Gioco didattico

Il gioco dell'oca dei verbi: per imparare i verbi divertendosi

verbi
17 Febbraio 2016
I verbi rappresentano uno degli scogli della scuola primaria e spesso creano difficoltà anche alle medie. A casa, una sfida in famiglia può aiutare ogni bambino a impararli in modo più semplice e divertente. Ecco uno speciale gioco dei verbi, ispirato a quello classico dell'oca, da preparare insieme ai figli, che favorisce l'apprendimento senza troppa fatica. 
Facebook Twitter More

Che fatica imparare i verbi! Sono uno degli scogli della scuola primaria e spesso creano difficoltà anche alle medie.  

Ecco uno speciale gioco dei verbi, ispirato a quello classico dell'oca, da fare tutti insieme in famiglia e da preparare insieme ai figli. Per favorire l'apprendimento senza troppa fatica.

 

Occorrente: un foglio da disegno bianco (tabellone); bottoncini colorati o altri piccoli oggetti per i segnalini; un dado a 6 facce; fogli di 3 colori per realizzare 3 mazzi di carte; matite colorate e forbici.

 

Preparazione. La realizzazione di questo gioco dei verbi, ispirato a quello dell'oca, richiede un po' di tempo e pazienza. Per prima cosa, è necessario preparare su un foglio bianco un percorso a caselle con un punto di partenza e uno di arrivo (la plancia).

gioco oca
| Alamy.com

 

Qui, il percorso è composto da 40 caselle contraddistinte da 3 diversi colori (per esempio, bianco con la lettera S, rosa e azzurro), ciascuna abbinata al proprio mazzo di carte dello stesso colore.

 

Occorre lasciare bianche 10 caselle (1 ogni 4) contrassegnandole con la lettera S, le altre devono essere colorate 15 rosa e 15 azzurre in modo alterno.

 

E' possibile anche usare lo stesso colore per 2 caselle di seguito, per esempio, 2 rosa, una azzurra, rispettando però la suddivisione (10 bianche, 15 rosa, 15 azzurre).

 

Le carte. I 3 diversi mazzi di carte, sulle quali scrivere i quiz, si possono fare a mano disegnando una serie di rettangoli su un foglio del colore giusto e poi ritagliarli o con l'aiuto di pc e stampante.

 

Lo scopo del gioco è rafforzare la conoscenza del Modo Indicativo che ha 8 tempi (4 tempi semplici, cioè formati da una sola parola, e 4 composti, ovvero con 2 parole, ausiliare + participio). Quindi, le carte sono pensate di conseguenza.

 

Le carte rosa propongono domande sui tempi semplici (presente, imperfetto, passato remoto, futuro semplice) dei verbi essere e avere e dei verbi delle 3 coniugazioni:

 

1° coniugazione (-are): giocare

2° coniugazione (-ere): temere

3° coniugazione (-ire): sentire

 

I 'quiz' da scrivere su queste carte possono essere di due tipi:

 

A.

− DIMMI TUTTO IL PASSATO REMOTO DEL VERBO ESSERE

− DIMMI TUTTO L'IMPERFETTO DEL VERBO AVERE

− DIMMI TUTTO IL FUTURO SEMPLICE DEL VERBO GIOCARE

 

B.

− DECLINA IL VERBO SENTIRE ALLA 3° PERSONA SINGOLARE TEMPO PRESENTE

− DECLINA IL VERBO AVERE ALLA 1° PERSONA PLURALE TEMPO IMPERFETTO

− DECLINA IL VERBO TEMERE ALLA 2° PERSONA SINGOLARE TEMPO PASSATO REMOTO

 

Le carte azzurre mettono alla prova sui tempi composti (passato prossimo, trapassato prossimo, trapassato remoto, futuro anteriore) dei verbi ausiliari e dei verbi delle 3 coniugazioni. E' possibile scrivere carte che chiedono l'intera declinazione di un verbo in un determinato tempo o una singola persona. Per esempio:

 

A.

− DIMMI TUTTO IL PASSATO PROSSIMO DEL VERBO AVERE

− DIMMI IL TRAPASSATO PROSSIMO DEL VERBO GIOCARE

− DIMMI TUTTO IL TRAPASSATO REMOTO DEL VERBO TEMERE

 

B.

− DECLINA IL VERBO SENTIRE ALLA 2° PERSONA SINGOLARE TEMPO FUTURO ANTERIORE

− DECLINA IL VERBO AVERE ALLA 3° PERSONA PLURALE TEMPO PASSATO PROSSIMO

− DECLINA IL VERBO ESSERE ALL 1° PERSONA PLURALE TEMPO TRAPASSATO REMOTO

 

Le carte bianche con la lettera S sfidano a riconoscere al volo il tempo e la persona di un verbo al modo indicativo (per tutti gli 8 tempi), sempre per gli ausiliari e i verbi delle 3 coniugazioni. Ecco, per esempio, cosa scrivere sulle carte:

 

− TEMPO E PERSONA DI FOSTI

− TEMPO E PERSONA DI GIOCARONO

− TEMPO E PERSONA DI AVEMMO AVUTO

− TEMPO E PERSONA DI ABBIAMO SENTITO

 

Un aiuto per preparare il materiale

 

Per eventuali dubbi, basta una classica grammatica oppure online, per esempio qui, dove si trovano tutte le tabelle dei verbi (ausiliari e verbi della 1°, 2°, 3° coniugazione).

 

 

Regole del gioco

 

 

1) Al punto di partenza, ogni giocatore, a turno, tira il dado e avanza con il suo segnalino in base al numero uscito (se il dado, per esempio, indica 6, procederà di 6 caselle).

 

2) Quando il giocatore capita su una casella rosa, pesca una carta rosa, la legge e risponde. Se sbaglia, retrocede di 2 caselle e aspetta il turno successivo per il lancio del dado.

 

3) Se il giocatore finisce su una casella azzurra, prende una carta azzurra, cerca di rispondere correttamente e, nel caso di errore, indietreggia di una casella.

 

4) Chi finisce su una casella bianca con la lettera S, prende una carta bianca e sfida il giocatore più vicino a lui sulla plancia. Tra i due, il primo a dare la risposta giusta, avanza di 2 caselle. L'altro giocatore sosta sulla stessa casella fino al turno seguente.

 

5) Il gioco prosegue nello stesso modo: ogni volta che un giocatore dà una risposta esatta va avanti nel percorso. Il primo che raggiunge la casella 'Arrivo', vince la partita.

 

Scopri anche i 10 consigli per invogliare i bimbi alla lettura