Gita fuoriporta

Castelli da fiaba per i bambini

18 Settembre 2012 | Aggiornato il 17 Ottobre 2016
Quale bambino non ha mai sognato di entrare in un castello, ma non un castello da visitare e basta, dove non succede nulla e ci sono soltanto quadri e armature da ammirare: un castello abitato da principesse o fantasmi, streghe o folletti, dove si può giocare o tirare con l’arco oppure cucinare manicaretti o travestirsi per la magica notte di Halloween. Questi castelli esistono davvero! Eccoli.
Facebook Twitter Google Plus More
castello-RUTA

Castello Ruta, dalla Tv alle favole

Un sontuoso castello affacciato sul Lago Maggiore di Luino (Va) e immerso nei profumi di lavanda e gelsomino, nel quale una principessa accompagna i bambini alla scoperta di stanze, cantine e cunicoli fino a una sorta di biblioteca ad altezza di bambino costruita all’interno del castello, alta 90 centimetri, montata su piccole ruote che ogni giorno consentono agli scaffali di comporsi in una forma diversa: a stella, a labirinto, a fiore legge favole. Questa è la Fiaboteca di Castello Ruta, un’antica e suggestiva dimora dove la nota conduttrice Maria Teresa Ruta, ora narratrice d’eccezione, ha creato un luogo magico dove i bambini potranno entrare nel fantastico mondo delle fiabe di ogni tempo e di ogni dove. “Quando ero piccola mio padre mi raccontava sempre delle favole, che ho continuato ad amare anche quando ho cominciato ad andare a scuola” ci ha raccontato Maria Teresa Ruta. “Purtroppo però avevo problemi di dislessia, non riuscivo a leggere, e anche adesso io e Paolo Bonolis, anche lui dislessico, siamo gli unici due presentatori televisivi che non usano le cartellette. Sono retaggi che ci portiamo dietro dalle elementari”. Un’esperienza che non ha tuttavia scalfito l’amore per le favole, anzi. “Ho continuato a collezionarle per tutta la mia vita e adesso voglio metterle a disposizione di tutti i bambini e i genitori di tutte le razze da 0 a 99 anni perché amo le favole e voglio condividere questo amore con il mondo. Sono una mamma moderna, non sono assolutamente contro il computer e la tecnologia, ma penso che leggere sia assolutamente fondamentale. Un libro stimola la fantasia molto più di quanto possa fare un gioco o la televisione, inoltre imparando a leggere bene si impara anche a scrivere bene. Per questo porto i miei ascoltatori nelle cantine e inizio a interpretare tutti i personaggi, cambiando voci, suoni, dizioni”. L’appuntamento con la lettura delle favole è per tutti i weekend di ottobre a partire da sabato 6 e domenica 7, ogni volta con un tema diverso: assolutamente gratuito, basta iscriversi all’indirizzo mail info@castelloruta.com oppure prenotarsi al 393.9188307.

appiano

Castel d’Appiano, novelli Robin Hood

Chi non ha mai sognato di essere il leggendario Robin Hood? E saper scagliare frecce nei boschi attorno ai castelli per fare breccia nel cuore di una principessa? A Castel d’Appiano, a San Paolo-Missiano (Bz) i bambini possono soddisfare anche questo insolito, ma lecito, desiderio. Attorno a questo bel castello medievale, noto per la sua cappella con affreschi del XIII secolo e immerso in un fitto bosco, troverete un ampio percorso per il tiro con l’arco e, in punti segnalati, ben 21 bersagli che raffigurano varie specie di animali da colpire. Il noleggio dell’attrezzatura (arco tradizionale, frecce, guanti e bracciale) con una dimostrazione d’uso costa 15 € per circa 2 ore. E a fine percorso si può fare una scorpacciata di canederli nell’osteria del castello. Info: tel. 0471.636081, www.hocheppan.com

Castello_di_Gropparello_-_Visione_Medievale_al_ponte_levatorio_-_JBLeroux

Castello di Gropparello, emozioni uniche

È il primo parco emotivo d’Italia perché qui i bambini vivono davvero delle emozioni indimenticabili. È il Parco delle Fiabe del Castello di Gropparello (Pc), un’oasi dedicata allo stupore, alla scoperta di meraviglie magiche, alla storia che sa di fiaba e al puro godimento infantile, che coinvolge anche gli adulti. Il castello è immerso in un bosco millenario che accoglie i giovani avventurieri: qui ci si perde, si fanno scoperte mirabolanti, animali e persone si tramutano in personaggi veri o inventati. I piccoli, una volta entrati nella magia del parco, indossano cappa e spada e, accompagnati dal Cavaliere Bianco, rivivono l’entusiasmo delle scorribande medievali, combattendo contro gli esseri nascosti negli scuri anfratti della vegetazione: orchi e streghe. Ad assisterli e a vegliare su di loro ci sono gli altri abitanti del bosco: Fate, Folletti, Elfi, Druidi e poi l’Uomo Albero e l’Uomo Animale. Tutto prende corpo, con la felicità e la leggerezza dei sogni ad occhi aperti, dissolvendo i timori nelle risate e nello stupore che procurano le storie mozzafiato. La cultura, la meraviglia e il gioco si mescolano in una miscela esplosiva e liberatoria, così come accade con altre esperienze che si possono provare qui a Gropparello: le visite guidate, la sceneggiatura e drammatizzazione della vicenda di Rosania Fulgosio, la giornata Fantasy o l’Assalto al Castello, nel corso del quale i bambini vengono divisi in un gruppo di assalitori e in uno di difensori e provano il brivido impensabile di tentare la presa del maniero. Il Parco delle Fiabe è aperto fino al 18 novembre, tutte le domeniche e giorni festivi dalle 10 alle 17, 30 (15 con l’orario solare). Negli altri giorni solo su prenotazione. Info: tel. 0523.855814, www.castellodigropparello.it

GRUMELLO-1

Castello di Grumello, chef o streghe?

