Divertirsi

Giochi di strada, la catapulta

la_catapulta
23 Maggio 2013
Archimede, quando la inventò 2.200 anni fa, pensava a una devastante macchina da guerra. Solo parecchi secoli dopo la catapulta ha abbandonato i campi di battaglia per diventare, in miniatura, un trastullo nelle mani dei bambini.
Facebook Twitter Google Plus More

  • La catapulta

Archimede, quando la inventò 2.200 anni fa, pensava a una devastante macchina da guerra. Solo parecchi secoli dopo la catapulta ha abbandonato i campi di battaglia per diventare, in miniatura, un trastullo nelle mani dei bambini.

Canestro. Prima di tutto, però, la catapulta andava costruita. Come? Con una tavoletta di legno lunga circa 20 cm, un tappo di sughero incollato sotto e un tappo a vite appiccicato a un’estremità. Qui si poggiavano le munizioni: fagioli, monete, chiodini, noccioli di pesca, sassetti ecc. A vincere era chi, colpendo la parte sollevata della catapulta, faceva finire le “munizioni” dentro a un secchio a qualche metro di distanza.

Autori: Manuela Maria Campanelli e Anita Rubini

(Articolo tratto da Focus Storia, n. 22 - Agosto 2008, www.focusstoria.it)

Gli altri giochi di strada

- Cicca e spanna

- La ruzzola

- La lippa

- I cinque noccioli

- Birilli a bocce quadrate

- Torna al menù principale

Hai altre idee di gioco da condividere con altri genitori, vai nel forum