Nostrofiglio

Inizio della scuola materna ed elementare

Scuola, 6 piccole cose che i genitori possono fare per aiutare gli insegnanti

Di Sara De Giorgi
insegnante

12 Settembre 2018
Le relazioni tra insegnanti e genitori sono fondamentali per far sì che i bambini crescano nel modo migliore e interagiscano a scuola nella maniera giusta. Come possono divenire i genitori parte fondamentale della comunità scolastica del loro figlio? Ecco 6 "cose" fondamentali che i docenti chiedono ai genitori e di cui hanno davvero bisogno per svolgere al meglio il loro compito.

Facebook Twitter Google Plus More

Quali sono le cose di cui gli insegnanti hanno veramente necessità per educare e insegnare al meglio? Non si tratta di denaro o di oggetti, ma di relazioni. In particolare, queste ultime devono essere costruite dai genitori. E l'importanza delle relazioni deve essere trasmessa da papà e mamma al figlio.

 

LEGGI ANCHE: Come affrontare il primo giorno di scuola

 

Dunque, come si possono costruire relazioni forti? Come possono divenire i genitori parte fondamentale della comunità scolastica del loro figlio? Secondo un articolo del magazine Huffingtonpost.com, sono 6 le "cose" fondamentali che i docenti chiedono ai genitori e di cui hanno davvero bisogno per svolgere al meglio il loro compito. Eccole.

 

1. Fiducia

 

È vero, è difficile lasciare vostro figlio con qualcuno che conoscete poco e fidarvi di lui completamente. Ma per favore, affidatevi agli insegnanti. Molti amano ciò che fanno e non lavorano unicamente per lo stipendio. Lo fanno perché amano davvero i bambini e ciò che desiderano è il meglio per ogni singolo alunno. In cambio, loro promettono di fidarsi di voi e di non giudicare i vostri metodi. Parlate agli insegnanti della vita familiare, di quello che fate nel weekend e di cosa "funziona" a casa! Aiutate l'insegnante ad avere un panorama complessivo della vita dell'alunno. Più forte è la connessione, più forte è la fiducia.

 

2. Rispetto

 

Voi genitori siete i primi insegnanti di vostro figlio. Siete le persone che i bambini guardano e imitano di più. Se volete che vostro figlio abbia rispetto per gli insegnanti,  siete il miglior modello per mostrare loro come fare. Quando venite  in classe, cercate di fare del vostro meglio per trovare il tempo per stabilire un contatto visivo, per salutarli e magari anche per chattare un secondo, quando possibile. Gli insegnanti non hanno bisogno di essere i vostri migliori amici, ma essere amichevoli e rispettosi gli uni con gli altri può fare molto. È compito dei docenti saper modellare interazioni rispettose con ogni bambino e genitore che attraversa la porta della classe. E i maestri prendono molto seriamente quel lavoro.

 

3. Tempo

 

Ah, tempo... sembra che non ce ne sia mai abbastanza. Le mattine possono essere pazzesche per tutti. E a volte, ancora prima di uscire dalla porta, sembra di aver già affrontato una maratona (magari prima di aver preso il caffè!). Ma occorre rallentare quando possibile: ciò fa bene ai bambini. I genitori dovrebbero trovare un paio di minuti in più al mattino per far mettere in pratica ai piccoli alcune abilità, come ad esempio lasciare che si mettano da soli le scarpe, la giacca, che chiudano le cerniere. È più facile e veloce se lo fanno mamma e papà, ma fare in modo che siano indipendenti è una strategia migliore a lungo termine per incrementare la loro fiducia e indipendenza.

 

TI PUO' INTERESSARE: Cosa fare se il bimbo non vuole andare a scuola

 

4. Comunicazione

 

Occorre parlare quando c'è la necessità di farlo. Ciò che accade nella vita dei figli fuori dalla scuola può avere un impatto su tutto, inclusi comportamenti negativi o isolamento, livello di partecipazione, amicizie, appetito e così via. Come i bambini affrontano lo stress è un fattore importante in una relazione insegnante/bambino. È buono che i genitori parlino con i docenti di qualsiasi evento possa avere un effetto sul bambino. Anche se si tratta solo di un cambiamento innocuo. Se non hanno tempo, i genitori possono anche solo inviare una email: ciò costituisce l'inizio della risoluzione dei problemi.

 

5. Una mente aperta

 

I genitori devono sentirsi liberi di fare domande ai docenti se c'è qualcosa su cui desiderano avere maggiori dettagli o se non sono d'accordo con un metodo adoperato. Una conversazione aperta e rispettosa offre sempre nuove prospettive. Può essere difficile, ma i docenti lavorano per fare in modo che siano tutti felici, quindi sono necessarie collaborazione e comprensione.

 

6. Un semplice ringraziamento

 

Ogni singola opera d'arte creata, ogni riunione mattutina completata, ogni spuntino preparato con cura, ogni lettura di una storia, ogni giocattolo ripulito, ecc. costituisce un'impresa straordinaria che fa parte del lavoro di squadra tra vostro figlio e i suoi insegnanti. Ascoltare un "grazie" che viene dai genitori è profondamente significativo per i docenti. Quelle parole semplici sono apprezzate più di quanto si pensi. Potete anche esprimere la gratitudine in altri modi, non solo con le parole. Offritevi di entrare e di leggere una storia, di contribuire con qualcosa alla classe.

 

Infine, l'inizio di un anno scolastico può non solo rendere nervosi i bimbi, ma anche i genitori. Pensate dunque a questa lista come a una piccola guida che può esservi d'ispirazione.

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: