Home Bambino Istruzione

Caravaggio spiegato ai bambini: la sua storia e la sua arte

di Francesca Capriati - 22.02.2024 - Scrivici

caravaggio
Fonte: shutterstock
Caravaggio spiegato ai bambini: schede didattiche, arte, storia e curiosità su Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, da raccontare ai bambini

In questo articolo

Caravaggio spiegato ai bambini

Michelangelo Merisi, meglio conosciuto come Caravaggio, è un personaggio davvero particolare e possiamo raccontare la sua storia ai bambini, con la certezza che li affascinerà con la sua arte e le sue peripezie. Ma chi è davvero Caravaggio? Ecco come spiegarlo ai bambini.

Chi è Caravaggio?

Nato a Milano nel 1571, Caravaggio ha vissuto una vita tumultuosa e avventurosa, caratterizzata da genio artistico e controversie. La sua tecnica innovativa, basata sull'uso del chiaroscuro per creare intense contrasti tra luce e ombra, ha reso le sue opere immediatamente riconoscibili. I suoi dipinti spesso rappresentano scene bibliche o mitologiche con una realtà cruda e una profondità emotiva straordinaria.

La sua vita

Da piccolo, Michelangelo ha dovuto affrontare tempi difficili a causa della peste, che spinse la sua famiglia a trasferirsi in un posto chiamato Caravaggio. La peste uccise suo padre, suo nonno e suo zio.

A tredici anni, la mamma lo mandò da un artista chiamato Simone Peterzano per imparare a dipingere. Rimase l' 4 anni, poi s ene andò e arrivò a Roma. Lì iniziò lagrande avventura di Caravaggio: incontrò tanti altri artisti e imparò moltissimo da ciascuno di loro. Dipinse cose incredibili che fecero anche arrabbiare qualche persona importante. Era così bravo che persino un cardinale decise di sostenerlo, aiutandolo e facendolo conoscere a tutti.

Caravaggio ha dipinto scene straordinarie, alcune molto grandi e complesse, come quelle nella chiesa di San Luigi dei Francesi, ritratti e scene crude e molto realistiche, a volte violente e sicuramnete di grande effetto.

Ma anche se er aun grade artista, Caravaggio aveva un grande difetto: era irascibile, si arrabbiava facilmente e non si tirava mai indietro se c'era da partecipare a qualche rissa. Fu così che finì in prigione e una volta addirittura uccise un uomo in una lite durante una partita a un gioco chiamato pallacorda.

Fu condannato alla decapitazione: ogni eprsona che lo incontrava per strada avrebbe potuto ucciderlo per legge. 

I suoi amici lo aiutarono a scappare, e così raggiunse Napoli dove continuò a dipingere capolavori.

Infine, è tornato a Napoli, dipingendo ancora e ancora, fino a quando gli giunse notizia che il Papa stava per concedergli la grazia e la revoca della condanna a morte. Decise, quindi, di imbarcarsi su una nave per tornare a Roma, ma andò tutto storto e alla fine, dopo mille peripezie, si ammalò e morì nel 1610 a soli trentotto anni. 

Le sue opere rimangono ancora oggi, raccontando la storia travagliata e affascinante della sua vita. Caravaggio: un ribelle con un pennello, ma anche un genio che ha cambiato per sempre il mondo dell'arte.

Laboratori per bambini su Caravaggio

Le opere di Caravaggio si prestano a tantissimi laboratori e percorsi da proporre in classe, dai giochi di colore ai chiaroscuri, fino alla rappresentazione della realtà. Ecco qualche idea per coinvolgere i bambini:

  • Analisi delle opere: mostriamo ai bambini alcune delle opere più famose di Caravaggio, come "La vocazione di San Matteo", "Bacchino malato" e "Giovane con il canestro di frutta". Discutiamo con loro i colori, le luci, le ombre e i soggetti delle opere.
  • Ricostruzione delle opere: dividiamo i bambini in gruppi e chiediamo loro di ricreare una delle opere di Caravaggio utilizzando materiali artistici come carta, tempera o pastelli.
  • Gioco delle ombre e delle luci: spieghiamo ai bambini come Caravaggio usava luci e ombre per creare effetti drammatici nelle sue opere. Poi, facciamo loro fare un gioco dove devono usare una torcia per creare ombre e luci su un muro, in alternativa creiamo opere usando solo il pastello bianco e nero e giocando con le sfumature.
  • Teatro delle scene caravaggesche: dividiamo i bambini in gruppi e assegniamo loro una scena tratta da un'opera di Caravaggio. Ogni gruppo dovrà creare una breve scenetta teatrale ispirata alla scena assegnata, utilizzando costumi e oggetti di scena semplici.
  • Pittura alla maniera di Caravaggio: diamo ai bambini carta, colori e pennelli e chiediamo loro di dipingere un ritratto o una natura morta utilizzando lo stile di Caravaggio, concentrandosi sul contrasto tra luci e ombre.
  • Creazione di un libro d'arte: alla fine del laboratorio, i bambini creeeranno un piccolo libro d'arte su Caravaggio, includendo disegni delle opere studiate, informazioni sull'artista e riflessioni personali sulle loro esperienze durante il laboratorio.

Domande e risposte

Perché il nome Caravaggio?

Michelangelo Merisi fu detto il Caravaggio dal nome del borgo omonimo presso Milano dove erano anti i suoi genitori e dove andò a lavorare.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli