Fine settimana

Al museo senza noia con i bambini

museobambini
17 Giugno 2014 | Aggiornato il 13 Maggio 2019
Mostre e gallerie off limits con i bambini? No, basta trasformarli in luoghi divertenti e fantastici. Ecco i consigli.
Facebook Twitter More

A che età portare un bambino al museo?

 

L’età più adatta è quattro-cinque anni, quando i bambini sono avidi di sapere e, fattore indispensabile per apprendere l’arte, non hanno pregiudizi estetici.

 

Quali sono le opere più accessibili?

 

I bambini hanno la capacità di percepire tutti i tipi d’arte. i motivi e i colori della pittura astratta comunicano quanto la rappresentazione figurativa; anche la scultura, che è tridimensionale, è molto intrigante per un bambino.

 

Evitate l’approccio didattico.

 

“Lasciate perdere le visite guidate e le spiegazioni noiose” suggerisce Francesca Cappelloni dell’associazione Arte per gioco. “il museo deve essere un luogo interattivo. non abbiate paura: l’immagine dipinta va usata in modo libero e fantasioso. Serve a creare un primo contatto tra i bambini e l’arte figurativa, non a insegnare nozioni. per questo ci sarà tempo”.

 

Preparatevi.

”Il genitore deve informarsi su quello che è esposto, in modo da creare un percorso divertente e coinvolgente”. Qui sotto alcuni suggerimenti di Arte per gioco a cui potete ispirarvi:

  • davanti a un quadro ricco di particolari fatelo giocare al “trova tu”: scegliete degli elementi e fateglieli cercare.
  • stabilite 4/5 soggetti (meglio animali) che dovrà individuare nelle varie opere lungo il percorso della galleria.
  • preparate filastrocche da abbinare ai dipinti, è un buon modo per fermare l’attenzione sull’immagine.
  • inventate una fiaba, dove i quadri sono illustrazioni.
  • se le opere sono astratte, trasformate i colori o le forme nei personaggi di una storia.
  • prima della visita fate disegnare a casa qualcosa che è in mostra e confrontatelo.

A casa come al museo.

Organizzate con i disegni e i lavoretti di vostro figlio una piccola esposizione tra le mura domestiche. E' utile per rielaborare l’atmosfera strana e magica del museo.

Ti potrebbe interessare: