Home Bambino

Come i bambini integrano i diversi tipi di informazioni

di Penelope Greco - 02.07.2021 - Scrivici

informazioni
Fonte: Shutterstock
Un nuovo team di ricercatori ha condotto una serie di esperimenti per capire come i bambini integrano i diversi tipi di informazioni. Vediamo

I bambini imparano un numero enorme di parole nei primi anni in età prescolare. Un bambino di due anni potrebbe essere in grado di dire solo una manciata di parole, mentre è molto probabile che un bambino di cinque anni ne conosca molte migliaia. Come fanno i bambini a realizzare questa meravigliosa impresa? Vediamo cos'hanno scoperto nell'ultimo studio scientifico.

In questo articolo

Bambini: come acquisiscono le informazioni

In un nuovo studio, un team di ricercatori del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology, del MIT e della Stanford University affronta questo problema. In una prima fase, hanno condotto una serie di esperimenti per misurare la sensibilità dei bambini a diverse fonti di informazione. Successivamente, hanno formulato un modello cognitivo computazionale che descrive in dettaglio il modo in cui queste informazioni vengono integrate.

"Sappiamo che i bambini usano molte diverse fonti di informazione nel loro ambiente sociale, compresa la loro stessa conoscenza, per imparare nuove parole. Ma l'immagine che emerge dalla ricerca esistente è che i bambini hanno un sacco di trucchi che possono usare", afferma Manuel Bohn, ricercatore presso il Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology.

Ad esempio, se mostri a un bambino un oggetto che già conosce - ad esempio una tazza - oltre a un oggetto che non ha mai visto prima, il bambino di solito penserà che una parola che non ha mai sentito prima appartenga al nuovo oggetto. Perché? I bambini usano le informazioni sotto forma della loro conoscenza esistente delle parole (la cosa da cui bevi è chiamata "tazza") per dedurre che l'oggetto che non ha un nome va con il nome che non ha un oggetto. Altre informazioni provengono dal contesto sociale: i bambini ricordano le interazioni passate con un oratore per scoprire di cosa probabilmente parleranno dopo.

"Ma nel mondo reale, i bambini imparano le parole in contesti sociali complessi in cui è disponibile più di un tipo di informazioni. Devono usare la loro conoscenza delle parole mentre interagiscono con un oratore. L'apprendimento delle parole richiede sempre l'integrazione di più fonti di informazioni diverse ", continua Bohn. Una questione aperta è come i bambini combinano fonti di informazione diverse, a volte anche conflittuali.

Lo studio

I ricercatori hanno raccolto dati con bambini di età compresa tra due e cinque anni per testare quanto bene le previsioni del modello si allineano con i dati del mondo reale. Bohn riassume i risultati: "È straordinario come il modello razionale di integrazione delle informazioni predicesse il comportamento effettivo dei bambini in queste nuove situazioni. Ci dice che siamo sulla strada giusta per comprendere da una prospettiva matematica come i bambini imparano la lingua".

La maggior parte dei bimbi inizia a parlare intorno ai due anni e man mano, nei mesi successivi, diventa sempre più brava e acquisisce padronanza di linguaggio. Ma i bambini imparano semplicemente ascoltando e imparando di conseguenza o sono nati con qualche particolare dote innata che li rende più abili nella loro lingua nativa? Sicuramente una cosa è certa. I bimbi imparano il linguaggio che li circonda.

Come funziona il modello della ricerca? L'algoritmo che elabora le diverse fonti di informazione e le integra si ispira a decenni di ricerca in filosofia, psicologia dello sviluppo e linguistica. Fondamentalmente, il modello considera l'apprendimento delle lingue come un problema di inferenza sociale, in cui il bambino cerca di scoprire cosa intende chi parla, qual è la sua intenzione. Inoltre, il modello specifica anche cosa cambia man mano che i bambini crescono. Nel corso dello sviluppo, i bambini diventano più sensibili alle singole fonti di informazione, eppure il processo di ragionamento sociale che integra le fonti di informazione rimane lo stesso.

Insomma, lo studio offre diversi risultati entusiasmanti e stimolanti che informano la nostra comprensione di come i bambini imparano la lingua. Oltre a ciò, apre un nuovo modo interdisciplinare di fare ricerca. "Il nostro obiettivo era mettere i modelli formali in un dialogo diretto con i dati sperimentali. Questi due approcci sono stati ampiamente separati nella ricerca sullo sviluppo del bambino", afferma Manuel Bohn. Il prossimo passo in questo programma di ricerca sarà quello di testare la robustezza di questo modello teorico.

Fonti articolo: How children integrate information - Eurekalert

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli