Home Bambino Istruzione

Piano RiGenerazione Scuola, il ruolo della scuola per un futuro sostenibie

di Niccolò De Rosa - 26.01.2022 - Scrivici

piano-rigenerazione-scuola
Fonte: Shutterstock
Con il Piano RiGenerazione Scuola il Miur punta a favorire la transizione ecologica e culturale delle nuove generazioni per un futuro più sostenibile

Sostenibiità, sviluppo e competenze digitali. Nell'era del Climate Change e del mondo interconnesso la sfida educativa per la Scuola si arricchisce di parole chiave inedite ma necessarie alla formazione di nuove generazioni consapevoli e preparate ad affrontare la nuova società che sta prendendo forma. Gestire le risorse del pianeta e saper utilizzare con destrezza la tecnologia in costante evoluzine saranno infatti abilità imprescindibili per i ragazzi di domani e ovviamente la scuola deve necessariamente rinnovarsi per venire incontro a simili esigenze educative.

Da qui la nascita di RiGenerazione Scuola, il piano del MIUR e del Ministero per la transizione ecologica che mira a riformare programme e iniziative per le scuole affinché i giovani non solo possano conoscere meglio il mondo che li circonda, ma che abbiano l'opportunità di maturare una coscenza civica e ambientale ben più radicata e solida rispetto alle generazioni passate.

In questo articolo

Piano RiGenerazione Scuola: cos'é

Leggendo sull'apposita sezione del sito del MIUR, il Piano RiGenerazione Scuola nasce per

«rigenerare la funzione educativa della scuola per ricostruire il legame fra le diverse generazioni, per insegnare che lo sviluppo è sostenibile se risponde ai bisogni delle generazioni presenti e non compromette quelle future, per imparare ad abitare il mondo in modo nuovo. La scuola crea, così, non solo il nuovo alfabeto ecologico ma si trasforma in luogo nel quale si azzerano i conflitti tra le generazioni e si impara a crescere in modo sostenibile».

Insomma, una vera e propria "transizione" per mutare completamente le prospettive dei cittadini di domani attraverso un nuovo tipo di Educazione Civica che integri le esigenze del nativo digitale, sempre connesso e abituato a utilizzare la tecnologia, con la consapevolezza di dover proteggere il pianeta che ci ospita.

Piano RiGenerazione Scuola: gli obiettivi

Il Piano si rifà chiaramente ad alcuni punti presenti nell'ormai nota Agenda 2030, la lista stilata dall'ONU contenente una serie di obiettivi da raggiungere entro il 2030 per preservare la salute della Terra e, allo stesso tempo, migliorare sensibilmente la vita degli abitanti di tutto il pianeta.

Dunque, rifacendosi agli aspetti sociali, economici e ambientali del futuro che ci aspetta, le istituzioni puntano a riformare il mondo scuola per raggiungere alcuni scopi ben definiti:

  • Superare il pensiero antropocentrico per cui l'uomo può disporre a proprio piacimento delle risorse naturali senza curarsi delle conseguenze.
  • Imparare e apprezzare il rapporto fra solidarietà ed ecologia.
  • Abbandonare per sempre la cultura dello scarto a vantaggio della cultura circolare (riciclo e riutilizzo).
  • Avere consapevolezza dei problemi ambientali e del fatto che l'uomo debba diminuare l'impatto della propria opera sulla Natura.
  • Capire come la crisi ambientale sia anche un problema economico che può influire con decisione sulla vita di tutti.
  • Apprendere competenze e abilità per poter pensare/costruire/progettare una società più sostenibile.

Come realizzare la transizione?

Sulla basi di simili linee guida, il MIUR ha già attivato una serie d'iniziative per trasformare la scuola italiana in una protagonista attiva di questo inevitabile processo. Già nel novembre 2021, con l'organizzazione della prima Settimana Nazionale della RiGenerazione, istituti scolastici in tutto il Paese hanno organizzato conferenze, progetti e laboratori per ragionare sulla questione e proporre nuove, ma naturalmente non finisce qui.

Dal prossimo anno, ad esempio, tra le opzioni a disposizione per gli studenti italiani ci sarà anche il Liceo per la Transizione Ecologica e Digitale, un innovativo percorso formativo nel quale le tradizionali conoscenze umanistiche e scientifiche verranno affiancate da un approfondito trattamento delle materie STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics).

In questa ottica fondamentale sarà la cooperazione tra scuole, università, aziende ed esperti del settore, in modo da promuovere un approccio non solo teorico ma anche pragmatico alle nuove prospettive affrontate.

Classi e istituti stessi infine potranno dire la loro: nella già citata sezione del sito del MIUR dedicata al Piano RiGenerazione è infatti possibile attivare nuove attività, accedere a bandi e risorse economice messe a disposzione dallo Stato e prendere parte ad una Community fatta di idee e progetti che guardino ad un domani più verde e digitale.

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli