Internet sicuro

Internet sicuro, decalogo per i genitori

bambini-computer
19 Luglio 2015
Che cosa possono fare in concreto i genitori per rendere Internet uno spazio sicuro per i loro figli? Come regolare l’accesso al web? Come spiegare, senza cadere nell’allarmismo, i trucchi migliori per evitare brutti incontri o brutte figure? Il decalogo per genitori elaborato dal Centro Nazionale per la documentazione per l’infanzia.
Facebook Twitter Google Plus More

Che cosa possono fare in concreto i genitori per rendere Internet uno spazio sicuro per i loro figli? Come regolare l’accesso al web? Come spiegare, senza cadere nell’allarmismo, i trucchi migliori per evitare brutti incontri o brutte figure? (LEGGI ANCHE: GENERAZIONE TOUCH-SCREEN e come proteggere i bambini da internet)

Se è vero che i bambini e ragazzi di oggi sono tutti «nativi digitali», ciò non significa che la Rete e i suoi meccanismi non vadano spiegati, e bene. «L’utilizzo del mezzo informatico da parte dei più piccoli - spiega Carlo Trionfi, psicologo dell’età evolutiva della Cooperativa Minotauro - non deve essere impedito. E’ invece necessario procedere fin dalla prima infanzia verso un’educazione all’uso del computer e del web che possa prevenire fenomeni di dipendenza da internet o di ritiro sociale all’interno della rete» (leggi anche: nativi digitali, consigli ai genitori)

Ecco allora un decalogo per i genitori, tratto dal dossier elaborato dal Centro Nazionale per la documentazione per l’infanzia, in collaborazione con la Polizia Postale e con la Sip, la Società italiana di Pediatria.

 

  1. Informati prima tu. Educare i bambini ai nuovi media spetta in primo luogo alla famiglia.

  2. Usa il parental control. Il web offre infiniti prodotti che permettono una navigazione sicura: sono software a pagamento che bloccano siti porno o immagini violente o pagine con parole chiavi sospette.

  3. Naviga insieme a tuo figlio. Il vero parental control è quello che si fa gomito gomito davanti allo schermo: significa passare del tempo insieme per scaricare un gioco o una app o navigare in un sito ricco di curiosità o informazioni.

  4. Stai all’occhio e segnala tu per primo. Se navigando incappi in qualche sito violento segnala l’abuso alla polizia postale.

  5. Scegli il luogo giusto per il pc di casa. Il tablet e lo smartphone si portano ovunque, ma per il computer di casa scegli uno ‘spazio pubblico’, ad esempio un angolo della cucina o del salotto. Mai il pc in cameretta.

  6. Regole ferree sull'orario di utilizzo. I neuropsichiatri sconsigliano per i bambini under 10 l’uso di tablet, pc o tv per più di due ore al giorno. Se hai figli più grandicelli stabilisci con loro regole ferree sull’orario di utilizzo. Mai il telefonino in cameretta di notte.

  7. Privacy, alcune informazioni NON si condividono. Spiega fin da quando sono piccoli che alcune informazioni (ad esempio il nome, l’età, il posto in cui si vive) che non vanno mai condivisi in rete.

  8. Posta sicura. Si possono creare su tablet per bambini account protetti (per accederci è necessario digitare un codice conosciuto solo dai genitori), ma se vostro figlio possiede già un indirizzo di posta normale, condividete con lui la password e controllate i contatti.

  9. Social sì, ma non troppo: Facebook è il social network più usato in Italia: nonostante nessun under 13 possa iscriversi, in molti aggirano il divieto dichiarando false identità. Spiega che comportamenti illeciti nel mondo reale (spacciarsi per un’altra persona, infrangere la privacy, insultare) sono illeciti anche su Internet, e perseguibili per legge. Aiuta tuo figlio a configurare il suo profilo, in particolare il pannello che regola le informazioni da condividere (selezionare ‘amici’ come predefinito) e il pannello ‘gestisci i blocchi’ utile a bannare persone, giochi o siti indesiderati.

  10. Sul web, tutto resta. Spiega a tuo figlio che il web tiene traccia di ogni cosa. Una foto, un commento, un video, un’informazione (ad esempio la pubblicazione della propria mail o indirizzo di casa) non scompaiono. Mai postare qualcosa di cui ci si potrebbe pentire.

LA STORIA DA MAMMENELLARETE - BAMBINI E TECNOLOGIA

Imponendomi, un poco, come regola generale, ho insistito che con l’arrivo della piccola, ci fosse una disciplina dell’uso della tv. E avrà anche lei sicuramente il suo approccio con i mezzi tecnologici tipo computer, ma saranno il giusto supporto didattico, poi di gioco ecc. Ma tutto a il suo tempo! Meglio scoprire i colori della primavera rincorrendo delle bolle di sapone in un prato. Ogni età ha in suo gioco.

Leggi la storia: bambini e tecnologia, la nostra scelta

 

Leggi anche: 10 app per bambini

Vuoi confrontarti con altri genitori? Entra nel forum, sezione Tempo Libero

E voi che cosa ne pensate? Qual è la vostra esperienza? Lasciate un commento.