Quale bambino non ama travestirsi? E chi non sogna di trascorrere la festa di Halloween in un castello insieme a degli attori? Tutto questo è possibile al Castello di Grumello del Monte (Bg) che già domenica 7 ottobre ha in programma una sorpresa: si tratta di “BimbiChef”, una giornata in cui le cucine del castello aprono le porte ai piccoli ospiti (6-12 anni) che, per un giorno, provano l’emozione di indossare il grembiule e mettere il cappello da cuoco in testa. Coadiuvati da esperti animatori, imparano ad imbandire una tavola perfetta e a preparare uno speciale menu, con tutti i piatti fatti in casa come una volta. Appuntamento dalle 10 alle 17.30 con prenotazione e prepagamento obbligatori. Ingresso: bambini e adulti 25 € (corso, pranzo e degustazione vini per i genitori compresi). Il 28 ottobre, invece, in vista di Halloween, i piccoli visitatori del maniero vengono tutti vestiti con speciali costumi a tema e diventano protagonisti e primi attori di un’avventura in costume mozzafiato, tra mille colpi di scena, da vivere insieme agli animatori della Compagnia San Giorgio e il Drago. L’appuntamento è dalle 15 con prenotazione obbligatoria. Ingresso: bambini con biglietto prepagato 15 € (alle casse il giorno dell’evento 18 €), adulti 10 euro (per visita castello e degustazione vini). Info: tel. 348.3036243, www.castellodigrumello.it

campo-tures

Brividi a Campo Tures

A Castel Taufers, il bellissimo castello di Campo Tures (Bz), in Valle Aurina, i bambini più temerari (età consigliata dai 6 ai 12 anni) possono vivere un’esperienza da brivido con “L’ora del fantasma”: l’appuntamento è il giovedì sera nel cortile del castello, dove i piccoli si trasformano in fantasmini e partono per una visita piena di scoperte. Una fata li accompagna in un viaggio nel passato e narra tutte le storie del castello, incredibili leggende di cavalieri e fiabe appassionanti. Un’esperienza indimenticabile. In programma tutti i giovedì fino a Pasqua 2013 dalle 20.30 alle 22.30. Ingresso: 12 € a bambino. Info: tel. 0474.652081, www.tures-aurina.com/elfi

Castello Ruta, dalla Tv alle favole

Un sontuoso castello affacciato sul Lago Maggiore di Luino (Va) e immerso nei profumi di lavanda e gelsomino, nel quale una principessa accompagna i bambini alla scoperta di stanze, cantine e cunicoli fino a una sorta di biblioteca ad altezza di bambino costruita all’interno del castello, alta 90 centimetri, montata su piccole ruote che ogni giorno consentono agli scaffali di comporsi in una forma diversa: a stella, a labirinto, a fiore legge favole. Questa è la Fiaboteca di Castello Ruta, un’antica e suggestiva dimora dove la nota conduttrice Maria Teresa Ruta, ora narratrice d’eccezione, ha creato un luogo magico dove i bambini potranno entrare nel fantastico mondo delle fiabe di ogni tempo e di ogni dove. “Quando ero piccola mio padre mi raccontava sempre delle favole, che ho continuato ad amare anche quando ho cominciato ad andare a scuola” ci ha raccontato Maria Teresa Ruta. “Purtroppo però avevo problemi di dislessia, non riuscivo a leggere, e anche adesso io e Paolo Bonolis, anche lui dislessico, siamo gli unici due presentatori televisivi che non usano le cartellette. Sono retaggi che ci portiamo dietro dalle elementari”. Un’esperienza che non ha tuttavia scalfito l’amore per le favole, anzi. “Ho continuato a collezionarle per tutta la mia vita e adesso voglio metterle a disposizione di tutti i bambini e i genitori di tutte le razze da 0 a 99 anni perché amo le favole e voglio condividere questo amore con il mondo. Sono una mamma moderna, non sono assolutamente contro il computer e la tecnologia, ma penso che leggere sia assolutamente fondamentale. Un libro stimola la fantasia molto più di quanto possa fare un gioco o la televisione, inoltre imparando a leggere bene si impara anche a scrivere bene. Per questo porto i miei ascoltatori nelle cantine e inizio a interpretare tutti i personaggi, cambiando voci, suoni, dizioni”. L’appuntamento con la lettura delle favole è per tutti i weekend di ottobre a partire da sabato 6 e domenica 7, ogni volta con un tema diverso: assolutamente gratuito, basta iscriversi all’indirizzo mail info@castelloruta.com oppure prenotarsi al 393.9188307.
Facebook Twitter Google Plus More