le direzioni”.

 

“I ricercatori hanno documentato che l’esposizione degli studenti ad altri studenti che sono diversi da loro e le nuove idee e sfide che questa esposizione comporta, portano a migliorare le abilità cognitive, compreso il pensiero critico e la risoluzione dei problemi”, hanno scritto i co-autori dello studio.