Scherma

"Non mi annoio mai!"

Margherita-Granbassi-3
02 Novembre 2009
Chi è questa bella bambina che tira di scherma? Margherita Granbassi a sette anni; l'abbiamo scelta per guidare genitori e bambini nell'approccio allo sport che l'ha resa tanto famosa. Nella fotogallery altre foto inedite che ritraggono l'atleta da bambina.
Facebook Twitter More

Grazia e forza, velocità e bellezza. Margherita Granbassi è questo e altro. È un’atleta di livello mondiale, è una donna appassionata, appassionante e curiosa, che ama i bambini e li vede nel suo futuro "anche se fino a Londra 2012 la mia vita sarà dedicata totalmente allo sport". Classe 1979, triestina purosangue, bella da mozzare il fiato e forte fino a vincere titoli olimpici e mondiali, Margherita è stata scelta da Nostrofiglio.it per guidare genitori e bambini nell’approccio alla scherma.Margherita: qual è l’età giusta per avvicinarsi alla scherma? Per cominciare penso che l’età giusta sia quella dei 7-8 anni, anche perché la scherma prevede le “prime lame” attorno ai 9 anni e non prima. Se nel posto dove decidete di portare il vostro figliolo vi danno la possibilità di fargli fare degli esercizi di approccio alla motricità, magari l’età di entrata nella palestra di scherma potrebbe essere anche precedente ai 7-8 anni che ho detto".Come si riconosce la palestra più adatta e da cosa si riconosce la qualità dei tecnici? La scherma è uno sport in cui il talento viene fuori, il ragazzino emerge anche se non ha i migliori tecnici del mondo attorno, almeno nel primo periodo. Intanto portatelo nel posto più comodo a livello logistico. Poi, con gli anni, capirete se quello è il posto giusto, se il bambino cresce e si appassiona alla scherma. Se dimostra talento e, per crescere, deve spostarsi, la scelta di cambiare palestra può essere anche fatta in un momento successivo. I tecnici? All’inizio conta molto la capacità di coinvolgimento. Poi devono essere come maestri di scuola: serveri, se serve.Perché ti senti di consigliare la scherma? Quali sono le qualità più importanti di questo sport? E' uno sport che non smette mai di insegnarti qualcosa, di metterti alla prova e di farti crescere. Non mi annoiavo e non mi annoio mai. Poi impegna il fisico e la mente, cosa importantissima.Infine da bimba ero felice perché questo sport mi faceva girare e conoscere tanti altri bambini e bambine. Nella scherma puoi socializzare molto.La scherma ha anche dei difetti? Ho avuto la fortuna di innamorarmi subito, ma in palestra vedevo comunque dei bimbi che non si divertivano. A me non è mai pesato nulla di questo sport, anche se facevo spostamenti lunghi e sacrifici per tirare. Tuttavia arrivavo in palestra e mi passava tutto. Quando lo fai a livello agonistico è fisicamente totalizzante, ti spreme.In cosa aiuta il bambino sotto il profilo fisico? Aiuta il bambino a sviluppare la reattività, anche mentale, la prontezza di riflessi. A livello fisico gli arti inferiori sono quelli che si irrobustiscono di più. Il tuo primo giorno te lo ricordi? Non c’è stato un giorno in cui ho detto “voglio fare scherma” perché facevo la spadaccina per finta anche da piccolissima, guardavo i miei fratelli e li imitavo, li seguivo in palestra, prendevo in mano il loro attrezzo. Comunque ho un ricordo dell’inizio, della fierezza che avevo a toccare per la prima volta il mio fioretto, la mia maschera. Bellissimo. Quanto costa fare la scherma? "Ragionevolmente penso che attorno ai 1500 euro annui, più, ovviamente, il materiale. Anche a questo, però, c’è rimedio visto che poi in ogni palestra si sviluppa un piccolo mercatino degli attrezzi che può far risparmiare qualcosa.Ma se il bimbo diventa un campioncino come si può gestire la cosa? Lì il genitore entra in gioco in maniera importante e deve cercare di essere meno fanatico possibile. Si faccia raccontare le esperienze dei figlioli, ma non li istighi. I genitori non cerchino di fare i competitivi e non diano imposizioni. È giusto far capire al bambino di impegnarsi e di mettercela tutta per coltivare questo talento, ma con equilibrio. Odio i padri e le madri fanatiche.Vuoi dei figli? Li spingerai alla scherma? La risposta alla prima domanda è si. Li spingerò allo sport in generale. Poi siano loro a scegliere.Ultima domanda: dopo “Anno Zero” farai altra tv? Per ora non prenderò più impegni così importanti, ma se arrivano altre proposte dalla televisione cercherò di vagliarle con grande attenzione. Comunque fino a Londra 2012 voglio fare l’atleta.Siti da consultare: www.margheritagranbassi.com, www.atleticomtv.it/federscherma e www.federscherma.it/.di Enrico SinaAltri articoli sugli sport per i bambini