Home Bambino Istruzione

Il bimbo piange perché non vuole andare alla scuola materna

di Luisa Perego - 11.10.2011 - Scrivici

bambinoscuolapianto.600
Fonte: Di R R / shutterstock
Al mattino si sveglia allegro e loquace, poi andate a scuola e tutto cambia: quando è il momento di lasciarlo con i compagni e la maestra si aggrappa, piange disperato e non vuole lasciarvi andare. Come dovete comportarvi con vostro figlio? Semplicemente andarvene con un bel sorriso o riportarlo a casa? I consigli del neuropsichiatra infantile

Il bambino piange disperato quando viene lasciato a scuola con i compagni e la maestra. Come si devono comportare i genitori?

Fritz Jansen, neuropsichiatra infantile, consiglia: "Molto semplice, salutatelo con un bel sorriso e andate via! Al pomeriggio chiedete alle maestre per quanto tempo il bambino ha continuato a piangere. Se il pianto è durato una decina di minuti non ponetevi neanche il problema ma dategli ogni giorno una dose di coccole in più".

I genitori possono essere sicuri che il bambino non ne risentirà dal punto di vista emotivo?

In genere, giorno dopo giorno, il bambino piangerà sempre meno. Abbiate pazienza, dovete solo aspettare: nel giro di qualche giorno, al massimo un mesetto, la situazione si risolverà da sola.

Il bambino continua a piangere e per più di una decina di minuti. Perché?

Probabilmente ha paura, ma non è la regola. Anche il bimbo che piange per più di dieci minuti deve imparare a stare a scuola senza la mamma, in modo che possa imparare: non c'è nulla di male!

Che cosa succede se il genitore non riesce a resistere e riporta il bimbo a casa?

I genitori iperprotettivi rischiano di alimentare le paure dei bambini. Insomma lo riportate a casa e lui penserà: allora avevo ragione ad avere paura!

In genere dopo un mese di inserimento, tutti i bambini si tranquillizzano?

In realtà c'è un terzo gruppo di bambini: per loro il problema non si risolve da solo. Non succede molto spesso, ma è importante che questi bambini ricevano un aiuto da uno psicologo infantile. E' infatti possibile che il bambino percepisca una situazione di pericolo visibile solo a un esperto.

La situazione si può risolvere facendo sedute da uno psicologo e parlando?

Purtroppo no. Quando i bambini sono così piccoli, parlare non basta.

Il professionista dovrà valutare la situazione sul posto (quindi lo accompagnerà a scuola) e stare molto tempo insieme al bambino, fino a quando non sarà in grado di capire che cosa sta succedendo.

Di solito, che cosa fa paura a un bambino alla scuola materna?

Molte volte succede che il bambino sia (o si senta) escluso dagli altri. A volte il problema è la stessa paura del bambino che gli impedisce di inserirsi nel gruppo. In questi casi bisogna cercare di aiutarlo per cambiare il suo comportamento. .

(Articolo tratto da Eltern, la prima rivista tedesca per genitori)

Aggiornato il 05.09.2018

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli