DOVE MANGIARE CON I BAMBINI A ROMA

I migliori ristoranti per bambini a Roma

Di Zelia Pastore
ristorantibambiniroma.600
28 ottobre 2016
Trattorie in pieno centro, posticini in periferia e agriturismi a massimo un’ora di macchina da Roma dove coniugare buon cibo e la possibilità per i piccoli di ricevere un’educazione alimentare: tutti i consigli di Giancarlo Rolandi, segretario di Slow Food Roma

Condividere con i bimbi un momento di convivialità fuori casa, portandoli a mangiare del buon cibo e fornendogli un’educazione alimentare: è possibile? La risposta è sì, nella Capitale (e dintorni) si può fare. Ci guida nei luoghi giusti Giancarlo Rolandi, segretario di Slow Food Roma e autore del documentario “Così mangiavano - Gli italiani, la tavola e i film”, un filmato che usa le lenti del cinema per inquadrare e proiettare ricordi di piatti e di film dal dopoguerra a oggi.

 

 

Imparare a conoscere i cibi prima di tutto

 

«La cultura alimentare che noi trasferiamo ai bambini da piccoli è quella che si ritroveranno da adulti, per questo non dobbiamo mai sottovalutarne l’importanza - spiega Rolandi -. Dobbiamo far capire ai bambini che quello che è di bell’aspetto non è detto che sia di buona qualità o salutare. Un buon modo per passare questi fondamenti in maniera ludica è portarli a fare delle gite nelle fattorie didattiche».

 

 

Osterie in pieno centro

 

Per chi passa nella Capitale come turista e per chi ci abita, le possibilità di fare una pausa gourmet con piccoli al seguito sono molteplici: «Ci sono delle osterie del circuito Slow Food dove la materia prima è talmente buona che i bimbi troveranno senza dubbio cibi adatti al loro palato.

 

 

1. Da Cesare, via del Casaletto

 

Per i piccoli commensali ci sono delle fantastiche polpette di bollito fatte con una materia prima eccellente, e c’è anche l’opzione pizza».

 

 

3. L'Asino d'oro, via Nazionale

 

in pieno centro storico, non si è costretti a piegarsi ai menù turistici

 

 

Un salto in periferia

 

Spostandoci più in periferia, le opzioni di locali per amanti della buona tavola con figli al seguito non mancano.

 

 

1. Dar Parucca, via Macerata (al Pigneto)

 

l’alternativa vegetariana di una buona frittata con le verdure o i pizzotti fritti

 

 

2. Mercato dell'ex mattatoio

 

un mercato nell’ex mattatoio

 

 

Aziende agricole, per vedere come “nasce” il cibo

 

«Non dimentichiamoci che Roma è la più grande città agricola d’Italia, dove la campagna è presente in maniera importante: portiamo i bambini alla scoperta di queste realtà», ricorda Giancarlo Rolandi. «Agricoltura nuova, ad esempio, ha due sedi: una valle di Perna e uno a Castel di Leva, quasi dentro la città. Quello di valle di Perna ha anche la fattoria didattica e tutti e due hanno punti di ristorazione che propongono i loro prodotti (con ottimi formaggi e carni di livello). Il ristorante è aperto domenica e festivi, e per una sosta all’aria aperta c’è anche l’area pic nic».

 


LEGGI ANCHE: Frutta per i bambini, idee creative per fargliela mangiare

 

In alcuni agriturismi, poi, si può organizzare anche una visita didattica: «Sempre meglio chiamare prima. Portare i bambini a vedere come si fa il formaggio, il miele o la marmellata, è un modo per stimolare la loro consapevolezza alimentare».
Ecco alcuni posti a un’ora massimo di distanza da Roma:

 

  • «L’azienda agricola Acquaranda, a Trevignano sul lago di Bracciano;
  • La Polledrara a Paliano, che si trova in una magnifica posizione che domina le colline intorno;
  • Terra Sabina a Poggio Mirteto, nel Reatino, un posto di castagne e funghi;
  • Agriturismo la Nuova Fattoria (a Nettuno), che ha una casa sull’albero dove si può dormire;
  • Le Fontanelle, a Contigliano verso Rieti;
  • Il Casaletto, verso Viterbo, e i Giardini di Ararat a Bagnaia».