Scuola

Una sana ed equilibrata relazione dei ragazzi con gli insegnanti diminuisce l'aggressività

Di Sara De Giorgi
adolescentescuola.600
17 Agosto 2016
Un buon insegnante fa la differenza nella crescita dei ragazzi, soprattutto in momento delicato come l'adolescenza. Secondo uno studio scientifico internazionale una sana relazione tra ragazzi e insegnante diminuirebbe l'aggressività e aumenterebbe la cooperazione e l'altruismo.
Facebook Twitter Google Plus More

Una sana ed equilibrata relazione con i docenti nella pre-adolescenza, a 11 anni, rende i ragazzi meno aggressivi anche qualche anno dopo, a 15 anni. Secondo uno studio scientifico internazionale un buon insegnante fa la differenza nello sviluppo dei ragazzi, soprattutto in momento delicato come l'adolescenza.

 

Una ricerca del Swiss Federal Institute of Technology di Zurigo, del Violence Research Centre del Cambridge's Institute of Criminology e dell'Università di Toronto, in Canada, pubblicata su "Journal of Youth and Adolescence", ha analizzato i dati relativi a 1067 ragazzi svizzeri in 56 scuole di Zurigo.

 

L'attenzione è stata focalizzata soprattutto su coloro che a 9-10 anni avevano vissuto in classe un "cambio di insegnante".

 

Per la ricerca sono stati considerati fattori come il contesto di provenienza dei singoli ragazzi. E' venuto fuori che i teenager che avevano una buona relazione con l'insegnante risultavano essere molto meno aggressivi, con un effetto che durava fino a 15 anni.

 

Inoltre, i ragazzi risultavano essere anche più cooperativi e altruisti rispetto ai coetanei che nutrivano sentimenti misti o negativi verso i docenti.

 

Sono anche stati riscontrati in questi studenti meno comportamenti oppositivi o provocatori, come il polemizzare o l'essere vendicativi con l'autorità.

 

Fonte: Ansa