Home Bambino Istruzione

Nuovo Dpcm Ottobre 2020: cosa cambia su scuola, gite e sport per bambini

di Sara Sirtori - 13.10.2020 - Scrivici

dpcm-ottobre
Fonte: Shutterstock
Le nuove misure del Dpcm di ottobre: cosa cambia per quanto riguarda la scuola, le gite scolastiche e lo sport.

Nuovo Dpcm Ottobre 2020: le restrizioni per bambini e ragazzi

Il nuovo Dpcm di ottobre 2020 prevede diverse restrizioni dovute al Covid-19: sono previsti cambiamenti anche per quanto riguarda bambini e ragazzi nell'ambito della scuola, gite scolastiche e sport. Ecco cosa prevede la stretta del governo per contenere i contagi da Covid-19.

Mascherine sopra i 6 anni anche a scuola

L'articolo 1 del Dpcm stabilisce l'obbligo di avere sempre con sé la mascherina e di indossarla "nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all'aperto" tranne nei luoghi in cui "sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi, e comunque con salvezza dei protocolli e delle linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali, nonché delle linee guida per il consumo di cibi e bevande".
Dall'obbligo di mascherina sono esclusi i bambini sotto i 6 anni, chi fa attività sportiva i soggetti con patologie e disabilità incompatibili con l'uso della mascherina. Viene "fortemente raccomandato" l'utilizzo dei dispositivi "anche all'interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi".

Gite scolastiche sospese

Il Dpcm dà le linee guida anche sulle gite degli studenti. "Sono sospesi i viaggi d'istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, fatte salve le attività inerenti i percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento, nonché le attività di tirocinio".

Vietati sport di contatto o di squadra

Sono vietate tutte le gare, le competizioni e tutte le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere amatoriale. Gli sport di contatto sono consentiti "da parte delle società professionistiche e ‒ a livello sia agonistico che di base ‒ dalle associazioni e società dilettantistiche riconosciute dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato italiano paralimpico (CIP), nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, Discipline sportive associate ed enti di promozione sportiva, idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in settori analoghi".

Quarantena ridotta a 10 giorni

La Circolare del Ministero della Salute aggiorna le indicazioni sulla quarantena:

  • per i positivi asintomatici con diagnosi confermata da test molecolare l'isolamento consisterà in dieci giorni più tampone unico a fine quarantena.
  • Per i positivi sintomatici, quarantena di almeno dieci giorni di cui gli ultimi tre obbligatoriamente senza sintomi e tampone molecolare unico a fine isolamento.
  • Per i positivi asintomatici con riscontro di positività al test molecolare effettuato al decimo e 17esimo giorno, almeno 21 giorni di quarantena l'isolamento si interrompe comunque al 21esimo giorno in quanto le evidenze disponibili non documentano alcun caso di presenza di virus competente per la replicazione.

I contatti stretti dovranno sottoporsi a isolamento fiduciario di dieci giorni, più tampone antigenico rapido o molecolare. I positivi a lungo termine in assenza di sintomatologia da almeno una settimana, potranno interrompere l'isolamento dopo 21 giorni dalla comparsa dei sintomi.

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli