Home Bambino Istruzione

Cambia di nuovo la pagella alle elementari: si torna al passato

di Nostrofiglio Redazione - 19.02.2024 - Scrivici

pagella-elementari
Fonte: shutterstock
Pagella elementari: si torna ai giudizi, insufficiente, sufficiente, buono e ottimo. Cosa cambia e quando escono le pagelle alle elementari

In questo articolo

Pagella elementari

Tempo di scrutini e la pagella delle elementari riporta dal 2020 4 tipi di giudizi descrittivi: in via di prima acquisizione, base, intermedio e avanzato. Ma questo sistema sta per essere archiviato e la pagella alle elementari cambierà nuovamente: è la decima volta in 50 anni! Secondo un emendamento del governo, inserito nel disegno di legge sulla revisione del voto in condotta, si tornerà  ai giudizi sintetici, quindi i classici: insufficiente, sufficiente, buono e ottimo.

La scala dei voti alle elementari

Per quanto riguarda le pagelle della scuola primaria, dal 2020 le pagelle includono giudizi descrittivi con quattro livelli di valutazione:

  • Avanzato: l'alunno porta a termine compiti in situazioni note e non note, mobilitando una varietà di risorse sia fornite dal docente sia reperite altrove, in modo autonomo e con continuità.
  • Intermedio: l'alunno porta a termine compiti in situazioni note in modo autonomo e continuo; risolve compiti in situazioni non note utilizzando le risorse fornite dal docente o reperite altrove, anche se in modo discontinuo e non del tutto autonomo.
  • Base: l'alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e utilizzando le risorse fornite dal docente, sia in modo autonomo ma discontinuo, sia in modo non autonomo, ma con continuità.
  • In via di prima acquisizione: l'alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e unicamente con il supporto del docente e di risorse fornite appositamente.

Gli attuali voti elementari, a cosa corrispondono?

Non è possibile dare una perfetta corrispondenza tra giudizio e il classico voto numerico, ma bisogna leggere il giudizio descrittivo nel suo complesso per capire a quali obiettivi è arrivato il bambino e quali sono i punti di forza e quelli su cui si deve lavorare.

Pagella: le quattro dimensioni

La pagella della scuola primaria viene divisa in 4 dimensioni da collegare a ognuno dei 4 livelli di apprendimento:

  • Autonomia: gli insegnanti dovranno valutare il grado di autonomia dell'alunno rispetto al raggiungimento dell'obiettivo.
  • Situazione nota o non nota: si valuta la capacità di raggiungere gli obiettivi in situazioni diverse, alcune note perché magari già affrontate altre volte, alcune nuove quindi non note.
  • Risorse usate: che risorse utilizza il bambino per raggiungere l'obiettivo? Se le è procurate da solo o ha avuto bisogno del supporto dell'insegnante?
  • Continuità: se l'alunno è costante nel suo apprendimento c'è continuità, ma potrebbe anche trattarsi di un impegno discontinuo.

I criteri di valutazione tengono conto quindi anche di questi aspetti, non soltanto del raggiungimento o meno dell'obiettivo, ma anche del percorso fatto per arrivarci.

Le novità dal prossimo anno

Ma questo sistema di valutazione, introdotto solo 4 anni fa, è già destinato ad essere archiviato in favore di un ritorno al passato. Un emendamento del governo al Ddl Valditara - che include soprattutto nuove regole più stringenti sulla condotta e le sospensioni degli studenti - in questi giorni all'esame della commissione Istruzione del Senato elimina i giudizi descrittivi a partire dall'anno prossimo e probabilmente si tornerà ad usare giudizi sintetici: ottimo, distinto, buono, sufficiente e insufficiente.

Quando escono le pagelle della scuola primaria?

L'anno scolastico è divido in due quadrimestri. Verso la metà di febbraio sarà disponibile la pagella (scheda di valutazione) del primo quadrimestre, a giugno la pagella del secondo quadrimestre.

Revisionato da Francesca Capriati

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli