Salute

Menarca, le prime mestruazioni

Di Angela Bisceglia
mamma-figlia-discorso.180x120
18 settembre 2013
Le prime mestruazioni – in termine medico si dice menarca - sono un evento importante per le bambine, poiché sanciscono in modo ufficiale il passaggio al mondo delle ragazze. Ecco come si presentano e come affrontarle.

Il menarca è caratterizzato dalla comparsa della prima mestruazione e può verificarsi dagli 11 ai 14 anni, anche se l’età media è di 12-13 anni. A preannunciarlo intervengono una serie di fattori, che fanno capire che il momento fatidico si avvicina:

 

  • Il graduale sviluppo dei genitali esterni. In dettaglio ha inizio il cosiddetto il telarca, ossia l’accrescimento e la maturazione delle ghiandole mammarie, che si manifesta circa un anno prima del menarca.

  • La comparsa, circa 2-3 anni prima, dei peli pubici, preceduta di alcuni mesi dai peli ascellari.

  • Una maggior produzione di sudore, soprattutto nella zona ascellare, che può provocare un’intensificazione dell’odore.

 

Come si presentano le prime mestruazioni

Le prime mestruazioni possono avere caratteristiche differenti: “in alcune ragazze provocano dolore nel basso ventre o nella zona renale, in altre si presentano senza sintomi” spiega Paola Villa, ginecologa esperta di problematiche dell’adolescenza e professore aggregato presso il policlinico Gemelli di Roma;” in alcune sono subito simili alle normali mestruazioni, con una produzione piuttosto abbondante di sangue, in altre possono manifestarsi con perdite ematiche più scarse”.

 

LEGGI: CICLO MESTRUALE, IMPARA A CONOSCERLO

 

Come si presentano le mestruazioni successive

Anche i cicli successivi possono avere caratteristiche differenti: “in alcune ragazze il ciclo da subito ha una periodicità regolare” prosegue la ginecologa, “nel 30-40% dei casi continuano ad essere irregolari per un anno ed anche oltre, con intervalli più ampi di un mese e mezzo-due, talvolta caratterizzati da un semplice spotting, ossia da lievi perdite rosso-marroncine. Sono tutti fenomeni normali, che segnalano che il sistema ormonale si sta adeguando alla nuova situazione. Solo se dopo due anni le mestruazioni continuano ad essere ancora molto irregolari, è bene parlarne con il ginecologo”.

 

(Leggi anche l'articolo Ciclo mestruale irregolare);

 

Importante parlarne in anticipo

L’argomento mestruazioni va affrontato con la bambina con un certo anticipo, in modo da spiegarle in che cosa consiste, perché succede e come gestirlo in pratica. All’inizio potrà sembrare tutto molto strano e ‘scomodo’, ma la mamma avrà un ruolo fondamentale nel tranquillizzare la figlia, sia mettendo in evidenza che è semplicemente la normalità per tutte le donne, sia evidenziando che, con le giuste accortezze, anche in quei giorni si potrà condurre la vita di sempre e che un po’ per volta la ragazzina imparerà a gestire senza problemi il suo appuntamento mensile. Il resto lo farà il confronto con le altre amiche, con le quali subentrerà un rapporto di complicità, man mano che tutte entreranno a far parte della nuova ‘schiera’.

 

La vaccinazione per l’HPV

Nell’epoca pre e post menarca, ed in genere intorno a 11-12 anni, tutte le bambine ricevono una lettera da parte dell’ASL locale che le invita a sottoporsi gratuitamente alla vaccinazione contro il Papilloma Virus Umano (la sigla è HPV), identificato da alcuni anni come responsabile del tumore della cervice uterina. Il vaccino, che rientra fra quelli facoltativi, va somministrato per iniezione intramuscolare in tre dosi: la seconda ad 1 mese dalla prima, la terza a 5 mesi di distanza dalla seconda. “La vaccinazione rappresenta anche l’ occasione per avvicinarsi alla figura del ginecologo, che potrà rispondere ai numerosi quesiti riguardanti la vaccinazione stessa ma anche cominciare ad affrontare le molteplici problematiche che riguardano la salute riproduttiva della ragazze” conclude la dott.ssa Villa.