Istruzione

La scuola vi mette in crisi? Arrivano le schoolmommies

mamma_aiuta_con_i_compiti
22 Giugno 2012
Siete alla ricerca del trucco giusto per far imparare le tabelline a vostro figlio? Oppure per cercare di fargli amare la lettura? O perché no a giocare con lui ripassando l'inglese? Potreste trovare idee e suggerimenti "da mamma a mamma" nei blog delle schoolmommies, letteralmente mamme scuola, una piccolo fenomeno in crescita negli Usa e tra le blogger italiane. Nostrofiglio.it ne parla con Daniela, ideatrice di La scuola in soffitta
Facebook Twitter Google Plus More

Alzi la mano chi l’ultimo giorno di scuola dell’amato figlioletto non ha tirato un bel sospiro di sollievo. Sì è vero, ora cominciano i compiti delle vacanze ma vuoi mettere con i fine settimana trascorsi tra errori (orrori) ortografici, letture strascicatissime ad alta voce, tabelline o per fargli imparare le prime parole in inglese?

Non sentitevi in colpa per il sospiro di sollievo. I genitori "in crisi" per la scuola sono parecchi (e non solo in Italia, in Francia nei mesi scorsi i genitori hanno addirittura boicottato i compiti a casa), tanto che in rete (forum, facebook) si parla sempre più di scuola e di piccole e grandi difficoltà scolastiche per confrontarsi con altri genitori.

Diverse mamme si sono spinte più in là: hanno aperto un blog con tanti consigli pratici e suggerimenti 'da mamma' che ci è passata per far amare la matematica o l'italiano al bambino, come stimolare la lettura, come giocare e imparare ecc ecc.

Il punto di riferimento di questo nuovo piccolo fenomeno è il blog la Scuola in Soffitta, ideato da Daniela (alias caffènero), una mamma milanese con due figli di sette e tre anni, un lavoro nel mondo della finanza e una grande passione per le tecniche di apprendimento dei bambini, in particolare quelle dove si unisce gioco e divertimento. Il suo motto è: “Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco” (Confucio).

“Le mamme sono sempre state protagoniste nell’istruzione dei figli, ma i tagli alla scuola, la carenza di laboratori, la mancanza di voglia di studiare nei ragazzi ha attivato la ricerca di idee nuove – spiega Daniela a nostrofiglio.it -. Le mamme usano i blog per passarsi consigli e trovano spunti da metodi vecchi e nuovi (Montessori, Steiner, Mason, ecc.) o se li inventano utilizzando tutto ciò che piace ai bambini: circo, cinema, teatro, fumetti. Ad esempio, perché non cucinare per imparare la matematica o cucire per scrivere meglio? Si può scoprire che anche il più semplice dei giochi può insegnare qualcosa divertendosi, magari qualcosa di curioso e utile per la crescita, ma che a scuola non troverà posto, come ad esempio la filosofia per bambini, una lingua nuova, lo yoga per la concentrazione”.

La casa in soffitta e gli altri blog si ispirano ai blog delle school mommies americane, mamme cioè che si occupano personalmente dell’istruzione dei figli a casa (homeschooling).

In Italia i blog nascono da esperienze diverse. Ci sono mamme che hanno fatto la scelta dell’homeschooling, ma anche tante altre che fanno attività di rinforzo rispetto a quello che è stato proposto a scuola, “cercando di sviluppare nel bambino la creatività, la curiosità e le abilità di studio che sono alla base di ogni apprendimento”. Altre ancora hanno dato vita “a progetti dopo-scuola quando le scuole hanno iniziato a ridurre gli orari.”

"Nulla a che vedere con chi vuole i propri figli intelligenti a tutti i costi e primi della classe, le schoolmommies vogliono bambini sereni, felici di studiare e che abbiano davvero capito ciò che hanno imparato. Il risultato di tutto questo lavoro si vedrà sulle loro personalità, sulla capacità di riconoscere i proprio talenti quando dovranno scegliere gli studi futuri e la necessità di coltivare una passione," conclude Daniela.

In bocca al lupo da nostrofiglio.it!

Se vuoi porre un problema sulla scuola, entra nel forum di nostrofiglio.it nella sezione scuola primaria e secondaria oppure scrivi alle psicologhe sui temi dell'apprendimento e dei talenti del bambino

L'homeschooling negli Stati Uniti, un fenomeno in crescita

L’homeschooling (scuola a casa) negli Usa è un fenomeno in crescita: secondo un’indagine del 2007 - l’ultima disponibile - dell’ente Federal National center for education statistics, oltre 1,5 milioni di bambini americani studiano a casa, rispetto a 1,1 milioni del 2003.

La percentuale di scolari che fanno home-schooling è passata dal 2,2% al 2,9% rispetto al totale della popolazione scolastica. L’83,3% dei genitori che ha fatto questa scelta ha dichiarato come principale ragione “il desiderio di impartire un’istruzione religiosa o morale”.

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. Compiti a casa, sì o no?