Home Bambino

Covid-19 e bambini: i possibili effetti indiretti della pandemia

di Valentina Murelli - 30.06.2020 - Scrivici

gli-effetti-indiretti-della-covid-19-sulla-salute-dei-bambini
Fonte: Shutterstock
Se in generale gli effetti diretti della Covid-19 sembrano più lievi nei bambini che negli adulti, non mancano gli effetti indiretti, potenzialmente dannosi per la salute fisica e mentale dei piccoli.

I dati finora disponibili dicono che, in generale, gli effetti diretti del coronavavirus Sard-Cov-2 sui bambini sono più lievi di quelli registrati negli adulti (il che ovviamente non significa che non ci siano mai effetti, o che non possono esserci forme rare ma più serie, per quanto curabili, come la malattia iper-infiammatoria, una variante della malattia di Kawasaki). Ma quali possono essere gli effetti indiretti della pandemia sulla salute fisica e mentale di bambini e ragazzi?

È la domanda che si è posto un gruppo di ricercatori anglo-canadesi, che hanno fatto il punto sulle conoscenze relative in un articolo pubblicato sul Canadian Medical Association Journal.

Gli effetti indiretti sulla salute fisica

Le possibili conseguenze negative per la salute fisica includono:

  • Ritardi nel portare al pronto soccorso o dal medico bambini che soffrono di malattie o condizioni non collegate alla Covid per paura della pandemia. In questo modo, però, aumentano i rischi di potenziali effetti negativi anche gravi di queste condizioni;
  • Ritardi nella tempistica delle visite di controllo  - i bilanci di salute - dal pediatra (o sospensione delle stesse): anche questo, però può comportare effetti negativi in quanto si perdono occasioni di individuazione precoce di eventuali anomalie o ritardi dello sviluppo;
  • Ritardi o sospensioni delle vaccinazioni di routine.

Gli effetti indiretti su salute mentale e sociale

Oltre agli effetti indiretti sulla salute fisica, possono entrare in gioco anche numerosi fattori che influenzano la salute mentale e sociale e in generale il benessere dei bambini:

  • aumento dei livelli di conflitto con i genitori;
  • aumento della violenza familiare;
  • aumento dell'incertezza economica familiare;
  • diminuzione della qualità (e in alcuni casi quantità) dell'alimentazione, specie per famiglie molto dipendenti per questi aspetti dalla ristorazione scolastica collettiva;
  • perdita o distruzione delle reti sociali in presenza, con aumento del tempo passato su schermi e dispositivi digitali e diminuzione dell'attività fisica;
  • netta riduzione del sostegno per bambini con bisogni educativi speciali.

Tutto questo può inevitabilmente portare a una diminuzione della capacità di concentrazione da parte dei bambini e a un aumento di ansia e depressione infantili.

"Dobbiamo ai nostri bambini una ricerca più attenta sugli effetti indiretti della Covid-19, per poter prendere le decisioni necessarie a mitigare le conseguenze negative" hanno scritto gli errori. Sottolineando che le strategie di mitigazione potrebbero includere:

  • chiare comunicazioni sullo stato di apertura e di funzionamento dei servizi sanitari per i bambini;
  • modalità alternative, ove possibile, alle visite in presenza in ospedale.

E naturalmente serve capire sempre meglio come si contrae e si diffonde il virus tra i bambini, per pianificare il ritorno a scuola.

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli