Scuola

Compiti, consigli ai genitori

Di Lorella Maggioni
bambini-compiti
05 Ottobre 2010
La prima regola è che mamma e papà non devono mai sostituirsi ai figli. Ma possono aiutarli a organizzarsi bene e incoraggiarli.
Facebook Twitter More

 

  • Capacità d’attenzione. Un bambino di 6-7 anni comincia a distrarsi dopo appena 15 minuti, un ragazzo di 15-16 dopo 30-45. Per un alunno delle scuole dell’obbligo è opportuno quindi fare pause frequenti o cambiare spesso argomento di studio. Se vuoi allenare l'attenzione di tuo figlio, gioca con lui a dama, a carte, ecc.

  • Orari. E’ bene creare una routine, un orario fisso per i compiti (mai dopo cena) in cui i bambini, dopo aver giocato o comunque scaricato la tensione attraverso qualche attività di movimento, si concentrano su ciò che devono fare. Luogo: lontano dalla tv o da altre fonti di distrazione. Va bene la cameretta, ma anche il tavolo della cucina o del soggiorno, purché ci sia tranquillità.

  • Scalette e appunti. Gli adulti (genitori, nonni, fratelli maggiori) non devono mai sostituirsi al bambino e fare gli esercizi al suo posto. Devono però essere disponibili a dare indicazioni. E a suggerire una serie di trucchi che servono a “imparare a imparare”. Come per esempio quello di tracciare una scaletta prima di svolgere un tema oppure stuzzicare il suo interesse dandogli la percezione che il testo lo riguarda direttamente. E ancora: se i compiti sono più d’uno, meglio cominciare dal più difficile. Infine nello studio di storia, scienze o geografia è bene imparare a procedere con schemi riassuntivi. E' importante anche

  • Compagnia. I bambini piccoli gradiscono la vicinanza di un adulto perché si sentono confortati. A partire dai 9-10 anni, invece, possono fare i compiti insieme ai compagni. E’ un buon modo per scambiarsi informazioni e idee e aiutarsi a vicenda.

  • Atteggiamento. Mai mettere fretta o sottolineare gli errori. Al contrario, mostrarsi incoraggianti e ottimisti sulle loro capacità, senza giudicarli se sbagliano.

  • Scuola. Mantenere sempre contatti stretti con la scuola. Se si ritiene che i compiti siano eccessivi o non adeguati alle capacità del bambino, è giusto parlarne con gli insegnanti. (da Focus Family)

 

Leggi anche Compito suo, Bambini che amano lo studio, Bambini che non amano scrivere, basta un po' di fantasia

Leggi la versione originale dell'articolo