Home Bambino Istruzione

Doposcuola per genitori e insegnanti, tutte le informazioni per il rientro

di Elena Berti - 25.08.2021 - Scrivici

doposcuola-per-genitori-e-insegnanti
Fonte: Shutterstock
Il doposcuola è un servizio offerto ai genitori che prevede un orario prolungato del servizio scolastico al di là delle regolari lezioni

Doposcuola per genitori e insegnanti

Uno dei servizi più utili forniti dalla scuola al di fuori dell'orario scolastico è sicuramente il doposcuola, che permette a molte famiglie di poter contare su un orario di apertura più lungo della struttura e di non doversi organizzare con aiuti esterni. Il doposcuola per i genitori che lavorano è un grande vantaggio: permette infatti di recuperare i figli più tardi rispetto all'orario di fine delle lezioni, con numerose conseguenze sull'organizzazione quotidiana.

In questo articolo

Cos’è e come funziona il doposcuola

Il doposcuola è, appunto, un orario prolungato offerto da alcune scuole per permettere ai bambini di restare all'interno della struttura scolastica e svolgere alcune attività che variano a seconda di chi le organizza. 

Durata e attivazione, infatti, dipendono solitamente dal Comune di appartenza della scuola e, in alcuni casi, dalla scuola stessa, che può decidere di attivarlo o meno in base alla richiesta e alle necessità delle famiglie. 

Anche l'orario è molto variabile e dipende da quello delle lezioni: non tutte le scuole d'Italia prevedono il cosiddetto tempo pieno, per questo il doposcuola può essere soltanto un prolungamento dell'orario mattiniero alle prime ore del pomeriggio o, ancora, arrivare fino alle 18. 

Che attività si svolgono durante il doposcuola

Solitamente, le scuole pubbliche di grado primario e secondario offrono un doposcuola che punta ad accompagnare i bambini durante lo studio e i compiti assegnati per casa. In alcuni casi, i bambini vengono lasciati liberi di giocare, oppure di svolgere altre attività sotto il controllo di adulti che, generalmente, non sono gli insegnanti.

Di solito infatti del doposcuola si occupano cooperative e associazioni individuate dal Comune, oppure dipendenti assunti dal Comune stesso. 

Perché iscrivere i figli al doposcuola

l motivo principale per cui si fa richiesta del doposcuola è quello di prolungare l'orario in cui i figli restano nella struttura scolastica, senza bisogno di andare quindi a prenderli troppo presto. Ma non solo i genitori che lavorano possono o devono usufruirne: anche se uno dei due non lavora, il doposcuola può essere comunque un luogo di scambio e un momento in cui i bambini passano del tempo insieme in un luogo sicuro. La decisione quindi di iscrivere i propri figli dipende soltanto dall'organizzazione famigliare e dalle esigenze del bambino: se trovate che vostro figlio sia già molto stanco dopo le lezioni e abbia bisogno di "staccare", forse non è la scelta migliore per lui. 

Come iscrivere i figli al doposcuola e quanto costa

Il costo del doposcuola, nelle scuole pubbliche, è solitamente calcolato in base all'ISEE, ma può variare da Comune a Comune. Per iscrivere i figli e informarsi sull'attivazione del servizio è bene informarsi presso gli sportelli scolastici del Comune della scuola, materna, primaria o secondaria: molto spesso si fa prima dell'inizio dell'anno scolastico, oppure all'inizio. Il più delle volte è necessario iscrivere i figli per tutta la settimana, ma capita che si possa richiedere il servizio in via straordinaria: anche questo dipende dalla scuola, la cui segreteria ha tutte le informazioni che vi servono su tariffe e tempistiche. Ricordate inoltre che anche le scuole private e paritarie mettono a disposizione un servizio di doposcuola, con tariffe generalmente diverse da quelle del pubblico ma con più attività a disposizione. Anche alcune scuole pubblico, comunque, offrono attività sportive o culturali nell'orario del doposcuola, in particolare alle elementari e alle medie. 

Alla materna, in alcuni casi che dipendono sempre dal Comune di appartenenza, il doposcuola è gratuito se entrambi i genitori lavorano.

Come si svolge il doposcuola per gli educatori e gli alunni

Il doposcuola si svolge all'interno della struttura scolastica ma non coinvolge gli insegnanti, a cui è riservato l'orario delle lezioni. Solitamente si tratta di educatori assunti dal Comune o di cooperative selezionate che offrono il servizio occupandosi di bambini e ragazzi. Laddove il doposcuola preveda lo svolgimento dei compiti, gli educatori si limitano a seguirli aiutandoli se serve. Quando invece il servizio offre qualcosa di più, gli operatori possono organizzare attività sportive o ricreative per intrattenere i ragazzi, solitamente in accordo con chi gestisce il doposcuola e in linea con l'età degli alunni.

Il doposcuola è un servizio utile ai genitori e ai bambini: per poterne usufruire non dimenticate di informarvi presso la scuola dei vostri figli al momento dell'iscrizione per non incappare in brutte sorprese, come la non attivazione del servizio, purtroppo ancora diffusa in molte scuole d'Italia.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli