Nostrofiglio

Studio

Compiti delle vacanze, 7 dritte per aiutare i bambini a organizzarsi

Di Francesca Paola Rampinelli
d1txp6

06 Luglio 2009 | Aggiornato il 22 Agosto 2017
I compiti delle vacanze aiutano i bambini a consolidare quanto si apprende durante l’anno. I consigli per trarne il massimo profitto e non stressare troppo i nostri figli durante le vacanze.

Facebook Twitter Google Plus More

1 Aiutateli a organizzarsi: quante pagine al giorno?

Solitamente, alla scuole primaria, i compiti sono concentrati in un unico libro in cui però sono comprese tutte le materie; decidete insieme un piano di lavoro che preveda lo svolgimento o comunque la lettura di un certo numero di pagine al giorno cercando di lasciare solo poche pagine per i primi giorni di settembre (e per non trovarsi con 25 pagine da compilare la sera prima dell’inizio della scuola).

2 Stabilite un orario fisso e cercate di rispettarlo

L’ideale sarebbe scegliere un momento in cui gli amichetti abitualmente non sono in circolazione e possibilmente all’inizio della giornata, quando i bambini non hanno ancora affrontato “le fatiche” della vacanza e sono a mente fresca e ricettiva.

3 Trovate il tempo di condividere il lavoro con loro

“Ci deve essere un tempo in cui i bambini condividono con i genitori i compiti, come deve esistere uno spazio dedicato alla lettura e all’approfondimento in cui i grandi si mettono accanto ai piccoli “a lavorare”, anche perché, a prescindere dal dato didattico questi comportamenti aiutano a costruire un legame profondo” sostiene Vittoria Buratto, autrice, tra l’altro, di una delle più famose serie di “libri per i compiti delle vacanze” degli ultimi anni: la collana dedicata a “Un'estate con Mago Blu e Micio Pigro”, di Giunti Editore.

4 Ma non fate i compiti per loro

Ci sono compiti che vanno gestiti unicamente dai bambini; il genitore, per esempio, non deve risolvere il problema di matematica ma può commentarlo e discuterne con il figlio una volta terminato.

 

Siete a favore o contro i compiti delle vacanze?

A favore dei compiti

“I compiti delle vacanze possono essere un consolidamento di quanto appreso durante l’anno ma anche un verificare e condividere con il genitore,” dice Vittoria Buratto, autrice, tra l’altro, di una delle più famose serie di “libri per i compiti delle vacanze” degli ultimi anni: la collana dedicata a “Un'estate con Mago Blu e Micio Pigro”, di Giunti Editore.

E aggiunge: “Da parte dell’adulto questo spazio deve essere vissuto come partecipazione e presenza sul lavoro fatto dal bambino, come un modo per rendere questo lavoro significativo, e quindi, in ultima analisi, per mettere il figlio in condizione di pensare".

Contro i compiti delle vacanze

"La scuola non fa proprio la cosa più importante", cioè insegnare l'autonomia, sostiene Maurizio Parodi, insegnante e pedagogista autore del libro "Basta compiti! Non è così che si impara, “e gli insegnanti continuano a dare compiti a casa, infliggendo agli alunni e alle loro famiglie un onere anche molto gravoso, tanto più pesante quanto più lo studente sia disagiato, bisognoso, solo; quanto più la sua famiglia sia indigente e deprivata”.

 

5 L'obiettivo dei compiti: consolidare le materie

Qual è l’obiettivo dei compiti delle vacanze? “I compiti delle vacanze possono essere un consolidamento di quanto appreso durante l’anno ma anche un verificare e condividere con il genitore,” dice Buratto.

E aggiunge: “Da parte dell’adulto questo spazio deve essere vissuto come partecipazione e presenza sul lavoro fatto dal bambino, come un modo per rendere questo lavoro significativo, e quindi, in ultima analisi, per mettere il figlio in condizione di pensare".

6 Nutrire la mente con i libri

Non deve mai mancare l’invito a leggere qualche libro durante l’estate. Le letture condivise con i genitori hanno ancora più valore (“se leggi qualcosa di bello o di interessante, raccontamelo”): i bambini vanno stimolati a leggere perché la lettura ha un ruolo molto importante nel processo cognitivo, inoltre è un momento di narrazione che serve da approfondimento della lingua orale, da palestra del saper raccontare e sintetizzare. Un suggerimento: 30 classici imprendibili della letteratura dell'infanzia

7 La correzione conta!

Molto spesso quando si torna a scuola, a settembre, i compiti non vengono corretti dalle maestre che ‘si buttano’ subito sul programma dell’anno scolastico. Invece sarebbe importante farlo, intanto per dare l’impressione ai bambini che “non hanno lavorato per nulla” e poi per dare un rapidissimo ripasso al programma dell’anno precedente.