Home Bambino Istruzione

Svezia e scuole aperte: basso il rischio di forme gravi di Covid tra i bimbi

di Lorenza Laudi - 08.01.2021 - Scrivici

scuola-e-covid
Fonte: Shutterstock
Nonostante le scuole primarie e secondarie di primo grado in Svezia siano rimaste aperte durante tutta la pandemia, i bimbi hanno comunque rischiato meno di ammalarsi (e di andare in terapia intensiva) rispetto agli adulti.

Durante la scorsa primavera, appena scoppiata la pandemia, la Svezia ha mantenuto aperte le scuole materne, le elementari e le medie. Finora sono state fatte poche ricerche sul rischio che i bambini possano venire gravemente colpiti da COVID-19 nonostante le scuole aperte. Uno studio del Karolinska Institutet in Svezia ha dimostrato che solo un bambino su 130. 000 è stato curato in un reparto di terapia intensiva a causa del COVID-19 nel periodo marzo-giugno. Lo studio è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine.

In questo articolo

I malati di Covid-19 nel mondo

Finora, più di 80 milioni di persone si sono ammalate di COVID-19 e, a livello globale, quasi due milioni di persone sono morte a causa della malattia. Molti paesi sono in lockdown totale o parziale per ridurre la diffusione dell'infezione. Una delle misure prese è stata la chiusura delle scuole.

La chiusura delle scuole e il Covid-19

Secondo l'organismo delle Nazioni Unite UNESCO, le scuole di 195 paesi sono state chiuse, completamente o parzialmente. Ancora oggi, centinaia di milioni di bambini in tutto il mondo non possono andare a scuola a causa della chiusura forzata.

La soluzione svedese per la scuola

In Svezia, la formazione a distanza è stata messa in atto per le scuole secondarie di secondo grado, ma non per le scuole materne, primarie o secondarie di primo grado, che invece sono rimaste aperte.

Finora non ci sono state ricerche su come le scuole aperte possano influenzare il rischio che i bambini vengano gravemente colpiti da COVID-19. Per questo motivo, i ricercatori del Karolinska Institutet hanno condotto uno studio anagrafico per scoprire quanti bambini di età compresa tra 1 e 16 anni siano stati trattati in un'unità di terapia intensiva per il COVID-19 o per la sindrome multi-infiammatoria (MIS-C) che è stata collegata al COVID-19.

Tra il 1° marzo e il 30 giugno 2020, sono stati 15 i bambini con COVID-19 o MIS-C trattati in unità di terapia intensiva in Svezia.

"Questo è l'equivalente di 0,77 pazienti in terapia intensiva ogni 100. 000 bambini di quella fascia d'età. Quattro dei bambini avevano malattie pregresse. Nessuno dei bambini è morto nei due mesi successivi l'uscita dalla terapia intensiva", dice Jonas F. Ludvigsson, pediatra dell'Ospedale Universitario di Örebro, professore del Dipartimento di Epidemiologia Medica e Biostatistica del Karolinska Institutet e primo autore dello studio.

Sette dei 15 bambini hanno avuto il MIS-C. Quattro bambini hanno avuto bisogno della ventilazione meccanica invasiva. La durata più comune in un'unità di terapia intensiva era di quattro giorni.

"È un sollievo che il COVID-19 grave - e quindi il ricorso alla terapia intensiva -, sia così raro tra i bambini, nonostante le scuole siano rimaste aperte durante la pandemia. Il prossimo passo sarà quello di seguire i bambini che sono stati trattati in un'unità di terapia intensiva per COVID-19 per vedere se si sono ripresi completamente. Penso però che i bambini che sono stati gravemente ammalati a causa del MIS-C siano guariti completamente alla fine", dice Jonas F. Ludvigsson.

Questo studio è stato reso possibile grazie alla collaborazione tra il Registro svedese di terapia intensiva e il Registro svedese di reumatologia pediatrica. Jonas F. Ludvigsson sta seguendo uno studio non correlato per conto del Registro svedese della qualità, per IBD, SWIBREG. Non sono stati segnalati altri conflitti di interesse.

Biografia:

Open Schools, Covid-19, and Child and Teacher Morbidity in Sweden, January 6, 2021 DOI: 10. 1056/NEJMc2026670

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli