Alimentazione

L'importanza dello spuntino

bambina_succo_arancia
06 Maggio 2013
Lo spuntino che ‘spezza’ i due pasti principali, in particolare quello che si fa a scuola a metà mattina, ha una particolare importanza nella ripartizione alimentare giornaliera dello studente.
Facebook Twitter Google Plus More

Particolare importanza riveste, nella ripartizione alimentare giornaliera dello studente, lo spuntino che ‘spezza’ i due pasti principali, in particolare quello che si fa a scuola a metà mattina.

“Deve infatti essere in grado di fornire l’energia per arrivare fino al pranzo, ma non troppo calorico per non interferire con il pranzo stesso” spiega il dott. Giuseppe Morino, dietologo presso l’Unità Operativa di Dietologia Clinica - Dipartimento Medico Chirurgico di Epato-Gastroenterologia e Nutrizione dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. “Lo scopo dello spuntino è quello di fornire energia "a rapido consumo" per prevenire il calo di attenzione e di umore, tipici della tarda mattinata e del pomeriggio, o spezzare intervalli superiori alle 4-5 ore tra i pasti.

Lo spuntino dovrebbe fornire il 5-10% delle calorie giornaliere, dunque oscillare tra le 100-125 calorie di un bambino di 6 anni e le 180-200 di un adolescente.

Lo spuntino ideale è costituito dalla frutta o da uno yogurt alla frutta. Per garantire un’alimentazione variata e non monotona, a metà mattina possono - a rotazione - intervenire anche alimenti quali fette biscottate, un piccolo panino con marmellata o formaggio magro, merendine non farcite, frollini o piccole quantità di pizza.

Quel che invece bisogna sempre evitare sono i panini super-imbottiti, le patatine fritte, le ‘merendone’ particolarmente farcite e in generale qualsiasi alimento che, per quantità o eccesso di calorie, impegni troppo la digestione, interferendo sia con un’equilibrata ripartizione delle calorie sia con le prestazioni cognitive durante l’orario scolastico (una digestione impegnativa può dare sonnolenza!”

Guarda il video per creare una merenda fantasiosa

Leggi anche:

 

Il bambino sano mangia così

La prima colazione

Pranzo e cena

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E la pizza? Quante volte alla settimana?

Come faccio a dargli la mela?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Consulenza: dott.ssa Amalia Maria Ambruzzi, dietologa presso l’Unità Operativa di Dietologia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma e Dott. Giuseppe Morino, dietologo presso l’Unità Operativa di Dietologia Clinica Dipartimento Medico Chirurgico di Epato-Gastroenterologia e Nutrizione dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Letture utili: Mangiocosa - L'alimentazione spiegata ai bambini, Monica Colli, Rossana Colli e Sofia Gallo - Illustrazioni di Saviem - Editrice La Scuola, 2007

 

  • E' più facile perdere peso se si pratica uno sport! Leggi qui