Priche

Come sviluppare l'intelligenza emotiva con film e serie tv

Di Francesca Trabella
famigliatv
20 Giugno 2017 | Aggiornato il 26 Novembre 2018
Grazie a film e telefilm i giovani spettatori riescano a identificarsi nei personaggi e nelle loro emozioni. E non importa che si tratti di attori in carne e ossa o di animazioni. Ecco in concreto com'è possibile sviluppare l'intelligenza emotiva di bambini e ragazzi grazie a film e serie tv.
Facebook Twitter Google Plus More

I film e le serie televisive sono materiale prezioso per allargare gli orizzonti dell’intelligenza emotiva dei figli.

Lo sostiene una ricerca dell'Università di Bielefeld (Germania), che dimostra come i giovani spettatori riescano a identificarsi nei personaggi e nelle loro emozioni, non importa che si tratti di attori in carne e ossa o di animazioni. Unico distinguo: le emozioni suscitate dai cartoni animati cadono presto nel dimenticatoio, mentre quelle dei film con attori rimangono anche per giorni. Ma che cos'è l'intelligenza emotiva, ed è davvero incrementabile grazie ai video?

 

«L'espressione “intelligenza emotiva” (IE) indica la capacità di prendere consapevolezza delle emozioni proprie e altrui. E' stata coniata nel 1990 da due psicologi statunitensi ed è stata resa popolare cinque anni dopo dal best seller omonimo di Daniel Goleman» spiega Valentina Liuzzi, psicologa a Como (nascerebeneviveremeglio.com) e vicepresidente del MIPPE - Movimento Italiano Psicologia Perinatale.

 

«In concreto, comprende una serie di abilità complesse, indispensabili nei vari ambiti della quotidianità: percepire le emozioni, discriminarle, decodificarle e riconoscerle sia negli altri che dentro di sé. Chiunque può arricchire il proprio bagaglio di intelligenza emotiva, per esempio osservando e collezionando esperienze di contatto umano, che aiutino ad assumere il punto di vista altrui, a comprendere modi emotivi anche molto diversi dal proprio. Non tutte le esperienze, però, sono possibili in prima persona, soprattutto dai bambini e dai ragazzi. Ecco allora che ci vengono in supporto le storie, narrate oralmente o in libri e video, i cui protagonisti sono soggetti umani o umanizzati che vivono esperienze, provano emozioni e le suscitano».

 

IN PRATICA, come si può sviluppare l'intelligenza emotiva?

 

«Per lo sviluppo dell'intelligenza emotiva un prodotto non vale l'altro: esistono pellicole e programmi più o meno adatti e di qualità (vedi i tre esempi in questa pagina, ndr)» sottolinea la psicologa. «Conviene perciò informarsi leggendo le recensioni. Per rendere efficace la visione, potrebbe essere utile condividerla con il figlio e poi renderla argomento di discussione. Lui non si fa avanti spontaneamente con le sue impressioni, emozioni e domande? Si può stimolarlo raccontando come ci si è sentiti durante una certa scena, oppure accennare a una piccola riflessione. Se è un adolescente, è molto probabile che voglia guardare i suoi telefilm da solo: una scelta da rispettare dopo essersi informati sui contenuti e avergli chiesto perché vuole seguire quella serie piuttosto che un’altra. Dimostrando interesse, magari chiedendo notizie sullo sviluppo della trama, si potrebbe ricevere l'invito a guardare qualche episodio con lui: un'occasione da cogliere per trasformare un momento di svago in una preziosa esperienza emotiva condivisa!».

 

Baby Boss (commedia d'animazione).


Tim ha sette anni e si trova inaspettatamente fratello maggiore di un improbabile neonato-manager, piombato in famiglia con una missione: distogliere le coppie dall'amore per i cuccioli di animali e indirizzarle verso i bebé.
Tema: evoluzione del rapporto fraterno, dallo scombussolamento emotivo all'alleanza, fino all'amore.

Sette minuti dopo la mezzanotte (film fantasy drammatico).


Conor, dodicenne bullizzato dai compagni di scuola, abita con la madre malata terminale di cancro. Un albero mostruoso, che lo visita di notte, lo aiuterà a dare un nome alle sue paure e a superare i sensi di colpa.
Temi: complessità della natura umana e degli affetti, rabbia, angoscia, lutto.

Just Add Magic (serie fantasy).


Tre ragazzine, migliori amiche, affrontano problemi quotidiani e dilemmi etici con un libro di ricette magiche ereditato da tre anziane ex-best friend.
Temi: giustizia, lealtà, coraggio, importanza dei legami inter-generazionali.