Nostrofiglio

Scuola

Errori di ortografia, come eliminarli per sempre

scuola-bambini

15 Novembre 2010
Serve una storia avvincente, insegnanti (ma anche genitori) che propongano attività/allenamenti divertenti per combattere gli errori, un dizionario sempre a portata di mano e un po’ di fantasia

Facebook Twitter Google Plus More

Studiosi, insegnanti e scrittori autorevoli lanciano periodicamente l’allarme: gli errori ortografici, sintattici e grammaticali sono in aumento. Non solo negli scritti dei bambini, ma anche dei ragazzi e degli studenti universitari. Che cosa si può fare? Lo abbiamo chiesto a Monica Colli, co-autrice di Gli aGlieni nell’orto (edizioni Erickson), un manuale pubblicato di recente, a uso di insegnanti e genitori, per combattere gli errori in modo divertente.

Gli alunni dovrebbero avere 10-15 minuti per disegnare la cosa che gli è piaciuta di più quel giorno, per ritornare con calma su quanto fatto durante la giornata e mettere a fuoco l'esperienza più significativa. A basterebbe avere la calma per capire quando si può proporre una cosa piuttosto che un’altra.

Perché secondo lei, oggi si fanno più errori, soprattutto ortografici? Sicuramente l’accelerazione a cui anche i bambini sono sottoposti non permette di fissare bene le regole. La regola per essere acquisita ha bisogno che ci si ritorni sopra, ricorrendo anche a modalità diverse. E’ una questione di ritmo, nella scuola di oggi c’è troppa velocità.

Insomma è colpa della scuola? La scuola va come va il mondo. Invece dovrebbe tornare alla sua funzione originaria che è quella di educare, avere tempo per tornare sulle regole e consolidarle. Ci vuole anche tempo per far appassionare i bambini a quello che devono imparare. La scuola non è una multinazionale ...

Lei è comprensiva nei confronti dell’errore o integralista? Dalla terza elementare in poi ho una visione integralista nei confronti dell’errore ma non punitiva nei confronti dell’alunno che lo fa. Altrimenti il problema si porta avanti per tutto il ciclo di studi. L’insegnante dovrebbe proporre agli alunni esercizi mirati come se fossero un gioco. E come un coach dovrebbe programmare allenamenti più o meno intensivi, adeguati al singolo.

I consigli anti-errore ortografico (di Monica Colli e Grazia Mauri, autrici del libro Gli aglieni nell’orto – Attività intergalattiche di ortografia - edizioni Erickson)

  • UNA STORIA AVVICENTE E’ utile creare nei confronti dell’ortografia un clima di interesse attraverso la presentazione di una storia avvincente e motivante che diverta i bambini.

  • UN LAVORO GRADUALE Bisogna procedere con gradualità presentando gli esercizi come attività/allenamenti, leggeri e/o intensivi che prepareranno il singolo bambino o la squadra-classe a un vero e proprio campionato ortografico. Es. La prima settimana si parte dagli errori più ricorrenti con allenamenti lievi, la seconda si rinforza con esercizi leggermente più complessi e la terza settimana si gioca la partita di campionato, con qualcosa che sfidi i bambini a ragionare e riflettere meglio.

  • INCORAGGIARE SEMPRE Durante il percorso bisogna incoraggiare i bambini, evitando atteggiamenti punitivi e affiancandoli come un allenatore di una squadra sportiva (“Ci sei? Sei sicuro? Ma dai! E’ proprio così?”)

  • SBAGLIANDO S’INVENTA Gli insegnanti devono tenere presente la lezione di Gianni Rodari, il famoso scrittore e pedagogista, che diceva appunto: “Sbagliando s’inventa”, creando momenti in cui è possibile giocare con gli errori e inventare qualcosa di nuovo. Es se invece di cannone scrivo canone, che cosa succede? Se c’è una guerra il canone non spara e allora?

  • RINFORZARE LA REGOLA Ogni occasione è buona per rinforzare la regola. Es. Il bambino dice: “C’ho fame”. Correggetelo dicendo: “Ho fame”.

  • LIBRI E DIZIONARIO Leggere molto è utile per combattere gli errori ortografici, così come tenere sempre a portata di mano un dizionario. Bisogna insegnare a non avere paura di chiedere e di controllare sul dizionario, anche se si è adulti.

Leggi anche Compito suo, Scrivere diventa divertente

Hai altri consigli da chiedere e scambiare con altre mamme e papà? Entra nel FORUM